Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Günter Grass, il Nobel che non scriverà più

Guenter GrassGünter Grass, premio Nobel per la letteratura nel 1999, non scriverà più alcun libro. L'annuncio, riportato dalla stampa italiana nei giorni scorsi, è stato affidato alle righe della «Passauer Neue Presse», motivato dal fatto che l'autore de Il tamburo di latta si sente ormai troppo vecchio per affrontare la sfida di un nuovo romanzo. Per scrivere un romanzo occorre un lavoro di ricerca lungo e faticoso che Grass, a 86 anni, non pensa di essere più in grado di svolgere. Si dedicherà, così, solo alla sua attività grafica, ai disegni e agli acquerelli «anche se non so cosa ne verrà fuori», ha detto, ma convinto dal fatto che «dal disegno sono nati i primi testi».

Camera oscura, uscito nel 2008, sarà dunque il suo ultimo libro. Un testo autobiografico, nel quale Günter Grass continua la narrazione di un'epopea famigliare, quella sua, personale, il cui racconto era iniziato con Sbucciando la cipolla, pubblicato nel 2006. Dopo Camera oscura, ha pubblicato la sua ultima raccolta di poesie, Eintagsfliegen, in occasione del suo 85° compleanno, alla quale, dunque, non farà seguito nessun'altra parola.

Le dichiarazioni di Grass giungono a poco più di un anno da quelle di un altro importante nome della letteratura, Philip Roth. Anche il grande autore statunitense, infatti, dopo il suo Nemesis, uscito nel 2010, ha dichiarato che «giunto a questo punto (per lui le primavere sono 81), può anche bastare». Curiosa coincidenza, anche Roth, per dare il suo annuncio, aveva scelto, sul finire del 2012, un'intervista e le pagine di un giornale, che nel suo caso fu il magazine francese «Les Inrocks».

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Due ritiri, quelli di questi autori di caratura mondiale, che riportano alla mente le riflessioni di un autore italiano che chiuse con la scrittura in modo ben più tragico. Di lui, Primo Levi, restano peraltro alcune lucide riflessioni proprio sul "perché si scrive?". Nove sono i motivi (qui riportati in estrema sintesi) che furono individuati dall'analisi di Levi:

  1. Perché se ne sente l'impulso o il bisogno.
  2. Per divertire o divertirsi.
  3. Per insegnare qualcosa a qualcuno.
  4. Per migliorare il mondo.
  5. Per far conoscere le proprie idee.
  6. Per liberarsi da un'angoscia.
  7. Per diventare famosi.
  8. Per diventare ricchi.
  9. Per abitudine.

E in merito a quest'ultima motivazione la sua riflessione ci riporta al motivo per cui, alla fine, forse tutti smettono di scrivere. «Ho lasciato ultima questa motivazione – scrive, infatti, Primo Levi –, che è la più triste. Non è bello, ma avviene: avviene che lo scrittore esaurisca il suo propellente, la sua carica narrativa, il suo desiderio di dar vita e forma alle immagini che ha concepite [...]. Badi a quello che fa: su quella strada non andrà lontano, finirà fatalmente col copiare se stesso. È più dignitoso il silenzio, temporaneo o definitivo».

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.