Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

“I ragazzi Burgess” di Elizabeth Strout

Elizabeth Strout, I ragazzi Burgessdi Giulia Taurino

I ragazzi Burgess parla del rapporto tra i fratelli Jim, Bob e Susan…” no. “I ragazzi Burgess parla di una comunità di somali nel Maine…” no. “I ragazzi Burgess parla di Zachary, diciannovenne disadattato che commette un atto di razzismo…” no. “I ragazzi Burgess parla della crisi coniugale tra Helen e Jim…” no.

Ricominciamo. I ragazzi Burgess – quarto romanzo della scrittrice americana Elizabeth Strout, edito da Fazi Editore con la traduzione di Silvia Castoldi – parla del rapporto tra i fratelli Jim, Bob e Susan Burgess, nati nel Maine. Mentre Jim e Bob vivono a New York, Susan è rimasta a Shirley Falls. Un crimine di razzismo commesso dal figlio diciannovenne di Susan – Zachary – contro la comunità somala locale riporta i due fratelli, entrambi avvocati, nel paese natale. Fin dal primo capitolo, incontriamo Helen, moglie di Jim, che ci accompagna  durante l’intero romanzo con il suo sguardo ingenuo e ottuso, fino alla scoperta del tradimento del marito al quale reagirà con un emblematico «Non capisco». L’evoluzione del personaggio di Jim ripercorre passo per passo lo stereotipo dell’uomo di successo asservito al denaro.  Apparentemente perfetto con l’irridente sarcasmo che lo contraddistingue, vediamo la sua debole personalità sgretolarsi a poco a poco: dopo averlo scoperto colpevole della morte del padre, lo sorprendiamo nella canonica relazione extra-coniugale con la segretaria. Ma torniamo al rapporto tra i fratelli Burgess. Con il suo gesto irrazionale, Zachary attira a Shirley Falls i due zii che si riuniscono per risolvere la situazione. Riconosciamo subito i ruoli: se da una parte Jim è il personaggio dominante, dall’altra l’“inutile” Bob è il capro espiatorio su cui Jim e Susan riversano le loro personali frustrazioni. Susan subisce a sua volta le ripercussioni psicologiche del mancato affetto da parte della madre e di un matrimonio fallito con l’ex marito svedese.

[Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Elizabeth Strout, I ragazzi BurgessNel corso del romanzo, i ruoli si ribalteranno in quell’unico spunto interessante dell’intera vicenda. In questo assetto da soap opera compare, inoltre, Pam, ex moglie di Bob, la cui voce viene utilizzata come banale strategia narrativa per fornirci informazioni sparse, da rivelazioni sul passato dei Burgess a cenni confusi sulla migrazione dei somali nel Maine. Perché sì, questo romanzo parla anche dei somali nel Maine. E lo fa attraverso il personaggio di Abdikarim Ahmed, con un’analisi socio-politica dalla superficialità sconcertante. Durante due terzi del libro, infatti, si parla lungamente del crimine commesso da Zach, delle reazioni della comunità somala e dell’andamento del processo, tanto che si potrebbe pensare che i restanti personaggi con le loro reazioni compaiano in funzione di questo racconto. Eppure, non sentiremo mai parlare Zach nella narrazione e non troveremo mai il suo punto di vista, se non in frasi disarmanti come «Non ci crederesti, zio Bob. Ragazze bellissime dappertutto» o «È tutto uguale. Però è anche diverso» pronunciate al suo ritorno dal viaggio/fuga in Svezia dal padre. Non conosceremo mai realmente Zach, non sapremo mai davvero perché ha tirato una testa di maiale in una moschea. Così come non capiremo mai la comunità somala nel ritratto di Abdikarim Ahmed. E non capiremo mai fino in fondo neanche i fratelli Burgess, in quell’epilogo improbabile molto simile a un “e vissero tutti felici e contenti”.

Non bastano «le nuvole autunnali, splendide nella loro oscurità screziata», o «l’erba di un verde sbiadito e le querce rosse» ad arricchire questo romanzo, che si rivela, infine, una grande delusione rispetto alle abilità narrative dimostrate dalla Strout in Olive Kitteridge.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.