In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

“Il cappotto di Proust” di Lorenza Foschini

Il cappotto di ProustDalla finestra del suo albergo a Balbec, in un’estate abbagliante e piena di sole, il protagonista dell’opera Alla ricerca del tempo perduto (siamo nel secondo volume, All’ombra delle fanciulle in fiore, il più radioso e vibrante di giovinezza), che poi altri non è che Marcel stesso, guarda sfilare nella lontananza assolata un gruppo (la petite bande) di ragazze. Come dirà poi il Narratore, le petites jeunes filles appaiono come la rappresentazione simbolica e concentrata della “fuga delle innumerevoli passanti” che da sempre turbano la sua immaginazione. Proprio da questa visione fugace, che tuttavia si imprimerà significativamente nella memoria del protagonista, scaturisce il tema del desiderio, che serpeggia a volte malinconico, a volte morboso e divorante, nel corso di tutta la Recherche.

E come nasce il desiderio nella fantasia del Narratore della Recherche? Un baluginìo nell’aria, una sagoma luminosa che rincorre azzurre lontananze, il suono di una voce, il suo tono basso e inconfondibile, tanto da essere da subito desiderato e rimpianto come se lo si fosse da sempre conosciuto. E spesso, nelle situazioni proustiane, il desiderio nasce al di là di un ostacolo, che può essere una finestra che separa, ma che nello stesso tempo ingrandisce e focalizza l’immagine, o una lontananza temporale, come negli innumerevoli rimpianti del Narratore verso l’irrequieta Albertine, o ancora al di là di un ostacolo affettivo, che può essere l’Altro che divide, o una infinita gelosia tormentosa.

Trovo bellissimo, e segreto come un filo sotteso, questo tema del desiderio, di cui parla Luciano De Maria nella sua introduzione alla Recherche. Come trovo affascinante il percorso intessuto da Lorenza Foschini nel suo libro, Il cappotto di Proust, che, come recita la didascalia sottostante il titolo, è la storia di un’ossessione letteraria, definizione che gravita nella mia memoria interna, fatta di rinvii più o meno consapevoli, da quando ho iniziato a leggere questo libro.

Storia che si snoda come un romanzo, e prende l’avvio dall’emozione di un ritrovamento. Storia di un oggetto abbandonato a se stesso perché ritenuto vecchio e inutile, ma poi recuperato ed esposto in tutta la sua logora e commovente fragilità: non un cappotto, ma il cappotto di Proust.

A parte il fatto che già il nome mi evoca, sull’onda della memoria letteraria e delle ossessioni che ne conseguono, un altro Cappotto, tutto letterario e narrativo, cioè quello di Gogol. Anche quello, nella trama consunta e logora, nella vecchiaia fisica della stoffa, mostrava le finitezze umane e la vita vissuta dell’impiegato di Gogol, tanto da dover essere prontamente rimpiazzato, pena la perdita dell’impiego. Così come il cappotto di Marcel Proust mostra proprio tutta quella sua debolezza della vita, insieme alla maniacalità che l’ha reso grande nella parola letteraria e nello sviscerare il suo universo, o meglio come lui lo vedeva.

L’autrice stessa fornisce la chiave di lettura iniziale, e a quel punto il viaggio del lettore prosegue come un’inchiesta, un’investigazione, in cui però sono gli oggetti stessi a rincorrersi nella storia, fino a fornire lati inaspettati, punti di vista occultati dal tempo e dalla Storia, dove emergono volti e personaggi, storie di grandezze e di piccinerie, di chi ha dimenticato quegli oggetti, di chi non li ha capiti, o di chi ha poi pensato di trarne una fonte di lucro. In tutto ciò emergono anche le figure di chi li ha amati, come Jacques Guérin, che da profumiere imprenditore diventa anche collezionista, spinto dal desiderio irrazionale di impadronirsi di quei simulacri di realtà e di passato.

“Mi avvicino lentamente a piccoli passi, sorridendo per l’imbarazzo e mi accosto al tavolo. Davanti a me c’è il cappotto, adagiato sul fondo della scatola, posato su di un grande foglio come su di un lenzuolo: irrigidito dall’imbottitura di carta che lo riempie, sembra davvero rivestire un morto. Dalle maniche, anch’esse imbottite, escono ciuffi di velina. Mi sporgo di più, piegandomi sul piano di metallo dove è poggiata la scatola, mi sembra che vi sia al suo interno un fantoccio senza testa e senza mani. Pieno, corpulento, con un ventre sporgente.”

Così, in queste righe, leggiamo l’emozione dell’autrice stessa, il viaggio che in prima persona lei ha intrapreso faccia a faccia con l’universo e l’immaginario proustiano, che si manifesta innanzitutto come ricerca di oggetti. Penso alle sue aspettative, di lettrice di Proust, e forse, come lo scrittore, innamorata del potere materico ed evocativo degli oggetti, e alla sua emozione nel vedersi davanti quel cappotto che Marcel ha sempre voluto portare con sé: “…in cui Proust si è avvolto per anni, che giaceva sulle sue coperte quando sdraiato scriveva la Recherche”, cosicché trascorrono pochi minuti ma lei non riesce a staccarsene – pochi minuti a fronte di anni – perché in quell’involucro sbiadito dalla sagoma umana, quasi un totem che nasconda uno spirito vivente, sembra di vedere Marcel, e la sua ossessione di voler indossare per sempre lo stesso cappotto di ragazzo, nell’illusione di rimanere, per sempre, un eterno adolescente e di fermare il Tempo.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (8 voti)
Tag:

Commenti

Bella la recensione di Debora Vagnoni sul libro di Lorenza Foschini "Il Cappotto di Proust". Il commento di Debora Vagnoni avvicina il lettore a comprendere il fascino delle cose, ormai desuete e consunte, ma vive per rendere,ancora, il passato, presente.Proust mi ha sempre affascinato e non mancherò di leggere questo libro.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.