Corso online di Editing

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Scrittura Creativa

“I divoratori”, il complesso gioco al massacro di Stefano Sgambati

“I divoratori”, il complesso gioco al massacro di Stefano SgambatiIn uscita per Mondadori I divoratori di Stefano Sgambati, scrittore romano che si è già messo in luce negli anni scorsi grazie a un paio di romanzi interessanti: Gli eroi imperfetti (Minimum Fax, 2014) e soprattutto La bambina ovunque (Mondadori, 2018), che raccontava una difficile maternità, a partire dai tentativi frustrati e dalla conseguente scelta della fecondazione in vitro, dal punto di vista meno prevedibile della figura paterna.

Questo nuovo romanzo è ambientato a Milano, dove Sgambati si è trasferito recentemente, e si svolge tutto nell’arco di una serata, con doverosi flashback che ci raccontano il vissuto precedente dei protagonisti e i motivi che li hanno condotti a ritrovarsi insieme a cena nello stesso luogo.

Siamo nello sfarzoso ristorante dell’Hotel Principe di Savoia, uno dei più lussuosi alberghi di Milano, regno del celebre chef Franco Ceravolo e diretto in modo impeccabile dal giovane maître Carlo Di Martino, dove sta per avere luogo una serata indimenticabile. Tutti aspettano infatti l’arrivo di una celebre coppia di attori provenienti da Hollywood, il bellissimo Daniel William King e la moglie Sally Parson, ma i due non sono ovviamente i soli ospiti del ristorante. Ci sono Elena e Saverio, romani che dopo una lunga fase interlocutoria hanno deciso di concretizzare la loro relazione trascorrendo insieme un weekend a Milano. C’è Giordano, maturo traduttore e intellettuale frustrato che ha invitato a cena la giovane ammiratrice Frida nella speranza di sedurla. E poi c’è l’impresentabile famiglia di Carlo Di Martino, con i genitori che hanno voluto a tutti i costi venire a cenare nel ristorante quando hanno saputo della presenza del divo americano, ma hanno trascinato con loro una serie di parenti incapaci di adeguarsi all’eleganza e alla discrezione del luogo.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

“I divoratori”, il complesso gioco al massacro di Stefano Sgambati

Partendo da questo quadro iniziale, Sgambati racconta lo svolgimento della serata passando da un tavolo all’altro e da un personaggio all’altro, raccontandoci tutti i retroscena che hanno portato al momento attuale: l’incontro tra Elena e Saverio, quello tra Giordano e Frida, i vizi segreti dello chef di successo e il passato di Carlo, approdato al ristorante proprio per liberarsi dall’ingombrante fardello di una famiglia in cui non riesce a riconoscersi. Al centro di tutto, però, rimane lui: Daniel William King, bellissimo e adorato da milioni di fan in tutto il mondo, ma in realtà uomo fragile e in perenne conflitto con se stesso, incapace di sostenere fino in fondo il ruolo di maschio attraente e di successo perché prigioniero di troppe ossessioni. Sarà lui, quindi, a conferire alla serata un risvolto del tutto inaspettato, segnando in qualche modo la vita e le scelte di tutti i personaggi seduti come lui ai tavoli del ristorante.

“I divoratori”, il complesso gioco al massacro di Stefano Sgambati

I divoratori è un romanzo che fotografa in modo impietoso molti aspetti della realtà contemporanea ed è disseminato di accenni ironici ai tanti miti del ventunesimo secolo, dalla smania di apparire in televisione a quella di costruirsi una posizione nel mondo dei social, anche quando magari non se ne è compresa del tutto né la funzione, né il modo migliore per muoversi al suo interno, passando per la nuova mania della cucina e la mitologia degli chef stellati. Soprattutto, ci racconta quanto spesso, persino dietro alle facciate più brillanti, le persone siano in realtà profondamente diverse da come intendono mostrarsi, ma finiscano prima o poi per pagare la fatica di sostenere la loro schizofrenia esistenziale.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

«Io sono solo un pasto da divorare»,confessa a un certo punto uno dei personaggi de I divoratori: e non è facile offrirsi in pasto a coloro che ci circondano.


Per la prima foto, copyright: Jason Leung su Unsplash.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.