Corso online di Scrittura Creativa

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di Editing

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

“I colpevoli” raccontati da Andrea Pomella

“I colpevoli” raccontati da Andrea PomellaLa famiglia è sempre stata oggetto d’ispirazione tra gli scrittori. È accettabile pensare che, almeno all’inizio della propria carriera, quando ci s’imbatte per la prima volta di fronte al famigerato e temuto foglio bianco, ci si lasci ispirare da quello che conosciamo meglio. Il nucleo familiare è lo scenario che meglio conosciamo, è luogo in cui ci si confronta, si litiga, si discute e nel caso degli scrittori ci si ispira. Infatti, nella maggior parte dei romanzi, prendere spunto da episodi autobiografici è una cosa naturale, scrivere delle proprie esperienze, romanzare su cose fatte, vissute, direttamente o indirettamente, permette allo scrittore di coinvolgere il lettore e di catturare la sua attenzione fino all’ultima pagina.

Da questa considerazione mi vengono in mente romanzi immortali come Lessico famigliare di Natalia Ginzburg, Il giardino dei Finzi Contini di Giorgio Bassani e cito solo questi due, ma potrei fare un elenco infinito.

Andrea Pomella è uno scrittore romano che ha iniziato la propria carriera scrivendo monografie su Caravaggio, Van Gogh e altre tematiche, poi esordisce nel 2013 con il romanzo La misura del danno cui fanno seguito altri tre lavori tra i quali figura Anni luce che è stato tra i dodici libri candidati a Premio Strega e infine è uscito a maggio 2020 il suo ultimo romanzo: I colpevoli (Einaudi).

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

È la storia di un padre e di un figlio (la famiglia di cui parlavo all’inizio) che si incontrano dopo trentasette anni e già nel giro di qualche pagina ci troviamo dentro a una storia fatta di una famiglia, di un tradimento cui segue un abbandono di un bambino che per il trauma perde tutte le certezze e un punto di riferimento che pensava fosse eterno e sicuro, in una sola parola “per sempre”. Il padre non è più una figura cui ispirarsi, far riferimento, raccontare i propri segreti, chiedere un consiglio, nel giro di poco tempo quell’abbandono lo trasforma in un uomo debole, confuso, frantumato, un uomo incapace di assumersi le proprie responsabilità, incapace di relazionarsi con sé e con gli altri, specialmente con la propria famiglia e in particolar modo con il figlio che in un passaggio mostra la sua fragilità e la sua confusione mentale tra illusione (padre perfetto) e realtà (padre che lo abbandona). Tutta la storia si svolge in cerca di accettazione di quello che è accaduto per poi arrivare all’incontro e a un perdono che forse non sarà così facile perché, in alcuni casi, anche il ricongiungimento contiene in sé una perdita.

“I colpevoli” raccontati da Andrea Pomella

Già in passato Andrea Pomella aveva affrontato temi molto crudi e cupi, come ad esempio la depressione in L’uomo che trema, e anche in questo nuovo lavoro l’autore romano dimostra di essere in grado di padroneggiare con estrema sicurezza i temi della nostra attualità e lo fa in maniera profonda e introspettiva.

All’interno del romanzo sono numerosi i richiami e le citazioni a volte molto chiare e a volte celate. Mi riferisco ad autori come Franz Kafka, Fëdor Dostoevskij, Thomas Bernhard, Lev Tolstoj che hanno trattato nelle loro opere il tema della colpa, ma facendo i debiti paragoni, Andrea Pomella, con questo libro dalle forti tinte autobiografiche, riesce a scavare nel profondo del lettore e lo porta a interrogarsi sulle proprie colpe.

Senza svelare niente, segnalo un bellissimo passaggio, nel quale è chiamata in causa persino la Bibbia e come potrebbe essere diversamente, dato che questa immensa opera fa del tema della colpa, del tradimento, del rapporto padre-figlio un punto fermo della storia di Gesù Cristo.

“I colpevoli” raccontati da Andrea Pomella

A un certo punto la colpa cede il passo al perdono che si può definire tale solo quando si riesce a perdonare qualcosa che all’apparenza pare imperdonabile e anche in questo caso bisogna citare la famosa frase «chi è senza peccato scagli la prima pietra».

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Andrea Pomella l’avevo scoperto con Anni luce, incuriosito da un libro che parlava di musica e di Pearl Jam, poi mi aveva colpito il tema dell’Uomo che trema (che avevo recensito su queste pagine) e infine quando ho letto quest’ultimo lavoro ho avuto conferma della bravura e genuinità di quest’autore che riesce sempre a sorprendermi.


Per la prima foto, copyright: Helena Lopes su Unsplash.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 2 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.