Come leggere un libro

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Il Festivaletteratura di Mantova: un grande circo per le idee

Festivaletteratura di MantovaIl festival della letteratura di Mantova è diventato maggiorenne e per la diciottesima edizione ha offerto al suo pubblico una policromia di voci e di idee che ne fa uno degli appuntamenti culturali più interessanti del Paese. A Mantova si è parlato di libri certo, ma soprattutto delle idee alla base di un libro. Quelle che si sono date battaglia nella mente dell’autore e quelle che si sono fatte strada fra i pensieri del lettore. Questo festival ci ha abituato a chiedere e ad avere risposte con cui innamorarsi definitivamente del proprio scrittore preferito o decidere di non soffermarsi più su una sua pagina.

Molti gli autori che hanno offerto le loro menti in lettura a Mantova per l’edizione 2014 del Festivaletteratura. Nessuno dimenticherà la risata trotterellante di Elisabeth Strout o la voce calda e burrosa di Michael Cunningham, pronta ad assorbire il pubblico e farlo passare dall’altra parte del “suo” specchio. Persino se dietro c’è un gruppo di scrittori che ballano su un tavolino indossando esclusivamente mutande con il viso di Obama (azione dimostrativa di Cunningham per festeggiare l’elezione del primo presidente afroamericano della storia degli USA). Ma chi,durante i cinque giorni della diciottesima edizione, si è mosso fra strade medievali e portici ricolmi di persone e scrittori (che sono persone con più ossessioni degli altri), ricorderà anche il volto perplesso e lontano di Antonio Moresco e il suo suggestivo modo di raccontare favole abrasive o l’umorismo dirompente di Gary Shteyngart che ha dimostrato che esiste qualcosa di più virulento e invasivo della mamma italica: quella ebrea.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+ e Pinterest]

Ma la rivelazione di questa edizione del Festivaletteratura è stata la scrittrice israeliana Miki Ben-Cnaan. Presentando il suo romanzo Il grande circo delle idee (edizione La Giuntina), ha raccontato, accompagnata da Michela Murgia, la realtà che ci circonda, dimostrando che è solo una delle possibili manifestazioni del mondo e che sotto quella immagine (e spesso anche sopra) ne esiste un’altra più strana, instabile e meravigliosa. Così, mentre la sua voce cadenzata avanzava nella basilica palatina di Santa Barbara, il pubblico che l’ascoltava si immergeva nell’umidità di una domenica mattina che pesava più della volta che li sovrastava.

Miki Ben-Cnaan ha mostrato ai presenti che, con lo sciamano giusto, anche la più grande delle meraviglie diventa normale. È su questo elemento che si avvolge il suo romanzo, che vi suggeriamo di leggere al più presto per entrare in un luogo dove l’immaginazione guarda la realtà con giustificata diffidenza, dimostrando che il suggerimento del professor Keating ne L’attimo fuggente era dannatamente giusto: provare a guardare il mondo sempre da un altro punto di vista. Chi ha lasciato il Festivaletteratura di Mantova lo scorso 7 settembre di punti di vista ne ha fatto scorta per l’inverno.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.