Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

I principi programmatici del Ministro Giannini

Stefania GianniniNel sito del MIUR sono state pubblicate le linee programmatiche del Ministro Giannini, vale a dire i termini con cui il ministro intende gestire il compito che le è stato affidato.

Sin da subito, viene ribadito il ruolo prioritario che l'istruzione ha all'interno del governo Renzi; il ministro ricorda che «non si tratta di una scelta casuale», ma di un adeguamento alle sfide della nostra società. Il MIUR deve quindi essere posto nelle condizioni di accelerare il processo di ricostruzione culturale ed educativa del Paese: termini forti, se li si legge in controluce, perché denunciano uno stato di degrado, anche di immagine, in cui la scuola e l'istruzione versano ormai da una ventina d'anni. Il Ministro analizza pure i punti che, a suo avviso, dimostrano tale situazione di incuria, come il precariato.

Quattro sono i principi scelti per compiere le scelte future, a partire dai quali tutto il resto discende:

  • SEMPLIFICAZIONE, ossia «attuazione dei tanti provvedimenti già approvati» e diminuzione degli spazi di incertezza a livello legislativo;
  • PROGRAMMAZIONE, ossia «smettere di lavorare rincorrendo le emergenze» e occuparsi di trovare soluzione strutturali per la scuola;

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria:Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci suFacebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

  • VALUTAZIONE, che «significa assegnare le risorse sulla base dei meriti e dei demeriti»; più avanti il Ministro ribadisce nuovamente che «il capitolo della valutazione è [quello] che può decidere da solo se saremo in grado di dare al Paese una scuola moderna nella funzionalità e negli obiettivi e anche nella sua missione fondante, o se accettiamo di tenerci quella del Novecento»;
  • INTERNAZIONALIZZAZIONE, ossia ricerca e sviluppo in competizione e comparazione con il mondo, al fine di generare nuova energia per lo sviluppo economico del Paese.

Si tratta, con tutta evidenza, di principi molto chiari, che in effetti rispondono anche alle prime dichiarazioni del Ministro Giannini e che, si spera, si concretizzeranno presto in novità e cambiamenti, appunto, strutturali.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.