In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Il flebile confine tra pittura e scrittura in Baudelaire e Zola

Il flebile confine tra pittura e scrittura in Baudelaire e ZolaNella cultura popolare francese, l’arte e la letteratura si sono sempre influenzate reciprocamente, in qualche maniera. Basti pensare al rapporto di due dei più grandi romanzieri dell’Ottocento, Alexandre Dumas e Victor Hugo, con le opere di grandi pittori come Picasso, Gustave Doré e Raoul Dufy, e i dipinti La zattera della Medusa (Le Radeau de la Méduse, Théodore Géricault), di cui parlò anche Émile Zola ne L’ammazzatoio (L’assommoir, 1877), e La libertà che guida il popolo (La Liberté guidant le peuple, 1830) di EugèneDelacroix, a cui Hugo si sarebbe ispirato per realizzare il personaggio di Gavroche ne I Miserabili (Les Misérables, 1862). Questa relazione di reciprocità, in particolar modo, ha un carattere rilevante in Zola e Baudelaire.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Zola e gli Impressionisti

Émile Édouard Charles Antoine Zola (Parigi, 2 aprile 1840 – Parigi, 29 settembre 1902), uno dei più illustri scrittori della letteratura francese, si approccia al mondo dell’arte prima ancora di affermarsi in campo letterario. La sua carriera esordisce con il giornalismo. In qualità di critico d’arte, Zola si promuove ben presto a difensore dell’Impressionismo, movimento artistico nato in Francia nella seconda metà dell’Ottocento, a cui dedica diverse opere (Mon Salon, 1866; Mes haines, 1866; Édouard Manet, 1867).

Il flebile confine tra pittura e scrittura in Baudelaire e Zola

Ed è proprio questa corrente artistica a ispirare il romanzo L’opera, pubblicato nel 1866 (titolo originale L’Œuvre), considerato come un vero e proprio manifesto della corrente impressionista: il lettore viene catapultato nel mondo dell’arte attraverso il protagonista del racconto, Claude Lantier, un pittore “fallito” della Parigi impressionista, personaggio presumibilmente ispirato alla vita dell’amico Paul Cézanne. La pubblicazione del libro, tuttavia, comportò la rottura di Zola con gli impressionisti: Monet, lo stesso Cézanne e Renoir contestarono allo scrittore di aver enfatizzato il carattere fallimentare della loro arte, ponendo l’accento sul negativo riscontro che ebbe con il pubblico, troppo abituato ai canoni classici e quindi lontano dall’apprezzare questa nuova forma di pittura.

Il flebile confine tra pittura e scrittura in Baudelaire e Zola

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

Il flebile confine tra pittura e scrittura in Baudelaire e Zola

Ma se è vero che l’Impressionismo ispirò Zola, altrettanto lo è il fatto che lui stesso abbia ispirato opere d’arte impressioniste. Un celebre esempio è Colazione dei canottieri (titolo originale Le Déjeuner des canotiers), dipinto di Pierre-Auguste Renoir databile 1880-1882 – e in cui, tra i numerosi volti, viene raffigurato il poeta simbolista Jules Laforgue e si intravede il romanziere Guy de Maupassant, dalla cui ambientazione, la terrazza del ristorante La Fournaise, trarrà spunto per inscenare il Restaurant Grillon nel suo racconto La moglie di Paul (titolo originale La femme de Paul, 1881) – che ripropone una tranche di vita parigina en plein air, realizzato in seguito a una provocazione dello stesso Zola, il quale accusò gli esponenti del movimento di non aver colto nel profondo l’essenza della nuova forma artistica.

 

LEGGI ANCHE – La serenità d'animo è contagiosa. Intervista a Renoir

Il flebile confine tra pittura e scrittura in Baudelaire e Zola

Inoltre, un ritratto di Zola compare anche in due dipinti impressionisti. Il primo è Paul Alexis legge un manoscritto a Émile Zola (titolo originale Paul Alexis lisant à Émile Zola) di Paul Cézanne (1869-1870): il pittore rappresenta l’amico, che aveva conosciuto nel 1852, all’età di tredici anni, nel collegio Bourbon ad Aix-en-Provence. Nel secondo caso invece si tratta del quadro di Édouard Manet Ritratto di Émile Zola (titolo originale Portrait d'Émile Zola, 1868): Manet gli dedica un dipinto come segno di riconoscenza. Lo scrittore, allora giornalista, aveva infatti pubblicato un articolo (La Revue du XXe siècle) in cui ne prendeva le parti in sfavore dei feroci critici che respingevano e disdegnavano i suoi capolavori, accusa che gli costò perfino il licenziamento dal giornale.

 

Baudelaire e le arti figurative

Anche Charles Pierre Baudelaire (Parigi, 9 aprile 1821 – Parigi, 31 agosto 1867), il più importante poeta dell’età moderna, ebbe molto a che fare con l’arte durante la sua breve ma intensa carriera. Sostenitore della musica di Wagner e del pittore francese Eugène Delacroix, Baudelaire si dedica, accanto alla poesia, all’attività di critico d’arte, componendo diversi saggi tra cui Il Salone del 1845 (Salon de 1845), Il Salone del 1846 (Salon de 1846) e L'opera e la vita di Eugène Delacroix (L'œuvre et la vie d'Eugène Delacroix, 1863). Tuttavia, il saggio più cospicuo circa l’arte è Il pittore della vita moderna (Le Peintre de la vie moderne) del 1863, che Baudelaire dedica al pittore Costantin Guys.

Il flebile confine tra pittura e scrittura in Baudelaire e Zola

Ma anche nella sua raccolta più celebre, I fiori del male (Les Fleurs du mal, 1857), non mancano riferimenti all’arte. Nella poesia I Fari (Les Phares), Baudelaire rende omaggio a una serie di artisti, per lo più pittori: nella prima strofa troviamo Rubens, poi Leonardo da Vinci, Rembrandt, Michelangelo, Puget, Watteau, Goya e Delacroix. La Maschera (Le Masque), invece, la dedica allo scultore francese Ernest Christophe, dai cui lavori si lascia ispirare. Nel testo viene descritta una statua rappresentante una donna bellissima e sorridente ma che in realtà indossa una maschera poiché, non appena si avvicina, il poeta scorge il vero volto della fanciulla, mostruoso, segnato dalle lacrime e dalla sofferenza. Sempre a Christophe intitola la poesia Danza macabra (Danse macabre), mentre Sogno parigino (Rêve parisien) è in onore di Costantin Guys.

 

LEGGI ANCHE – La lettera d’ammirazione di Charles Baudelaire a Richard Wagner

Il flebile confine tra pittura e scrittura in Baudelaire e Zola

Anche Baudelaire, infine, entra in qualche modo nel mondo della pittura: Manet decide di celebrare lui e altri artisti, come Théophile Gautier, nell’opera Musica alle Tuileries (titolo originale La musique aux Tuileries). Il quadro potrebbe rappresentare un doppio omaggio al poeta francese, poiché sembra essere una trasposizione artistica del saggio sopracitato Il pittore della vita moderna.

Il limite tra poesia, prosa e pittura, quindi, è una linea così sfocata da perdercisi quasi dentro. Nella maggior parte dei casi, esse si influenzano a vicenda, si sostengono l’un l’altra, lavorando in perfetta sincronia. Un pittore non farebbe arte senza la letteratura, così come un poeta o un romanziere non comporrebbe opere se non esistesse l’arte, dal momento che l’ispirazione può risiedere in qualsiasi forma artistica, in altri autori, in un pittore e perché no, perfino in un musicista.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.