In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

I migliori libri del 2016

I migliori libri del 2016Quali sono i migliori libri del 2016? Anche quest’anno la redazione di Sul Romanzo ha deciso di provare a rispondere a questa domanda molto spinosa.

 

A ognuno dei nostri collaboratori abbiamo chiesto di indicare il libro che ha maggiormente risvegliato il loro interesse, un titolo che ha segnato in modo particolare il loro 2016 da lettori e che vorrebbero portare nel 2017.

 

Questa è la nostra lista dei migliori libri del 2016, che speriamo sia l’occasione per aprire un confronto con i nostri lettori.

 

La bambina numero otto di Kim Van Alkemade, traduzione di Sabina Terziani (BookMe De Agostini)

I migliori libri del 2016

Storia forte, drammatica, storica di quella storia che studia i costumi e le abitudini della società. Un racconto acre, pungente e la piena coscienza di una realtà devastante, che ancor oggi ammazza e spaventa a solo nominarla.

(scelto da Stefano Fornaro)

***

La gioia di vivere. A piccoli passi verso la saggezza di Vittorino Andreoli (Rizzoli)

I migliori libri del 2016

È un viaggio verso la riscoperta di una cultura che fa bene alla vita, è una guida per ritornare a essere animali socievoli, è una lezione per amare noi stessi e gli altri in maniera genuina e senza “mantra” prefabbricati.

(scelto da Paola Paoletti)

***

Schiavi di un Dio minore. Sfruttati, illusi, arrabbiati: storie dal mondo del lavoro di oggi di Giovanni Arduino e Loredana Lipperini (Utet)

I migliori libri del 2016

Il lavoro è un condensato di storie dalla nuova schiavitù in Italia, dove il mercato del lavoro è scandagliato con grande professionalità e precisione. Ne emerge un quadro preoccupante e triste, realistico fino a ferire.

(scelto da Leonardo Palmisano)

***

La donna che scriveva racconti di Lucia Berlin, traduzione di Federica Aceto (Bollati Boringhieri)

I migliori libri del 2016

È una specie di autobiografia in una serie di racconti che riprendono diversi momenti della vita dell’autrice. Una vita difficile ma piena di avventure, curiosità, atti di gentilezza gratuita, curiosità per il mondo e per il prossimo.

(scelto da Monica Raffaele Addamo)

***

Red Notice. Scacco al Cremlino di Bill Browder, traduzione Franco Lambrini (Baldini&Castoldi)

I migliori libri del 2016

È una storia vera, sconvolgente, che fa riflettere sulle ingiustizie nascoste dietro i volti di coloro che dovrebbero essere mossi dal desiderio di agire nel bene del popolo, perché, appunto, eletti da quest’ultimo. Red Notice. Scacco al Cremlino è la vita di Bill Browder, ma soprattutto l’agonia di Sergei Magnitsky, il suo avvocato, morto per aver creduto nella giustizia.

(scelto da Irina Turcanu)

***

Stato di quiete di Pierluigi Cappello (BUR)

I migliori libri del 2016

Ci sono momenti, spesso lunghissimi, nella vita, in cui appariamo immobili, inerti di fronte allo scivolare via del mondo. In quei momenti diventiamo, in realtà, ricettacoli di pura energia, templi di concentrazione, nidi di flussi migratori destinati a volare lontano, oltre il corpo, più in là di ogni ridicola barriera, di ogni limite imposto. «Accado, allora, e mi lascio portare». È lo Stato di quiete che bolle, di Pierluigi Cappello, il mio libro imprescindibile per il 2016 e per gli anni a venire.

(scelto da Monica Bedana)

***

Le donne erediteranno la terra di Aldo Cazzullo (Mondadori)

I migliori libri del 2016

Nel suo nuovo saggio, l'editorialista del «Corriere della Sera» espone una tesi ben precisa: il nostro sarà il secolo del sorpasso della donna sull'uomo. L'autore ne è certo: le ragazze e le donne della nuova generazione – la generazione Hermione, come egli stesso la definisce – stanno portando avanti una rivoluzione culturale. In tutto l'Occidente e non solo, le donne stanno cercando di riconquistarsi ciò di cui sono state private per troppo tempo: libertà e diritti.

