Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Herman Melville e Nathaniel Hawthorne furono davvero amanti?

Herman Melville e Nathaniel Hawthorne furono davvero amanti?Herman Melville scrisse Moby Dick perché vi fu spinto da una passione per Nathaniel Hawthorne a cui ha dedicato il romanzo? Oppure l’epica caccia alle balene fu ispirata da una relazione con la moglie del suo vicino? Una nuova biografia e un romanzo suggeriscono due diversi scenari, sullo sfondo di una piccola cittadina nel Berkshire.

 

Melville e Hawthorne: un legame d’amore?

L’ipotesi di una relazione tra Melville e Hawthorne viene riproposta da Mark Beauregard nel recente The Whale: A Love Story (La balena: una storia d’amore), secondo il quale il desiderio di Melville per Hawthorne avrebbe scatenato il fervore creativo che ha poi portato alla creazione della saga della balena bianca.

Herman Melville e Nathaniel Hawthorne furono davvero amanti?

Lo stesso Beauregard sostiene, dopo aver letto le lettere di Melville a Hawthorne, di essersi sentito come quel tale che inciampa in un segreto nascosto in bella vista. E aggiunge che quando ha letto i passaggi delle lettere di Melville ad alcuni suoi conoscenti, anche loro hanno affermato che si trattava davvero di appassionate lettere d’amore.

 

LEGGI ANCHE – “Bartleby, lo scrivano” di Herman Melville

Herman Melville e Nathaniel Hawthorne furono davvero amanti?

Alcuni studiosi di Melville si sono, però, interrogati a lungo circa la natura della relazione tra questi padri fondatori della letteratura americana, arrivando anche a ipotizzare che tra i due ci fosse qualcosa di più di una bella amicizia e di una reciproca ammirazione, ma non sono mai riusciti a trovare prove certe di una più profonda relazione.

 

E chi è Sarah Morewood?

La seconda ipotesi in campo, invece, vede un Melville ispirato da Sarah Morewood, che viveva a due passi dallo scrittore, a Pittsfield, Mass.

La relazione tra i due è raccontata in Melville in Love di Michael Shelden, secondo il quale la storia d’amore sarebbe durata per più di dodici anni fino alla morte di Sarah per tubercolosi. La relazione fu una scommessa audace nell’ambiente puritano della Pittsfield del 1850, sostiene Shelden.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Quando Herman incontrò Sarah, lei era l’inquieta moglie ventiseienne di un ricco uomo d’affari.

Melville, invece, aveva quattro anni più di lei e si era già conquistato una certa reputazione grazie ai romanzi autobiografici sulla sua vita sul mare. Secondo Hershel Parker, autore di un’altra biografia su Melville, lo scrittore era così famoso che il suo matrimonio con la figlia del giudice capo della Corte Suprema del Massachusetts dovette essere celebrato non in chiesa ma in una residenza privata, per paura che la cerimonia fosse assalita dagli ammiratori dello scrittore.

Shelden, che in passato si è occupato anche di Winston Churchill, George Orwell e Mark Twain, rivela che la sua teoria non si basa sulla scoperta di nuove lettere o documenti ma su una lettura diversa di quelli già esistenti: «Il fatto che nessuno abbia preso questa donna sul serio è stupefacente, ma il XIX secolo è pieno di donne straordinarie che non sono state prese sul serio».

Herman Melville e Nathaniel Hawthorne furono davvero amanti?

I libri e i regali che Melville e Morewood si sono scambiati hanno portato Shelden a credere fermamente in una relazione tra i due. In una lettera, Melville osserva che il solo scrivere il nome di Morewood contribuisce a rendere leggibili gli scarabocchi che di solito compone con la sua pessima calligrafia. Dato il molto tempo che i due trascorsero insieme e l’effetto sorprendente che Morewood ebbe su Melville, Shelden dice di essersi meravigliato per il fatto che nessuno abbia notato in precedenza quanto i due fossero stati pazzamente innamorati.

 

LEGGI ANCHE – “Wakefield” di Nathaniel Hatwhorne: storia della letteratura americana in quindici pagine

 

Molti studiosi di Melville, però, non sono convinti dalla teoria di Shelden. Alcuni la liquidano come una semplice fantasia e ritengono che Sarah Morewood fosse una mina vagante e che non ci sia nessuna prova che lei avesse avuto un’attrazione sessuale per Melville o che lui l’avesse avuta per lei.

Sarà difficile riuscire a dirimere la questione, e forse non sarà poi così importante sapere se l’ispirazione per Moby Dick sia derivata dall’amore di Melville per Nathaniel Hawthorne o dai sentimenti provati per Sarah Morewood. La soluzione migliore della controversia potrebbe essere quella di leggere l’opera di Melville e assaporarne la bellezza al di là del chiacchiericcio di fondo.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.