14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Il caso Mose: un vero e proprio omicidio morale

VeneziaIl Mose, questa straordinaria opera pubblica che dovrebbe evitare a Venezia di finire sotto l’acqua alta, è fonte di un giro enorme di tangenti. Coinvolti politici, forze dell’ordine, imprese… tutti gli attori in campo.

Allo sciacallaggio dell’Expo 2015 si somma quest’ultimo caso giudiziario e si apre un dibattito piuttosto vasto intorno alle misure repressive e preventive, contro la diffusione del sistema della corruzione.

Al di là di quelle che saranno le misure prese, è evidente la caduta morale di un sistema di governo, l’inabissamento dei valori, la cancellazione dell’etica pubblica, la negazione del senso di responsabilità. Rispetto al periodo di Tangentopoli, qui ci sono inequivocabili responsabilità personali che alludono più all’egoismo che alla tenuta di rapporti politici, forme nuove di garanzia per singole figure che traggono profitto dalla gestione del potere laddove il denaro scorre a fiumi senza un adeguato meccanismo di controllo.

La perversione sta tutta qui: nella ricerca del profitto attraverso l’uso arrogante delle cariche pubbliche, la costruzione di un consenso largo fondato sulla relazione criminale tra pubblico e privato.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Non siamo alle solite, ma di fronte a un capitolo nuovo dentro il quale sguazzano figure intellettualmente incapaci, inetti, sprovveduti dotati soltanto di amor proprio e bramosia di denaro.

Di fronte alla necessità di cambiamento espressa dal Paese in più di un’occasione, alcuni pezzi d’Italia provano a invertire la rotta approfittando della debolezza del sistema dei controlli, compiendo un vero e proprio omicidio morale. Per questo le pene, questa volta, dovranno essere più certe, più esemplari, più rigide contro chi ha vilipeso la fatica di quegli italiani che provano a sopravvivere contro una crisi terrificante, contro la falcidia della disoccupazione, contro il racket politico-mafioso: perché mentre noi si vuol cambiare, loro, i corrotti ed i corruttori, vogliono restare attaccati a rendite di posizione del tutto immotivate.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.