Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

“I due hotel Francfort”, incontro con David Leavitt

“I due hotel Francfort”, incontro con David LeavittI due hotel Francfort è l’ultimo romanzo di David Leavitt, e in occasione dell’uscita in Italia – nella traduzione di Delfina Vezzoli – Mondadori ha organizzato un incontro con alcuni blogger durante il quale lo scrittore statunitense ha svelato i retroscena del suo nuovo lavoro.

 

L’azione si svolge a Lisbona, una Lisbona della seconda guerra mondiale, gravida di persone in fuga verso gli Stati Uniti e verso una briciola di speranza di sopravvivere. Perché Lisbona?

Nel 1940, Lisbona appariva come una bolla rispetto al resto dell’Europa, una bolla nella quale potevi sentirti protetto e rivolto verso un altro continente dove le bombe non cadevano, dove la morte non era uno spettacolo quotidiano. A Lisbona si viveva un clima quasi normale. Al contempo, però, coloro che riempivano le strade e gli alberghi della capitale portoghese erano rifugiati, gente che scappava da una guerra in atto, che si dispiegava sotto i loro occhi. Quindi la guerra c’era anche in questa città-bolla, ma solo attraverso le persone in fuga. Questa è una delle motivazioni che mi hanno spinto a scegliere la capitale Portoghese. Un’altra, invece, è di natura personale: l’ho visitata e mi è piaciuta.

 

Viaggia molto, quindi?

Abbastanza, benché di rado. Quando lo faccio, però, percorro mezzo globo. A proposito di viaggiare: i sogni stessi cambiano. Quando sono a casa, ho un incubo ricorrente: sto facendo le valigie e sono in un tremendo ritardo per l’aereo. Quando sono in altri punti geografici, non mi succede. Si viaggia anche nel sogno. E, certamente, viaggiare ti apre la mente.

 

I protagonisti del romanzo sono due coppie sposate che si incontrano casualmente in un certo caffè portoghese, un incontro che darà il via alla narrazione. Facendo un salto cronologico nel libro, nelle pagine finali, Georgina – uno dei personaggi – indica le dieci regole d’oro per scrivere un buon libro. Al contempo, la voce narrante – Pete Winters, il protagonista – dimostra quanto siano opinabili queste dieci regole – le stesse che molti corsi di scrittura creativa contemplano. Quali sono le regole, a questo punto?

Per scrivere un buon libro bisogna seguire un’unica regola: essere disobbediente.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

“I due hotel Francfort”, incontro con David LeavittPete, il protagonista e la voce narrante, appare come un personaggio complesso, anzi con una storia complessa. A tratti, è doppio, benché vi sia, in ultima analisi, una sintesi tra questi due estremi. Come i due hotel Francfort – i rispettivi alloggi delle due coppie, nonché il titolo. C’è un simbolismo nella scelta di questo titolo?

C’è, senz’altro, ma inconscio. Ho scelto questo titolo tra diverse possibilità. I due alberghi sono realmente esistiti, omonimi e, anzi, gestiti da uno stesso proprietario. Quando ho saputo questo dettaglio, ne sono rimasto incuriosito, da qui la scelta di inserirli nella narrazione e, poi, nel titolo. Pete, sì, è vero, a tratti si sdoppia in qualche modo, come gli alberghi.

 

Accanto a Pete, ci sono Julia, sua moglie, ed Edward e Iris, i Freleng, una coppia sposata di scrittori che pubblicano romanzi gialli con pseudonimo. I gialli la appassionano?

Li adoro. Non sono capaci di scriverli, ma mi piace moltissimo leggerli, per questo ho scelto che scrivessero questo genere letterario.

 

Parlando di scrittura, lei ha esordito con un racconto pubblicato nel «New Yorker», nel 1984. Racconto vs. romanzi, che rapporto ha con l’uno e con l’altro?

I racconti sono come un love affaire, poco impegnativi e molto piacevoli. I romanzi sono come un matrimonio, richiedono un altro tipo di impegno. A proposito del «New Yorker», c’è un fatto buffo: dopo quella prima pubblicazione non ho più scritto per loro, se non qualche settimana fa, vent’anni più tardi. La parte buffa è che, per la prima pubblicazione mi avevano pagato una fortuna insperata per quei tempi, ora, invece, la paga è rientrata nella totale norma.


Leggi tutte le nostre interviste a scrittori.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.