In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

I dieci finti intellettuali italiani più ridicoli - decima posizione

vittorio sgarbiOggi rivelerò il primo nome, il decimo della classifica. Un personaggio che ho tanto amato, quanto detestato col passare del tempo, anche se l’amore durò per poco.

Correva l’anno 1992, frequentavo il liceo, e, ancora scevro di strumenti per analizzare con un minimo di serietà ciò che mi circondava, oltre a essere quel che si definirebbe “un ragazzo ribelle”, iniziai a guardare una trasmissione su Canale 5, nella quale un signore, vestito di tutto punto, spaziava da un argomento all’altro, dalla cultura alla politica all’aneddotica, con un piglio appassionato, senza peli sulla lingua. In qualche modo mi sentivo rappresentato da comportamenti simili, eccetto per le volgarità più o meno palesi che erano di solito urlate. Urlava. Tanto era disquisire su Michelangelo con tranquillità, quanto insultare un giornalista alzando il tono della voce; ero costretto a pigiare sul telecomando per abbassare il volume.

L’amore, dicevo, durò poco, perché iniziai a seguirlo anche nell’editoria, leggendo i suoi libri, nei quali, dopo avere verificato su fonti più attendibili, mi capitava di scoprire errori o interpretazioni marginali, isolate, o addirittura contro la maggior parte degli studiosi, in particolare di storia dell’arte. Certo, un uomo che si dona un’aria da intellettuale che si permette di augurare la morte al buon Federico Zeri lascia non poco perplessi. Allora conoscevo il suo nome, sapevo poco di lui, di Zeri intendo, oggi comprendo con più consapevolezza che il signore-urlante travasava presunzione da tutti i suoi pori. Pace all’anima del grande Zeri.

Il signore-urlante, evidentemente incapace di tenere la calma o almeno persuaso che urlando i suoi argomenti divengano più verosimili (la seconda abilità, se fosse così, dimostra la sua indubbia profondità di pensiero), era già conosciuto nell’ambiente televisivo, per le sue apparizioni nella celebre trasmissione della seconda serata: il Costanzo Show.

È trascorso molto tempo da allora, eppure il signore-urlante riesce a strappare sempre qualche nuova comparsata o addirittura un programma, come accadrà stasera, che lo vedrà nuovamente in televisione, suppongo anche per urlare.

 

Perché è un finto intellettuale?

 

Un intellettuale, degno di tale nome oggi, è una persona che si aggiorna, che scruta le albe del mondo, più che gli orizzonti, che privilegia l’ascolto più che il parlare, nel suo caso urlare, che mette in discussione se stesso in primo luogo, invece il signore-urlante, alias Vittorio Antonio Umberto Maria Sgarbi (possiede quattro nomi, non uno e trino, gli sarebbe certo piaciuto, ma trino più uno, meglio di Dio), è abituato a non aggiornarsi, anche perché altrimenti non continuerebbe con il medesimo ritornello da anni su alcuni argomenti (c’è da chiedersi quale sia stato il suo maestro in tal senso…); non si interroga sulle albe, ma continua a seguire gli ultimi bagliori del sole (quante volte lo abbiamo visto inveire contro le medesime persone che hanno dimostrato in numerose occasioni di non degnarlo di uno sguardo perché lo ritengono maleducato da sempre?); non ascolta, ma parla parla parla parla parla parla parla parla, non ascolta (l’intelligenza, quella vera, concerne l’ascolto o il parlare?); urla il più delle volte, atteggiamento che alla lunga è non solo fastidioso, ma costringe, o almeno questo accade a me e agli amici con cui è capitato in passato di parlarne, a cambiare canale. Perché dobbiamo pagare il canone quando compare in Rai (certo, anche per tanti altri motivi, ma citiamone uno) per sentire un signore-urlante che cerca in maniera meditata lo scontro, la polemica, la cattiveria gratuita?

Inoltre, non si mette mai in discussione, anche di fronte alla realtà. Quante volte qualcuno tentava di spiegargli che sbagliava e si beccava in pochi secondi una serie infinita di insulti, da capra a stronzo, a cretino.

