Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

I 7 consigli di scrittura di William Faulkner

I 7 consigli di scrittura di William FaulknerSembra quasi impossibile che William Faulkner abbia rilasciato qualche consiglio di scrittura, considerando che in un’intervista rilasciata nel 1958 a «Paris Review» sostenne:

«Il giovane scrittore sarebbe uno sciocco a seguire una teoria. […] Impara dai tuoi errori; le persone apprendono solo sbagliando. Un buon artista crede che nessuno sia abbastanza bravo da dargli un consiglio».

Nonostante ciò, tra il 1957 e il 1958, Faulkner offrì molti consigli, durante i suoi insegnamenti all’Università della Virginia. Le sue varie lezioni e conferenze pubbliche furono audio-registrare e ora fanno parte dell’archivio audio che l’Università della Virginia ha dedicato allo scrittore. OpenCulture.com ha setacciato le trascrizioni e selezionato 7 interessanti citazioni di Faulkner sull’arte dello scrivere fiction. In molti casi, si tratta di punti su cui Faulkner ritornò molto spesso.

 

Vediamo, allora, da vicino quali sono i 7 consigli di scrittura di William Faulkner.

 

1. Prendi ciò di cui hai bisogno da altri scrittori

I 7 consigli di scrittura di William Faulkner

Faulkner non aveva remore a prendere a prestito da altri scrittori quando vedeva un dispositivo o una tecnica che sarebbe stata utile anche per lui. Durante un corso di scrittura creativa, il 25 febbraio 1957, disse:

 

«Penso che lo scrittore sia del tutto amorale. Prende qualsiasi cosa di cui ha bisogno, ovunque ne ha bisogno, e lo fa apertamente e onestamente perché egli stesso spera che quello che fa sarà buono abbastanza che dopo di lui altri se ne serviranno prendendolo da lui e saranno senz’altro benvenuti, poiché lui stesso sente che il migliore dei suoi predecessori gli lascerebbe prendere quello che ha fatto senza problemi».

 

LEGGI ANCHE – I 6 consigli di scrittura di John Steinbeck

 

2. Non preoccuparti dello stile

I 7 consigli di scrittura di William Faulkner

Uno scrittore genuino – uno «guidato dai demoni» per usare un’espressione cara a Faulkner – è troppo occupato a scrivere per preoccuparsi dello stile. In un corso di scrittura del 24 aprile 1958, Faulkner sostenne:

«Penso che la storia imponga il suo stile in buona parte, che lo scrittore non abbia bisogno di preoccuparsi troppo dello stile. Nel caso in cui se ne preoccupi troppo, scriverà un vuoto pretenzioso, anche se non necessariamente senza senso… sarà abbastanza bello e abbastanza piacevole all’orecchio, ma non ci sarà alcun contenuto».

*****

3. Scrivi sulla base dell’esperienza, ma considera una definizione molto ampia di “esperienza”

I 7 consigli di scrittura di William Faulkner

Faulkner era d’accordo con il vecchio adagio secondo il quale bisogna scrivere a partire dalla propria esperienza, ma solo perché pensava fosse impossibile fare diversamente. Aveva un concetto notevolmente inclusivo di “esperienza”. In un corso sulla fiction americana del 21 febbraio 1952, così argomentò:

 

LEGGI ANCHE – I consigli di scrittura di Henry Miller

 

«Per me, l’esperienza è qualcosa che hai percepito. Può venire da un libro – una storia – che è sufficientemente vera e viva da far muovere qualcosa dentro di te. Questa, secondo me, è una delle tue possibili esperienze. Non è necessario ripetere le azioni che le persone in quel libro compiono, ma se ti colpiscono come fossero vere, come fossero cose che le persone vorrebbero fare, e tu puoi comprendere il sentimento che ha spinto le persone a compierle, allora questa è un’esperienza. E così, considerando la mia definizione di esperienza, è impossibile scrivere qualcosa che non sia un’esperienza, perché tutto ciò che hai letto, hai sentito, hai percepito, hai immaginato è parte dell’esperienza».

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

 

4. Conosci i tuoi personaggi e la storia si scriverà da sola

I 7 consigli di scrittura di William Faulkner

Quando hai le idee chiare su un personaggio, dice Faulkner, gli eventi della storia dovrebbero fluire in maniera naturale in linea con le necessità interiori del personaggio. «Con me, il personaggio fa tutto il lavoro». Sempre nello stesso corso del 21 febbraio 1958 menzionato sopra, uno studente chiese a Faulkner se fosse più difficile costruire un personaggio nella sua mente o abbozzarlo sulla carta una volta che le idee erano chiare. Faulkner rispose:

«Mi verrebbe da dire, costruire un personaggio nella propria mente. Una volta che è nella tua mente, ed è giusto, vero, poi farà il lavoro da solo. Tutto ciò che dovrai fare è trotterellare dietro di lui e mettere giù quello che fa e quello che dice. Prima c’è l’ingestione e poi la gestazione. Devi conoscere il personaggio. Devi credere in lui. Devi sentire che è vivo e poi, ovviamente, dovrai scegliere tra le possibili azioni che potrebbe portare a termine, in modo tale che le sue azioni siano adeguate al personaggio in cui credi. Dopo aver fatto tutto questo, mettere il personaggio sulla carta diventa un’azione meccanica».

 

LEGGI ANCHE – I consigli di scrittura di Tolkien

 

5. Usa il dialetto con parsimonia

I 7 consigli di scrittura di William Faulkner

In un paio di programmi radiofonici conservati sempre nell’archivio audio dell’Università della Virginia, Faulkner ha detto alcune cose interessanti sulle sfumature dei vari dialetti parlati dai diversi gruppi etnici e sociali in Mississippi. Ma nella registrazione del 6 maggio 1958, Faulkner mette in guardia sul fatto che per uno scrittore è importante non farsi prendere la mano:

«Penso che sia meglio usare il dialetto quanto meno sia possibile perché confonde le persone che non hanno familiarità con questo. Nessuno dovrebbe far parlare il personaggio completamente nel suo dialetto. È più indicato lasciarlo esprimere attraverso pochi, semplici, sparsi ma riconoscibili tocchi».

*****

6. Non esaurire la tua immaginazione

I 7 consigli di scrittura di William Faulkner

«Non scrivere mai te stesso alla fine di un capitolo o alla fine di un pensiero». Il consiglio, dato più di una volta durante le sue conversazioni in Virginia, era già stato anticipato durante il corso del 25 febbraio 1957:

«Non esaurire te stesso a furia di scrivere. Smetti sempre quando le cose stanno andando bene. Così sarà più facile riprendere. Se ti esaurisci, allora otterrai solo una formula magica morta e ne ricaverai solo problemi».

*****

7. Non accampare scuse

I 7 consigli di scrittura di William Faulkner

Sempre il 25 febbraio 1957, Faulkner ebbe qualche parola molto dura per lo scrittore frustrato che incolpa le circostanze:

«Non ho pazienza, non sopporto i muti ingloriosi Milton. Penso che se lui sia guidato dal demone e abbia qualcosa da dire, allora scriverà senz’altro. Ho sentito persone dire: “Bene, se non fossi sposato e avessi figli, allora sarei uno scrittore”. Ho sentito gente dire: “Se potessi smettere di fare questa cosa, allora sarei uno scrittore”. Non ci credo. Se pensi di scrivere tu scriverai, e nessuno ti fermerà».

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (4 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.