Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Henri Cartier-Bresson: il grado zero di un viso

Ezra PoundIl 30 aprile è uscito in libreria un libro molto particolare. Non è un romanzo e non è un saggio, non è un mémoiree non è una raccolta di poesie, ma ha al suo interno frammenti di tutte queste forme di espressione. Parliamo di Vedere è tutto (edito da Contrasto, collana Logos Lezioni di fotografia, 2014) raccolta delle interviste rilasciate da Henri Cartier-Bresson tra il 1951 e il 1998.

Fotografo, disegnatore, prigioniero evaso, feticista dello sguardo, uno dei pochi artisti dell’immagine a poter dire di aver visitato la propria mostra postuma (al MoMA nel 1946 quando era stata dato per disperso) quasi sessant’anni prima di morire “davvero” all’età di novantasei anni. Parlare di Henri Cartier-Bresson (HCB) è parlare della storia della fotografia in generale e della street photography in particolare, ma vuol dire soprattutto tentare di entrare nella sua ricerca del «grado zero di un viso», di cosa, citando Roland Barthes, si nasconde sotto almeno quattro diversi livelli di percezione: quello che il soggetto crede di essere; quello che vorrebbe si credesse che fosse; quello che il fotografo crede che il soggetto sia; e per finire quello che serve al fotografo per far mostra della sua arte. A questa complessa e infinita ricerca HCB non si è mai sottratto, cercando di passare inosservato per poter osservare senza pregiudizi, pur sapendo che, «a volte, bisogna rinunciare a capire e a spiegare. Si deve guardare e basta». Magari con la fidata Leica con l’obiettivo da 50mm (e non con il 35mm che fa pensare a ogni fotografo di essere il Tintoretto)[1]per catturare la frazione di tempo che si è rotta proprio davanti a voi, come una provetta di emozioni montate al rovescio, non perché meritevoli, ma solo incredibilmente fortunati.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

A questo tipo di epifanie io credo ancora, le aspetto e qualche volta le incontro. Sulla mia scrivania campeggia per i momenti bui Il silenzio interiore – I ritratti di Henri Cartier-Bresson (edito da Contrasto nel 2006), raccolta di ritratti di HCB di cui il mio preferito è quello di Ezra Pound. Mi sembra di averlo lì, in quel momento, con i suoi capelli arruffati, covoni candidi distrutti da un tornado, e i suoi occhi pronti a scavarti dentro, a osare ribaltare sull’obiettivo di HCB la sua stessa ricerca. A fine settembre una grande mostra retrospettiva di HCB arriverà a Roma al Museo dell’Ara Pacis, dopo essere stata inaugurata a Parigi al Centre Pompidou a dieci dalla scomparsa di questo disegnatore di umane tensioni. Non vediamo l’ora di vederla, senza leggere i cartellini vicino alle opere e senza cuffie nelle orecchie, mi raccomando, lui non avrebbe apprezzato.


[1]Si fa riferimento a un commento di HCB apparso in articolo di Pierre Assouline (Cartier-Bresson – L’occhio nascosto) apparso su «L’Espresso» del 30 aprile 2014.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (4 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.