Peccato che spesso non parli di contenuti, si cade nella maggior parte delle volte in insulti, questo è il punto principale.

vittorio sgarbiNon inizio neppure a descrivere brevemente il suo meraviglioso ed esimio percorso politico, con virate di partito, sconvolgenti ruoli di sindaco per esempio nei luoghi più periferici d’Italia, a conferma che la gente ha quel che merita, e con *gente* intendo la maggioranza delle persone (dal punto di vista politico). Ci sarebbe non da ridere, ma da piangere. Leggete queste parole di seguito: PSI, DC, MSI, PLI, Forza Italia, Lista Sgarbi, Liberal Sgarbi, Lista Consumatori, UDC, PCI, Partito Federalista, PRI, forse ne ho dimenticato qualcuno, lui li conosce tutti per averci militato o sostenuto qualche causa (anche propria). Sgarbi ribadisce la sua libertà da anni, l’incapacità di stare dentro i paletti di persone che non di rado ritiene meno intelligenti. Sarà, ma da quanto invece mi pare di intuire – mi posso sbagliare –, una transoceanica simile nell’alveo dei partiti italiani è semplicemente mancanza di serietà, e perdoni il signore-urlante se oggi il nostro paese ne ha bisogno, di serietà, dato che siamo alla frutta anche grazie alle sue invettive poco nobili ed eleganti che ci dona da quando, e altresì molto prima, si indignò perché il Pretore di Venezia, tale Antonino Abrami, in data 30 giugno 1994, lo condannò per il reato di falso e truffa aggravata e continuata ai danni dello Stato (sentenza poi confermata in tutti i gradi di giudizio).

Lui, che è diventato Ministro della Cultura purtroppo a suo tempo.

Non è IL male, non è IL problema il signore-urlante Sgarbi, ma ha davvero stancato con i suoi modi, i quali esprimono la sua intelligenza peculiare, certo.

 

Un finto intellettuale appunto. Un agente patogeno di cui l’Italia farebbe volentieri a meno, dalla televisione alla politica, dall’editoria alla letteratura. Stasera, basta fare una semplice cosa, non guardate la sua trasmissione, facciamolo affondare nella sua presunzione.

Alcune sue chicche intellettuali.

 

Alla prossima, c’è di peggio ahi noi.  

 

[Consiglio di leggere un libro: “Sgarbi con truffa” di Alessandro Roveri, Kaos Edizioni]

 

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (9 voti)

Commenti

Beh, pero' cosi' vai sul sicuro. Aspetto le prossime posizioni di classifica :)

Quando era ministro, fu invitato a Livorno per non so quale manifestazione. Arrivò tardi, insieme alla bonazza di turno. "Sì", disse, "ho fatto tardi perché ero a trombare con lei." Un ministro, della cultura.

Un miserabile, né più né meno. Non saprei definirlo altrimenti...secondo me non merita neanche una disanima accorata e pungente come la tua, non è degno.

In teoria sarei d'accordo con Rossella. In realtà, quando lo si nomina, si trova sempre qualcuno disposto a dire: sì, però come spiega lui le opere d'arte...
E non si rendono conto che di critici d'arte seri, serissimi e più preparati e appassionati di Sgarbi è piena l'Italia.
Ha contribuito enormemente a involgarire e incattivire il clima politico e televisivo (stavo per dire culturale) italiano. Quindi in fondo alla classifica ci sta.
E comunque, la trasmissione di ieri sera è stata un flop: già sospesa.

Perfetta analisi, da condividere in pieno.
Che un simile squallido individuo, condannato in via definitiva per truffa ai danni dello Stato, possa ancora ricoprire cariche pubbliche è solo un altro pezzo di misera storia italiana.

Se Vittorio Sgarbi non fosse così (Rissoso, prepotente, maleducato, presuntuoso ecc) non staremmo qui a parlarne. Si tratta di un grosso equivoco - di portata storica - nel quale in molti son caduti: grida che ti dai e ti daranno ragione. Io credo che anche Sgarbi in una qualche occasione della sua vita privata o televisiva abbia avuto ragione e che sia riuscito a sciupare l'occasione per via del suo caratteraccio. Circa i suoi limiti non mi pronuncio. Chi non ne ha? Per me è il frutto di una cattiva scuola o di una altrettanto cattiva educazione. Le sue incertezze e trasmigrazioni politiche sono anch'esse frutto di un equivoco, la politica richiede passione non cattiveria, impegno e non boria e litigiosità, caratteristica anche di altri politici meno noti e più noti di Sgarbi Vittorio.

Anchio da giovincello ne fui infatuato
forse qualcosa di decente l'aveva, all'inizio, ma parlo di decenni fa, ahime, e solo per poco tempo e solo perché ero piccolo e stupido
poi è diventato sempre peggio, concordo con sopra
con lui vai sul sicuro e non meritava tante parole, ed è proprio per questo che hai fatto bene a dirle :)

bella questa classifica :D

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.