(scelto da Marco Francese)

***

Numero undici di Jonathan Coe, traduzione di Mariagiulia Castagnone (Feltrinelli)

I migliori libri del 2016

La storia delle due amiche Rachel e Allison fa da sfondo al messaggio che lo scrittore anglosassone vuole trasmettere al lettore. È l’estate del 2003, l’opinione pubblica britannica è sconvolta dal ritrovamento del cadavere dell’ispettore dell’Onu in Iraq, David Kelly, figura scomoda per il governo inglese, alleato degli Stati Uniti nella guerra contro Saddam Hussein. Da qui una violenta satira contro una società marcia e priva di moralità.

(scelto da Stefania Caviglia)

***

Purity di Jonathan Franzen, traduzione di Silvia Pareschi (Einaudi)

I migliori libri del 2016

Vite che nascono in continenti diversi destinate a intrecciare la loro esistenza con una corda dura e difficile da tagliare, una corda che per il lettore si fa sentiero da percorrere avanti e indietro, cambiando direzione a ogni nodo fino a che ogni personaggio non ha esaurito la propria presa sul mondo: questo è Purity di Jonathan Franzen.

(scelto da Melissa Minò)

***

Un po’ di follia in primavera di Alessia Gazzola (Longanesi)

I migliori libri del 2016

È stata la mia personale rivelazione narrativa del 2016. Confesso una del tutto arbitraria idiosincrasia verso la scrittura di genere italiana, che mi ha fatto approcciare a questo romanzo con molte riserve e pregiudizi dissipati l’uno dopo l’altro dalla lettura, che è scorsa appassionante, leggera, ironica e con un inaspettato pizzico di realismo (tanto da decidere di recuperare tutti i precedenti della serie: L’allieva). Perché – e questo ve lo confesso sottovoce – è quasi impossibile per una donna della mia età, a prescindere dalla professione esercitata, non identificarsi in Alice, nelle sue emozioni, nella sua vivacità intellettiva che non sfugge, però, alle pene d’amore: il cuore è l’unico enigma che nessun investigatore, reale o fittizio, potrà mai risolvere. E questo sì che è un delitto.

(scelto da Sara Minervini)

***

Crepuscolo di Kent Haruf, traduzione di Fabio Cremonesi (NN editore)

I migliori libri del 2016

Crepuscolo è un romanzo corale abitato da esseri umani umili e dalle esistenze solo in apparenza banali, calati in un mondo nel quale i sentimenti come la bontà e la solidarietà si scontrano con l’insensata violenza e l’egoismo. I personaggi di Haruf dimostrano come le loro vite complicate e quotidiane abbiano qualcosa di straordinario da comunicarci.

(scelto da Viviana Filippini)

***

La vegetariana di Han Kang, traduzione di Milena Zemira Ciccimarra (Adelphi)

I migliori libri del 2016

Yeong-hye nutre il corpo solo con quello che non è mai stato corpo. La sua mente invece si ciba di sogni carnivori, mentre la pelle si fa più sottile e le ossa salgono in superficie. Ma la sua volontà è robusta come le radici di un albero e si attacca alla terra per liberare l’identità nascosta dal silenzio e dall’anonimato del volto. Han Kang racconta la metamorfosi di una donna che “mangia” acqua e “beve” aria. Lei si accetta, gli altri invece la ignorano, la insultano, l’aggrediscono, ma poi qualcuno riesce a cogliere il senso delle sue azioni.

(scelto da Elisabetta Rizzo)

***

Satantango di László Krasznahorkai, traduzione di Dóra Várnai (Bompiani)

I migliori libri del 2016

Finalmente tradotta in italiano una delle poche opere-mondo degli ultimi decenni, a firma dello scrittore magiaro che è stato anche sceneggiatore dei film di Béla Tarr (di cui due proprio tratti dai suoi libri). Secondo Susan Sontag «è il maestro ungherese dell’apocalisse che suscita paragoni con Gogol' e Melville».

(scelto da Fabio Cozzi)

***

Grandi momenti di Franz Krauspenhaar (NEO Edizioni)

I migliori libri del 2016

Il protagonista è uno scrittore cinquantenne, reduce da un infarto che lo ha costretto a un periodo di riabilitazione. Franz Krauspenhaar racconta la storia di un uomo ricco di contraddizioni, malato nel corpo e nello spirito, il quale lotta per salvarsi da un opprimente senso di pesantezza interiore. Un romanzo ironico e disperato, di piacevolissima lettura.

