Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

“Il dio del massacro”, o Della trasposizione

Il dio del massacro«Un salotto. Nessun realismo. Nessun elemento inutile.»: questa la didascalia che apre Il dio del massacro, opera di Yasmina Reza, drammaturga, tre volte vincitrice del Premio Molière. Il testo, pubblicato nel 2009 da Arcadia & Ricono, col titolo Il Dio della carneficina, è stato recentemente ri-edito da Adelphi (con traduzione di Laura Frausin Guarino ed Ena Marchi) e munito dell'immancabile fascetta atta a ricordare ai meno accorti che da questo libro è stato tratto il film del maestro Roman Polanski. Pellicola peraltro più che lodevole, interpretata da un quartetto indimenticabile: Jodie Foster, Kate Winslet, Cristoph Waltz e John C. Reilly.

Come nelle opere migliori, l'innesco narrativo è dei più semplici, e quasi banale: ai giardini pubblici, due ragazzini litigano; uno dei due colpisce l'altro e lo ferisce. Le rispettive coppie di genitori si danno appuntamento a casa della “vittima”, per risolvere la faccenda come si conviene alla gente civile. Tuttavia, quella che apparentemente sembrerebbe una questione di poco conto, finisce per sfociare in quel metaforico “massacro” presente nel titolo. Interessante, proprio a questo proposito, notare come quello originale, Le dieu du carnage, nel nostro idioma abbia conosciuto due traduzioni allo stesso tempo così simili e così diverse, in particolare per quanto riguarda (e non sembri una cosa da nulla) “Dio” che diventa “dio”, così, a causa di (o grazie a) una consonante che diventa minuscola, facendo cambiare quasi completamente le coordinate principali di riferimento. Modifica felice, a nostro parere.

Notiamo, a questo proposito, che c'è una battuta, nella seconda metà dell'opera, pronunciata dal personaggio di Alain (Alan nella versione cinematografica di Polanski), e questa battuta suona così:

 

«Véronique, io credo nel dio del massacro. È il solo che governa, dalla notte dei tempi.»

 

Affermazione consuntiva, si potrebbe dire, visto l'accantonamento delle sovrastrutture che viene, con crudele sistematicità, operato in tutto il corso della pièce. Le meccaniche che regolano il nostro mondo, e segnatamente quella che, forse con qualche eccessiva pretesa viene chiamata “la civiltà occidentale”, nella sua interezza e complessità, dalla dimensione del salotto medio-borghese degli Houllié, ai grandi fatti della Storia, sono quelle della brutalità, del sopruso, del soverchiamento; sono le potenziali “carneficine” alle quali facciamo, o tentiamo di fare, ricorso in ogni giorno della nostra esistenza.

Dalla progressista Véronique, scrittrice, attivista, appassionata alle vicende del Darfur, all'avvocato Alain il quale, mentre la discussione tra i quattro si anima sempre di più, è impegnato in una conversazione telefonica, a più riprese, necessaria per redigere il comunicato stampa di risposta, da parte di una casa farmaceutica, all'accusa di commercializzazione di un farmaco dagli effetti collaterali quantomeno discutibili; da Annette, apparentemente una sobria e dolce consulente dai modi raffinati, a Michel, bonario commerciante; tutti votati alla distruzione l'uno dell'altro.

Quello che fa Yasmina Reza è, “semplicemente”, mostrare come, rifacendoci alle celeberrime tre corde di Pirandello, al di sotto dell'atteggiamento civile, mediante il quale interagiamo in società, si agita una mistura di sentimenti che rappresentano indici, in ultima analisi, della nostra “animalità”. Una matrice letteraria praticamente perfetta per Polanski, il quale, fatti salvi alcuni passaggi minimamente adattati alla cinematografia, si limita, ed è un gran bel limitarsi, a dire il vero, a riprodurre (e qui torniamo a Pirandello, e in particolare ad una definizione di Macchia sullo scrittore agrigentino) una “stanza della tortura”.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.3 (4 voti)

Commenti

La presenza di Reza come co-sceneggiatrice è stata una garanzia nel mantenere lo spirito del libro. Mi chiedo sempre però se una trasposizione su un altro canale della comunicazione, il cinema in questo, non dovrebbe sottolineare qualche cosa di differente rispetto al libro. In questo film pesano molto, e secondo me questo è il valore aggiunto, i silenzi.
E' certo che con una brutta trasposizione questa domanda decade.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.