Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Harry Potter come gli zuccheri aggiunti: crea dipendenza?

Harry Potter come gli zuccheri aggiunti: crea dipendenza?È successo appena pochi giorni fa: il direttore di una scuola privata inglese ha invitato i genitori dei propri studenti a non permettere loro la lettura di alcuni libri.

Il direttore in questione è Graeme Whiting, preside della scuola privata The Acorn School, e si descrive come un amante «della letteratura tradizionale, della poesia classica, Wordsworth, Keats, Shelley, Dickens, Shakespeare».

Il suo è un invito a tutti i genitori ad avvicinare i propri figli verso una «letteratura che sia più adatta alla loro età e di mettere da parte testi mistici e spaventosi almeno fino a quando non siano in grado operare un giorno discernimento e dopo che avranno appreso ad amare la bellezza».

 

LEGGI ANCHE – L’ottava storia di Harry Potter presto in Italia

 

Tra i libri che Whiting dichiara pericolosi per i ragazzi non c’è solo Harry Potter, ma compaiono anche romanzi come Il Signore degli anelli, Game of Thrones, The Hunger Games e quelli di Terry Pratchett che, a suo dire, «contengono materiale profondamente scabroso e che dà dipendenza e incoraggia un comportamento difficile nei bambini».

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Secondo il preside della Acorn School, «comprare libri come questi equivale ad alimentare il proprio figlio con cucchiai di zuccheri aggiunti, e quando il bambino ne diventa dipendente ne chiederà sempre di più. Se facciamo questo con i libri, finiremo col riempire i conti correnti di quelli che scrivono libri come questi e li indirizzano a un pubblico di ragazzi!».

 

LEGGI ANCHE – Quanto vendono gli scrittori italiani in Inghilterra?

 

Al momento, la proposta/richiesta di Whiting ha avuto una certa eco in Gran Bretagna, ma è difficile dire quanto effettivamente i genitori riusciranno a incidere nelle scelte di lettura dei propri bambini. E voi, come la pensate? Siete anche voi convinti che in questi libri ci sia qualche potenziale negativo, oppure credete che l’invito di Whiting sia un errore?

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)

Commenti

vietare i libri è sempre stato sinonimo di idiozia, ignoranza e superficialità. e puntualmente, come nel caso dei famosi 49 libri proibiti, la cosa non fa che dare pubblicità e risalto ai titoli "incriminati".
proibire dei romanzi fantasy a dei ragazzi è solo stupido e inutile, oltre che, viste le motivazioni, ridicolo e bigotto. spero proprio che i genitori dei ragazzi inglesi siano abbastanza intelligenti da non dar peso a queste idiozie. e mi auguro che adesso le vendite di questi titoli aumentino.

Salve claccalegge,

sì, confidiamo anche noi nel buon senso dei genitori. Certo, non possiamo dire fino a che punto Harry Potter abbia bisogno di queste iniziative per confermare il suo successo, ma speriamo davvero che la contropartita sia un aumento delle vendite.

Buona giornata.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.