(scelto da Elena Spadiliero)

***

Goebbels di Peter Longerich, traduzione di Valentina Tortelli (Einaudi)

I migliori libri del 2016

Per rileggere una vita di rara indifferenza al male, tutta dedita e prostrata al potere nella Germania nazista. Una spaventosa intelligenza che si sacrifica con fedeltà al più terribile degli ideali.

(scelto da Federico Ottavis)

***

La dieta della longevità di Valter Longo (Vallardi)

I migliori libri del 2016

Un libro che tratta il tema dell'alimentazione in chiave differente. Partendo dallo studio dei centenari e del comportamento dei lieviti, che hanno in comune con l'uomo metà dei geni, il ricercatore italiano, che il «Time» ha definito il «guru della longevità», ha stilato una serie di punti che contribuirebbero a rallentare l'invecchiamento delle cellule. Tutti i proventi del libro saranno devoluti alla ricerca. Un motivo in più per acquistarlo.

(scelto da Lavinia Palmas)

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

La rancura di Romano Luperini (Mondadori)

I migliori libri del 2016

Un romanzo affascinante, a cavallo fra più generazioni, capace di narrare la nostra storia, quella d'Italia, e nel contempo in grado di svelare il difficile rapporto che intercorre fra il padre e il figlio. Un romanzo sconsigliato a chi ha subito lo shock del divorzio, ma profondo e riflessivo. La rancura diventa un rammarico davanti a cui non dobbiamo mai trovarci e nemmeno far sì che possano trovarsi altre persone a noi care.

(scelto da Stefano Fornaro)

***

Le regole del tè e dell'amore di Roberta Marasco (Tre60)

I migliori libri del 2016

In questo romanzo il connubio tè-persone-vita-felicità non è costruito a caso, ma funziona perché è davvero così che accade: ci si siede, si beve un po', ci si confida, si schiariscono le idee e gli ostacoli sembrano a un tratto più facili da superare. Tutto sembra diventare possibile grazie alla giusta varietà di tè e il libro, alla fine, ci insegna che se crediamo in noi stessi e nelle persone che ci circondano le situazioni volgeranno a nostro favore.

(scelto da Jessica Ferro)

***

Lettori selvaggi di Giuseppe Montesano (Giunti)

I migliori libri del 2016

È più di un libro, un viaggio nel mondo della cultura e della letteratura. Un libro che non si può e non si deve leggere tutto d’un fiato, ma va centellinato con la calma che si dedica a un amico a cui si vuole bene. In compagnia di Saffo, Orazio, Kafka, Rabelais, Dante, Goya, e tanti altri, Lettori selvaggi è l’ideale per abbandonarci a ore e ore di immagini fantastiche.

(scelto da Gerardo Perrotta)

***

Scomparsa di Joyce Carol Oates, traduzione di Giuseppe Costigliola (Mondadori)

I migliori libri del 2016

Lettura impegnativa per la mole e la densità dei temi e della scrittura, il romanzo della pluripremiata scrittrice americana è una discesa agli inferi nel cuore nero dell’America, nella spirale di violenze pubbliche e private, nelle relazioni oppressive che tengono insieme i membri della famiglia borghese. Una visione avvolgente e concreta della contemporaneità, non pessimistica ma aperta a una potenziale redenzione.

(scelto da Alberto Carollo)

***

Non respirare di Elisabetta Pastore (Frassinelli)

I migliori libri del 2016

Perché è l’immagine reale e amara dei nostri giorni. È l’istantanea della società in cui viviamo, la deriva di una generazione descritta con parole semplici ed efficaci. Avvincente, sensuale, triste e grottesco allo stesso tempo.

(scelto da Francesco Forestiero)

***

Rais di Simone Perotti (Frassinelli)

I migliori libri del 2016

Trovo sempre difficile stilare una classifica dei libri dell'anno e individuare quello che mi è piaciuto di più in assoluto, perché ne leggo tanti e di generi molto diversi tra loro, quindi difficilmente comparabili. Per il 2016 scelgo Rais di Simone Perotti perché è un romanzo storico che conduce il lettore in un mondo affascinante e ben poco conosciuto, quello della pirateria nel Mediterraneo.

