Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

“Il giardino dei Finzi-Contini” di Giorgio Bassani: per capire bisogna morire almeno una volta

“Il giardino dei Finzi-Contini” di Giorgio Bassani: per capire bisogna morire almeno una voltaÈ il 1962 l’anno in cui il pubblico conosce per la prima volta il capolavoro di Giorgio Bassani, ovvero Il giardino dei Finzi-Contini. In questo romanzo, vincitore del Premio Viareggio, a essere raccontati sono gli anni che precedono la seconda guerra mondiale, gli stessi in cui le leggi razziali si diffondono con le loro stupide limitazioni. Ma il protagonista, nonché l’io narrante senza nome di quest’opera intensa, riferisce gli eventi storici alla luce dei ricordi, lasciando che la propria esperienza personale conduca la trama.

Roma 1957. Le tombe della necropoli etrusca presso cui il nostro io narrante si trova in visita con degli amici, lo portano a pensare a un’altra tomba, quella che doveva accogliere i componenti della ricca famiglia Finzi-Contini, ebrei come lui. Invece tra quelli che aveva frequentato durante la sua giovinezza ferrarese solo Alberto, morto precocemente a causa di una malattia, vi troverà sepoltura mentre gli altri saranno deportati nei campi di concentramento in Germania. Il finale è così da subito svelato, proiettando il lettore in una prospettiva che non offre l’illusione di una risoluzione positiva della vicenda. Ma dopo il primo salto nel passato, il narratore non riesce a riemergere dal vortice della memoria, che lo riporta a quel giardino in cui lui e altri ragazzi si incontravano per giocare a tennis, dopo che tra le leggi razziali era entrata in vigore anche quella che prevedeva, appunto, l’esclusione degli ebrei dal circolo in cui si praticava questo sport. Il primo invito a partecipare alle partite presso il giardino dei Finzi-Contini lo riceve dalla sorella di Alberto, la bella e testarda Micol, che non vede da quando, nove anni prima ancora quindicenne se ne era infatuato. Riprende a frequentarla e scopre che quel sentimento infantile, si rinnova con la pretesa di diventare qualcosa di più importante. Concedendosi a solitarie esplorazioni del giardino, lontani dal rumore del gruppo intento a concludere le partite, tra i due si crea una dinamica interessante che li porta a un confronto, in cui emergeranno due modi contrapposti di approcciarsi alla vita, dovuti anche alla distanza che tiene separati gli ambienti dell’alta e media borghesia, cui appartengono rispettivamente Micol e l’io narrante;inutili le parole della ragazza volte a giustificare l’impossibilità di legarsi sentimentalmente al protagonista, perché quest’ultimo intuisce con grande dispiacere la presenza di un’altra figura maschile.

“Il giardino dei Finzi-Contini” di Giorgio Bassani: per capire bisogna morire almeno una volta

Il giardino dei Finzi-Contini è il luogo presso cui trovano manifestazione le personalità dei personaggi che lo popolano. Qui il processo storico, infatti, sembra essere sospeso in favore di una maggiore visibilità di quelle che sono le caratteristiche più peculiari di questi ragazzi, il cui destino è pesantemente influenzato dal contesto in cui vivono. Le leggi razziali, così come la guerra che avanza senza tenere conto dei sogni e delle speranze individuali, si riducono a un’eco che sfiora il giardino senza mai attraversarlo. Ovviamente anche in questa micro società nascono i conflitti, rendendo le relazioni interpersonali tutt’altro che statiche.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

I temperamenti emergono nella loro diversità, a cominciare da Micol la cui vitalità è opposta alla fragilità del fratello Alberto, trovando un punto di contatto nell’esuberanza di Giampiero, altro frequentatore del giardino, destinato a morire in guerra. Ma anche tra questi due idealisti sussiste una differenza significativa, perché se Giampiero vive le proprie idee politiche con l’aspettativa di cambiare il corso delle cose, Micol sembra non confidare in un futuro, che in effetti non l’attende. C’è un presentimento che la spinge a concedersi al giorno, senza riservare alcuna fiducia nell’avvenire.

“Il giardino dei Finzi-Contini” di Giorgio Bassani: per capire bisogna morire almeno una volta

L’io narrante, al contrario, dotato di un’indole particolarmente sensibile e capace di penetrare la superficie della realtà, soffre della frustrazione di chi intende realizzarsi. Ma qui non è solo la storia a essere stata clemente con lui, perché a entrare in gioco sono anche quelle risorse che scopre di possedere, grazie all’aiuto del padre. Forse è questa una delle parti più interessanti del libro, quella in cui il genitore vede nella diversità del figlio il punto da cui partire per costruire un progetto di vita autentico. Lo sprona a vivere il rifiuto di Micol come la possibilità di un ritorno a se stesso, perché ogni fallimento non è altro che un punto di contatto più profondo e consapevole con la realtà: «Nella vita, se uno vuol capire, capire sul serio come stanno le cose di questo mondo, deve morire almeno una volta. E allora, dato che la legge è questa, meglio morire da giovani, quando uno ha ancora tanto tempo davanti a sé per tirarsi su e risuscitare».

“Il giardino dei Finzi-Contini” di Giorgio Bassani: per capire bisogna morire almeno una volta

Questo romanzo è da comprendere, da fare proprio, perché quei momenti in cui è necessario arrivare a un punto di rottura con l’esistenza per recuperarla, sono parte di quel processo doloroso, che le parole così forti e rappresentative di Giorgio Bassani hanno saputo rendere in modo straordinariamente vivo ne Il giardino dei Finzi-Contini.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.