Perché è importante leggere

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Il 25 aprile maiuscolo o minuscolo?

Il 25 aprile maiuscolo o minuscolo?25 aprile maiuscolo o minuscolo? Quale periodo più giusto per provare a rispondere a questa domanda se non questo che vede l’approssimarsi delle celebrazioni per il 25 aprile, cioè l’Anniversario della Liberazione, che ha avuto luogo proprio il 25 aprile 1945?

No, non lasciatevi ingannare da come abbiamo scritto la data perché per rispondere alla domanda 25 aprile maiuscolo o in minuscolo? non possiamo seguire quest’esempio. Se scrivendo 25 aprile 1945 infatti ci riferiamo alla sola data, con la nostra domanda vogliamo prendere in considerazione la ricorrenza vera e propria.

Cominciamo col dire che a differenza di quanto abbiamo visto per Ministro, Chiesa, Polo Nord e per i nomi di popoli, le varie soluzioni in campo per il 25 aprile questa volta non convivono a seconda del contesto, ma una soltanto è quella giusta. Non possiamo usare indifferentemente le iniziali minuscole o maiuscole perché non c’è modo di considerare corrette entrambe le proposte. Non possiamo scrivere indifferentemente 25 aprile in minuscolo, o 25 Aprile in maiuscolo. Siamo quindi nello stesso genere di quesiti di cui ci siamo occupati le scorse settimane, quando ci siamo posti segli Apostoli o lo Spirito Santo vanno scritti in maiuscolo o in minuscolo.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Per rispondere al quesito del giorno, e cioè se il 25 aprile va scritto in maiuscolo o in minuscolo, ci rivolgiamo ancora a una volta a Roberto Lesina che ne Il Nuovo Manuale di Stile (Zanichelli) scrive:

«I giorni del mese intesi come ricorrenze di avvenimenti particolari si scrivono normalmente in lettere. Tali denominazioni, inoltre, si scrivono prevalentemente con iniziali maiuscole.»

 

Leggi tutte le nostre curiosità grammaticali

 

Tra gli esempi riportati, oltre a il Primo Maggio, c’è anche il nostro: il Venticinque Aprile.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Quindi alla domanda se il 25 aprile si scrive in maiuscolo o in minuscolo possiamo rispondere che, come tutte le date di ricorrenze, va scritta interamente in lettere e con le iniziali in maiuscolo e non in minuscolo: Venticinque Aprile.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.