Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

“Ho visto un Re”, Dario Fo e Enzo Jannacci insieme

Dario Fo, Enzo Jannacci, Ho visto un ReIn quarta di copertina c’è la scritta: «consigliato dai 6 ai 99 anni».

«Dai 6 anni…». Proprio così, perché Ho visto un Re, il volumetto di 32 pagine (16,50 euro) ripubblicato dall’editore romano Gallucci, è molto più di quel che sembra.

Effettivamente sembra un libro per bambini. Pubblicato nel 2006 nella collana Illustrati, ripubblicato nel gennaio di quest’anno dallo stesso autore nelle Creste d’oro, il volumetto nelle librerie lo si trova sugli scaffali dei libri per i più piccoli.

Perché per bambini è la copertina, accattivante, con quell’imperatore, disegnato da Emanuele Luzzati con un sorriso birichino, che se ne scappa per le verdi colline tenendo in braccio il castello portato via al re. «Porca malòr!... di trentadue che lui ne ha.»

Essendo per bambini, il prodotto è snello, tascabile, le sue poche pagine (32 appunto) giuste per contenere le sole strofe, scritte come una fiaba, della famosa canzone omonima di Dario Fo; strofe inframmezzate dalle coloratissime interpretazioni di Luzzati, che fu pittore e scenografo, prima che illustratore.

E pure per bambini è il Cd allegato, con la versione di Ho visto un Re cantata nel 1968 da quell’artista eclettico che fu Enzo Jannacci. Canzone orecchiabile, semplice, ritmata e dal testo pieno di controsensi e ironie. Cose che ai bambini piacciono tanto.

«…ai 99 anni». Ma Ho visto un Re, in realtà, non è un libro per bambini. Quantomeno non solo. Come molti altri della stessa collana e dello stesso editore, è uno di quei libri che ti arrivano in mano nell’infanzia, ma possono farti compagnia per una vita. Di quelli che ogni volta che li riprendi a sfogliare ti sanno dire qualcosa di nuovo e stimolare riflessioni sempre attuali, sempre adatte all’età che stai vivendo.

Il motivo sta in una canzone che ad un primo ascolto par quasi un nonsense, un susseguirsi di immagini ironiche (come quella del vescovo che «faceva un gran baccano, mordeva anche una mano»), ma che in realtà è un intreccio di metafore che ad ogni fruscio di pagina rivelano l’amara, graffiante, critica socio-politica dissimulata nei versi di satira.

Così che anche il contadino al quale «il vescovo, il re, il ricco, l’imperatore, persino il cardinale…gli han portato via: la casa, il cascinale, la mucca, il violino…i dischi di Little Tony…la moglie!... e un figlio militare» (oltre ad avergli ammazzato il maiale), «lui non piangeva, anzi: ridacchiava». Ma non perché fosse matto, ma perché «sempre allegri bisogna stare che il nostro piangere fa male al re. Fa male al ricco e al cardinale».

Una canzone che Dario Fo ha scritto, come lui stesso ha raccontato, ispirandosi al “bei-bei”, canto polivocalico tipico della zona compresa tra Grosseto e il Monte Amiata, dove accompagnava canti d’osteria, romanze, serenate e “canzonacce” della tradizione popolare da sempre tanto amata dal Premio Nobel per la Letteratura 1997. Un brano che, apparso nel 1968, ne divenne subito uno dei simboli, come l’altro successo, dalla struttura molto simile, cantato sempre da Jannacci: Vengo anch’io. No, tu no.

Per questo motivo, è corretta l’indicazione riportata nella quarta di copertina di questo libricino di Gallucci Editore, perché Ho visto un Re è una favola, con tutti i personaggi delle favole che, però, si comportano come nella realtà, dove c’è un potente che si inchina solo a uno ancora più potente, e dove il popolino, anche di fronte all’abuso, è obbligato a riderci su. Uno stimolo alla riflessione che giustamente, dunque, è «consigliato dai 6 ai 99 anni».

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.