(scelto da Annamaria Trevale)

***

Eccomi di Jonathan Safran Foer, traduzione di I. A. Piccinini (Guanda)

I migliori libri del 2016

Una crisi matrimoniale che scopre sé stessa giorno dopo giorno, ma serve a fare esplodere una bomba emotiva che cambia le relazioni fra i personaggi. Continui sono i rimandi a un immaginario culturale proprio dell’autore, dalla religione all’amore, da Washington all’inadeguatezza di fronte all’ineluttabile, dalla crudezza del corpo a Israele. Non c’è quasi più il Safran Foer dei primi scritti, ora siamo entrati nel territorio del realismo delle maschere che si scrutano in un'epoca di apparenza pubblica.

(scelto da Morgan Palmas)

***

L'imperfetta di Carmela Scotti (Garzanti)

I migliori libri del 2016

È un libro straordinario che racconta una storia tanto inquietante quanto interessante utilizzando un registro narrativo che sembra provenire dalle viscere di chi scrive e raggiunge senza difficoltà quelle di chi legge.

(scelto da Irma Loredana Galgano)

***

Mi chiamo Lucy Barton di Elizabeth Strout, traduzione di S. Basso (Einaudi)

I migliori libri del 2016

Quando raccontiamo i viaggi che abbiamo fatto, non parliamo di luoghi, monumenti, cibo, ma di persone. Amici con cui condividiamo ogni spostamento del nostro animo o sconosciuti che ci sono passati accanto in una notte calviniana dagli esiti incerti o dickensiana dalle strade oscure e dal fumo denso che si avvinghia ai polmoni. Di questa idea sembra essere anche l'autrice di Mi chiamo Lucy Barton, una storia che si sofferma sulle persone che la protagonista ha incontrato nel suo viaggio e sulle sensazioni che ne sono derivate. I ricordi di Lucy si accalcano, come se volessero rubarsi la scena, davanti a un lettore che non può staccarsi dalla prosa limpida ed essenziale di Elizabeth Strout, vivendo nella stessa bolla di ricordi e solitudine di cui si nutre la protagonista: «quello della solitudine era il primo sapore che avevo assaggiato nella vita e non se andava più, nascosto dalle pieghe della bocca, a ricordarmi». Un libro per chi è alla ricerca di sé stesso e non è disposto a fermarsi.

(scelto da Pierfrancesco Matarazzo)

***

Di metallo e stelle di Luca Tarenzi (Gainsworth Publishing)

I migliori libri del 2016

Omicidi al Castello sforzesco, un mistero per Leonardo e il suo assistente: non solo è un libro di intrattenimento per tutte le età, con un'attinenza rigorosa al sapere alchemico questa storia sarebbe stata fantascienza ai tempi dei protagonisti.

(scelto da Vlad Sandrini)

***

Kobane Calling di Zerocalcare (Bao Publishing)

I migliori libri del 2016

È un reportage a fumetti che sente il desiderio di raccontare, attraverso il classico linguaggio di Zerocalcare, la storia di tre viaggi all’interno del mondo curdo e delle sue problematiche. Ho apprezzato il particolar modo il fatto che l’autore abbia sentito l’esigenza di cimentarsi questa volta con un argomento serio e che, malgrado il carattere sempre ironico e spontaneo dei suoi libri, sia riuscito nell’intento, coinvolgendo il lettore fino all’ultima pagina.

(scelto da Barbara Scalco)

***

Ora ci raccontate quali sono i migliori libri del 2016 secondo voi? Non siate timidi!

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.3 (8 voti)
Tag:

Commenti

Grazie di cuore. Ne sono molto felice e onorata! Buon 2017 e buone letture a tutti!

Il libro migliore che ho letto credo sia stato "Le ragazze", di Emma Cline. Seguito da un'altra bellissima sorpresa: "Le cose cambiano", di Cathleen Schine.

Grazie mille a te, Roberta. Ottimi anche "Le ragazze" e "Le cose cambiano", vero.

Il mio preferito è il libro della Gazzola " Un po' di follia in primavera" ho adorato Alice e la sua fragilità.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.