Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Granta Italia e il racconto dell’invisibile

Granta Italia e il racconto dell’invisibileLeggendo i racconti contenuti nel sesto volume della rivista Granta, edita nella versione italiana da Rizzoli, può venire il sospetto, forse un vero timore, che quanto vi è scritto possa essere reale, riscontrabile nella nostra quotidianità. Una sequenza di autoscatti in cui si scorge più il male che il bene, dove l'invisibile è declinato sotto sagome orripilanti, in una ritrattistica terrificante. Il desiderio degli ambigui figuri che si avvicendano nei racconti degrada spesso nella mania, nel capriccio, anche bizzarro (i disturbi associati al gioco d'azzardo per Giorgio Falco, la chirurgia estetica masochistica della Mònica dello spagnolo Barba). Siamo alla periferia dell'individuo, laboratorio sociale. L'attacco al “centro” dell'universo sociale, al carico di violenza che comporta, inizia qui.

Il corpo è un oggetto concreto, ma l'invisibile collettivo è dissolto in particelle minuscole e rintracciarlo risulta l'intento più gravoso dei narratori. La mutazione del tessuto sociale implica tempi lunghissimi eppure talvolta impercepibili e l'effetto di instant book rimarca il carattere illustrativo della realtà dei racconti (colpiscono, a proposito, le immagini di Adam Magyar che ritraggono una società perennemente disposta a rimodellarsi sotto l'occhio del sistema mediatico). I personaggi narrati, proprio perché immediati, rappresentano la sfida al lettore, nei quali riconoscersi è vergogna e ripudiarli è (solo) apparente superiorità morale. L'aspetto voyeuristico infine sta nella partecipazione comune, non neutrale, ai turbamenti del singolo.

Pochi dei protagonisti si compiacciono di pensarsi come malvagi, il cinismo attiene agli angosciati, senza che possiedano la bussola necessaria a tornare indietro, a guardare ciò che è stato: darsi futili giustificazioni, alibi insostenibili mistifica la propria sostanza e la buona fede non sembra più valere. Comicità ed ironia sono indirizzate a figure perlopiù adulte con le loro autobiografie deviate, che si smentiscono e si capovolgono a causa del risentimento inesorabile.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

L'esibizionismo è aggressione palese a ogni moralismo, corrosivo della propria persona in un realismo marcatamente kitsch, dal piglio rapido, cifra della narrativa contemporanea, nella quale ci si può accorgere di una rinata prospettiva programmatica, sebbene coesistano esperienze personali divergenti. Nonostante l'immersione in una vita pubblica sfaccettata, inceppata, i modelli sperimentali inquadrano il privato con uguale obiettivo, con grande carica espressionistica (mi riferisco, nonostante la bravura degli stranieri, ai soli narratori italiani presenti nel volume, Valerio, il compianto Luca Rastello, Gamberale, Raimo, Cappello, Falco, Petrarca, Sortino, provocatori e febbrili dal linguaggio spesso esatto). Ogni conclusione poi, è convinta di offrire un'immagine mobile della realtà, aperta a numerosi scenari, senza necessariamente esporre a discriminazioni, tutt'al più a recriminazioni, ma spetta sempre al singolo compensarle, con ridimensionamenti e senza fraintendimenti, «tutto ciò che non è violento è colpevole».

La rivista è ottimamente diretta da Walter Siti, al quale è affidato il bell'editoriale iniziale e a Siti è debitrice per quanto riguarda tanta parte dei temi trattati. L'invisibile è lo stato di trance per cui nulla sembra accadere, tutto stregato da un misterioso immobilismo, irretito dai medesimi discorsi, quando in verità a un livello occulto, come per un fenomeno carsico, correnti di alterazione ben radicate e influenti ci cambiano giornalmente. Un immobilismo superficiale che ci contrista e irretisce:

Immaginando il tema per questo numero, pensavo soprattutto […] a ciò che determina i mutamenti sociali e antropologici di lungo periodo e che per questo resta fuori dai nostri sistemi di misura. […] Pensavo al sotterraneo riposizionarsi del Potere, sia in termini di classe che geopolitici, o alle silenziose metamorfosi semantiche di parole-totem che continuiamo a scambiarci come monete scadute.

Anche attraverso l'invisibile di Granta si manifesta la disposizione a riconoscere la consistenza, deteriorata, della realtà e delle presenze che la popolano, che è anche studio dell'attuale geografia fisica del nostro Paese. Non pare casuale pertanto l'argomento prossimo della rivista, appunto Geografia, perché le contraddizioni che attorno a noi pullulano sanno condizionarci.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.