Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

I 10 consigli di scrittura di Elmore Leonard

I 10 consigli di scrittura di Elmore LeonardIl 16 luglio 2001, Elmore Leonard ha scritto un breve articolo per il «New York Times», delineando questi dieci consigli di scrittura.

La lista era preceduta da questo breve passaggio:

Queste sono regole che ho raccolto lungo la strada per aiutarmi a rimanere invisibile quando scrivo un libro, per aiutarmi a mostrare piuttosto che a dire cosa sta accadendo nella storia. Se hai facilità di linguaggio e immaginazione e il suono della tua voce ti piace, l’invisibilità non è quello che cerchi e poi saltare queste regole. Eppure, potresti dare comunque un’occhiata.

 

E veniamo ai dieci consigli di scrittura:

 

Mai aprire un libro parlando delle condizioni atmosferiche

Se serve solo per creare atmosfera, e non per descrivere la reazione di un personaggio alle condizioni meteo, non vuoi andare molto lontano. Il lettore è pronto ad andare avanti cercando di leggere di persone. Ci sono eccezioni, ovviamente. Se ti capita di essere Barry Lopz, che ha descritto il ghiaccio e la neve in più modi di un eschimese, puoi fare tutti i bollettini meteo che vuoi.

 

LEGGI ANCHE – I consigli di scrittura di Zadie Smith

 

Evita i prologhi

Possono annoiare, soprattutto un prologo che segue un’introduzione che viene dopo una premessa. Ma questi, in genere, si trovano nei saggi. Un prologo, in un romanzo, è un antefatto, e puoi inserirlo ovunque voglia. In Quel fantastico giovedì di Steinbeck c’è un prologo, ma va bene, perché un personaggio del libro fa il punto di ciò di cui parlano queste mie regole. Egli dice: «Mi piace che in un libro si parli molto e non mi piace che qualcuno mi dica com’è quello che sta parlando. Voglio avere la possibilità di immaginarmi com’è dal modo in cui parla… immaginarmi cosa sta pensando da ciò che dice. Mi piacciono le descrizioni, ma non quando ce ne sono molte…».

I 10 consigli di scrittura di Elmore Leonard

LEGGI ANCHE – I 6 consigli di scrittura di John Steinbeck

 

Non usare nessun altro verbo oltre a “dire” per gestire i dialoghi

La battuta del dialogo appartiene al personaggio; il verbo è dello scrittore che sta ficcando il naso nel dialogo. Ma “dire” è molto meno intrusivo di “borbottare”, “ansimare”, “ammonire”, “mentire”. Una volta ho notato che Mary McCarthy aveva chiuso una battuta con “lei asserì” e dovetti interrompere la lettura per prendere il dizionario.

 

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

 

Non usare un avverbio per modificare il verbo “dire”…

Usare un avverbio in questo modo (o quasi in qualsiasi altro modo) è un peccato mortale. Lo scrittore si espone troppo, usando una parola che distrae e può interrompere il ritmo dello scambio. In uno dei miei libri c’è un personaggio che dice come fosse solita scrivere romanzi rosa di ambientazione storica “pieni di stupri e avverbi”.

*****

Tieni sotto controllo i tuoi punti esclamativi

Te ne sono permessi non più di due o tre ogni 100 mila parole. Se hai l’abilità di giocare con i punti esclamativi, come fa Tom Wolfe, allora puoi buttarne giù a piene mani.

I 10 consigli di scrittura di Elmore Leonard

Non usare mai espressioni come “all’improvviso” o “si scatenò l’inferno”

Questa regola non richiede alcuna spiegazione. Ho notato che gli scrittori che usano “all’improvviso” tendono a esercitare meno controllo sull’uso dei punti esclamativi.

 

LEGGI ANCHE – I consigli di scrittura di Tolkien

 

Usa dialetti e slang con moderazione

Una volta che cominci a compitare foneticamente le parole nei dialoghi e a riempire la pagina di apostrofi, non sarai più in grado di fermarti. Nota come Annie Proulx cattura le voci del Wyoming nel suo libro di racconti Distanza ravvicinata.

 

LEGGI ANCHE – I consigli di scrittura di Henry Miller

 

Evita le descrizioni dettagliate dei personaggi

In Colline come elefanti bianchi di Ernest Hemingway, come sono “l’americano e la ragazza che era con lui”? «Si era tolta il cappello e lo aveva messo sul tavolo». Questo è l’unico riferimento a una descrizione fisica, e ancora vediamo la coppia e la conosciamo dai toni di voce, senza il ricorso a nessun avverbio.

 

LEGGI ANCHE – 8 consigli di scrittura di Ernest Hemingway

 

Non dare troppi dettagli descrivendo posti e cose

A meno che tu non sia Margaret Atwood e sia in grado di dipingere scene con le parole o di scrivere paesaggi nello stile di Jim Harrison. Ma anche se sei bravo a farlo, di certo non vuoi descrizioni che portino l’azione, il flusso della storia, a un punto morto.

I 10 consigli di scrittura di Elmore Leonard

LEGGI ANCHE – 5 regole utili per lo scrittore perfetto

 

Cerca di omettere le parti che i lettori tendono a saltare

Pensa a cosa salteresti leggendo un racconto, come ad esempio fitti paragrafi con troppe parole.

*****

E voi cosa ne pensate dei consigli di scrittura di Elmore Leonad? Vi riconoscete, oppure pensate che siano "esagerati"?

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (4 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.