Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

I dolori di un non più giovane scrittore: l’ispirazione? Iniziamo a contare

 

IspirazioneTeatro? Un cannocchiale oscuro.

Immenso e inatteso si stende fra le poltrone e il soffitto, dilatando bisbigli e accartocciando paure che si aggrappano alla volta di legno dorato come gargoyles ansiosi di trovare la prossima preda.

Gli spettatori si girano a destra e sinistra, ascoltano il buio per cominciare a pensare, vogliono l’attore per smettere di ascoltare. Lo scrittore li guarda, prende appunti nella testa che si spiana e freme, come un taccuino nuovo che desidera essere marcato più di ogni altra cosa al mondo. Lo scrittore è lì, pronto a segnare l’immagine che più lo tenta, la metafora che più lo rende invidioso, la sequenza di parole che più gli aggrada per rigore o sonorità. Lo scrittore prende appunti, sempre. Ogni sguardo, ogni sospiro, ogni gesto banale e convulso offre un’idea, un’ipotesi di storia a cui non aveva pensato. E allora guarda, domandandosi se uno strano dondolio con il piede sinistro potrebbe essere abbastanza interessante, se si moltiplicasse nel silenzio dell’attesa, di fila in fila, trasformandosi in un’avanzata di barbari.

La donna vicina allo scrittore tossisce interrompendone il disegno. Il primo atto è cominciato e lui ne ha perso un discreto pezzo per scrutare teste buie. È da un mese che ha iniziato a scrivere la sua nuova storia. Struttura, griglia, trama e personaggi sono chiari nei suoi occhi, meno nella sua mente. Il primo capitolo si è auto-generato, in un pomeriggio orrendamente silenzioso, in cui lo scrittore ha prodotto pagine su pagine di un qualcosa che poco sembrava somigliare alla sua storia, ma che sgorgava possente dalle sue dita, percuotendo la tastiera e strattonando le sue certezze. L’ispirazione, gatto prezioso e indisponente, stava decidendo per lui, stava viaggiando così veloce e deciso da costringere lo scrittore a seguirlo inerte, ben sapendo che, di rado, tanta fretta ha generato la pagina giusta. Quando è riuscito a fermarsi, obbligato da un forte dolore ai polsi a scrollare le mani in un’aria fremente di curiosità, lo scrittore ha guardato la barra di piccoli tasti sopra la sua pagina virtuale alla ricerca del simbolo che più di tutti lo affascina e lo sgomenta: il conta parole.

Un innocuo tastino che subito elenca il numero di pagine, parole e caratteri che fino a quel momento ha imposto alla sua trama. L’unico strumento che permette allo scrittore di dimostrare a se stesso di aver davvero scritto qualcosa. Un occhio asettico che non giudica il contenuto, ma implacabilmente conta e raggruppa, dimostrando il frutto dell’impegno dello scrittore. Se il risultato è, come spesso accade, carente rispetto al programma, gli occhi dello scrittore si stringono in uno sguardo torvo, iniziando a rimproverare la testa di aver prodotto così poco, provando a cliccare il conta parole più e più volte, quasi fosse una slot-machine, in grado di trasformare le decine in centinaia e i desideri in certezze. Se invece il risultato è superiore alle attese, lo scrittore, non osa mai un “secondo tiro”, iniziando a guardare sgomento e felice la cifra che il conta parole gli ha regalato.

Dopo una tale estasi c’è una sola cosa che lo scrittore non più giovane può fare: aspettare! Staccarsi dal foglio, iniziare a vagare lontano dal testo, in cerca di piacere, in cerca di nuove parole da creare.

Eccolo allora, armato di ansia per un testo scritto che non osa ancora riguardare, uscire di casa e aspettare, andare a teatro e aspettare, iniziare a leggere un testo altrui con le orecchie tanto per cambiare. Aspettare che ciò che sente sia speciale, sia perfetto, sia migliore di certo di ciò che ha appena scritto.  

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.9 (8 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.