Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

I social network vi rubano l’anima. Parola di Zadie Smith

I social network vi rubano l’anima. Parola di Zadie SmithSocial network sì oppure no? Il dibattito è davvero ampio, e molti sono gli scrittori intervenuti nella discussione.

Jonathan Franzen ad esempio ha chiarito in passato i suoi sentimenti sull’argomento, mentre Salman Rushdie ha di recente lasciato Twitter, dichiarando al «Guardian»:

«Ho iniziato a non amare più il tono di voce di Twitter. Questo tipo di tono irascibile, scortese, sempre più aggressivo. Ho solo pensato che non mi piace. Queste persone non parlerebbero così se fossero sedute in una stanza con te. Avevo progettato di fermarmi prima e poi c’è stata la campagna elettorale e sono rientrato, e l’ultima cosa che ho twittato è stato questo patetico tweet: «In attesa del Presidente Hillary»… dopo di che il silenzio totale. E ho pensato di fermarmi, e l’ho fatto e non mi è mancato per un solo secondo».

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Altri scrittori, invece, come J.K. Rowling, Philip Pullman e Bret Easton Ellis si solo lanciati nei social media, Martin Amis invece ha dichiarato al «Guardian»: «Non è incredibile, i pozzi dell’odio? È una confessione vergognosa, in un certo senso, ma non ho mai guardato i social media».

 

LEGGI ANCHE – Zadie Smith: scrivere è una sfida al proprio talento

 

L’ultima a intervenire sull’argomento è stata Zadie Smith che, in un evento pubblico organizzato dal «New Yorker», si è espressa contro l’uso dei social network da parte degli scrittori, o meglio ha evidenziato come stare lontana dai social media le abbia dato «il diritto di sbagliare» senza temere le reazioni degli altri, e ha aggiunto che se lei conoscesse tutte le reazioni dei lettori rispetto ai suoi libri, probabilmente non scriverebbe più.

«Dato che non sono su Twitter, non sono su Instagram, non sono su internet, non sento mai la gente che grida contro di me».

 

LEGGI ANCHE – I consigli di scrittura di Zadie Smith

 

E riguardo a questo punto la scrittrice si sofferma anche sul modo in cui avvengono le discussioni sui social:

«Ho visto che su Twitter, cioè l’ho visto a distanza, le persone intorno alle 9 del mattino hanno opinioni abbastanza forti, e poi entro le 11 sono state ampiamente sgridate e possono avere un’opinione completamente opposta quattro ore dopo. Trovo che questo sia davvero spiacevole. Voglio avere i miei sentimenti, anche se sono sbagliati, anche se sono inappropriati, esprimerli a me stessa nel privato del mio cuore e della mia mente. Non voglio essere vittima di qualsivoglia violenza per questo».

I social network vi rubano l’anima. Parola di Zadie Smith

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

L’autrice di romanzi come Denti bianchi e Swing Time ha poi risposto alle critiche mosse sul web a un suo recente saggio apparso su Harper:

«Se le conoscessi, non sarei in grado di scrivere. Ho bisogno di una certa dose di ignoranza per conservare i miei sentimenti».

 

E ha aggiunto: «Capisco che sia importante tenere comportamenti appropriati nella vita pubblica, nella vita sociale, nella vita politica. Ma nella nostra anima? No, questa è una cosa diversa».

«Dovremmo essere in grado di conservare il diritto di avere torto» ha affermato la scrittrice. «Io ho torto quasi sempre. Va bene avere torto. Va veramente bene, devi solo sederti nei tuoi sentimenti e affrontarli. Non mi sento mai sicura subito, così questo procedere per errori è proprio quello che io chiamo i miei romanzi».

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.