In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Editing

Corso online di Scrittura Creativa

“Il cerchio” di Sara Elfgren e Mats Strandberg

Il cerchio, Sara Elfgren, Mats StrandbergL’urban fantasy è quel filone del fantasy in cui fatti paranormali, avvenimenti strani e creature fantastiche non sono parte di un universo separato dal nostro e completamente diverso, ma succedono in un mondo molto simile a quello reale, anzi praticamente identico; un filone intrigante, ma che non porta sempre a risultati interessanti, così come il sotto-tema della magia e della stregoneria presso i più giovani, spesso vista come modo per superare disagi sociali, sentimentali ed esistenziali.

Il cerchio (traduzione di A. Storti, Salani editore), primo di una trilogia svedese scritta a quattro mani da Sara Elfgren e Mats Strandberg, appartiene a questo filone e sotto-tema e presenta una storia che sembra a prima vista già molto sentita, se non altro sotto diverse latitudini, quella di un gruppo di ragazze delle superiori che scoprono di avere poteri magici e di dover affrontare le forze del male.

Ci sono, però, alcune importanti novità: i toni non sono fiabeschi, adolescenziali, romantici con tanto di grandi amori con creature di altri mondi, e nemmeno così scontati, malgrado le premesse già lette e viste. Il tutto è molto realistico, poco idealistico, poco eroico, molto disincantato, e anche le protagoniste, malgrado rispondano a certi stereotipi (la ragazza bella odiata dalle coetanee, la dark, il topo di biblioteca), sono molto lontane da certe eroine fantasy, e viene da dire per fortuna. Nelle pagine del libro si parla, certo, di magia e paranormale, ma anche di famiglie sfasciate, di omosessualità, bullismo, droga, problemi alimentari, tematiche non certo così scontate nel genere, soprattutto se trattate con un realismo a dir poco clinico e disturbante come avviene nelle pagine de Il cerchio, in un contesto in cui non ci si aspetterebbe tutto questo e in tale grande quantità.

L’altro elemento di interesse del libro è l’ambientazione svedese, in un universo freddo di provincia, per niente rassicurante, che contribuisce ad accrescere il senso d’inquietudine già trasmesso dalla vicenda, rinnovando, così, un genere, che, riletto nel Nord Europa, ci viene restituito in maniera scioccante, come era successo con i thriller scandinavi, da Stieg Larsson in poi, con le storie gotiche e di vampiri di John Ajvide Lindqvist, persino con i romance d’amore reinventati da Simona Ahrnstedt, con il suo Ritratto di donna in cremisi.

L’urban fantasy in salsa svedese è quindi spietato, senza eroi e eroine, con una realtà soffocante che sovrasta l’aspetto fantastico, come una denuncia di un modello di società spesso additato come ottimale ma che non ha cancellato ingiustizie sociali, nevrosi, violenze, drammi individuali, come già emergeva dai romanzi degli altri autori, che usano la finzione per raccontare i lati peggiori della loro realtà.

Detto questo, Il cerchio spesso non sa decidersi tra realtà e fantasia, tra denuncia sociale e racconto di un’iniziazione magica, e si perde, tra punti di vista di personaggi diversi ed eventi vari che aggiungono, lasciando poi un finale aperto, visto che ci saranno dei seguiti, si spera meno frammentati nella narrazione.

Il cerchio resta, però, un’interessante sperimentazione su un genere inflazionato ma che piace sempre e nel quale non è facile trovare proposte innovative, oltre che un’analisi sociale per non dimenticare che evadere con la fantasia non vuol dire dimenticare la realtà. E del resto il fantasy non è certo estraneo al mondo scandinavo, visto che è dalle loro leggende che è nato molto immaginario che l’alimenta, a cominciare dall’universo di Tolkien.

[Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.