Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Grandi fotografi grandi narratori – 31 Tazio Secchiaroli

Tazio Secchiaroli, Sophia Loren, Richard AvedonNegli anni Cinquanta e Sessanta del ventesimo secolo, Roma è animata da un viavai incessante di personalità del cinema, catalizzate da Cinecittà che, in quel periodo, è diventata una succursale di Hollywood, con l’inevitabile codazzo di aspiranti attori, sceneggiatori o comunque desiderosi di entrare a far parte di quello che appare un mondo favoloso.
La vita diurna e notturna della capitale, già vivace per conto proprio per la presenza di personaggi pittoreschi come l’ex re d’Egitto Faruk, che a Roma vive un esilio più che dorato, o la principessa Soraya, moglie ripudiata dello Scià di Persia, oltre a scrittori e intellettuali che diventeranno famosi, viene immortalata da Federico Fellini nel film La dolce vita (1960), titolo entrato in fretta nel linguaggio corrente a definire una modalità esistenziale.
Un’altra parola, coniata espressamente per quel film (secondo varie leggende, inventata da Federico Fellini stesso o da sua moglie Giulietta Masina), ha ottenuto una diffusione internazionale, ed è paparazzo, che da cognome di uno dei personaggi è passata a indicare una particolare categoria di fotografi: quelli impegnati costantemente a dare la caccia ai VIP, per coglierli in ogni momento della loro giornata, soprattutto in quelli più privati e/o imbarazzanti, cedendo poi a caro prezzo queste immagini esclusive ai giornali.

Il personaggio di Paparazzo, per ammissione dello stesso Fellini, è modellato su Tazio Secchiaroli (Roma, 1925 – 24 luglio 1998), considerato il re dei fotografi d’assalto italiani. Nato a Centocelle da una famiglia d’immigrati marchigiani, dopo la morte del padre capomastro che lo lascia orfano a 14 anni, Tazio deve lasciare gli studi e passare da un lavoretto all’altro per aiutare la famiglia. Inizia presto a scattare fotografie in giro per Roma, grazie alla macchina fotografica ricevuta in regalo da una zia, fino a diventare, nell’immediato dopoguerra, fotografo ambulante, mestiere allora assai diffuso nelle città italiane.

Un amico lo presenta ad Adolfo Porry Pastorel, che lo assume nella sua agenzia VEDO, di cui Secchiaroli diventa presto uno degli uomini di punta. Si distingue per la scelta d’inquadrature più ricercate rispetto a quanto richiesto dalla cronaca, e si muove con disinvoltura tra il mondo politico, la vita mondana e gli avvenimenti importanti della città, documentando, ad esempio, i pellegrini che affollano Roma per l’anno santo del 1950, o la vita nei nuovi quartieri periferici della capitale.

Nel 1955, fonda l’agenzia Roma Press Foto, ma è nell’estate del 1958 che Secchiaroli acquista notorietà mondiale, scattando alcune foto di Ava Gardner in compagnia di Walter Chiari che, non tollerando l’invadenza del fotografo, reagisce aggredendolo, mossa prontamente fotografata da un collega di Secchiaroli e presto finita sui rotocalchi di mezzo mondo.

Tazio Secchiaroli, Walter ChiariI divi si trovano a dover affrontare la possibilità di essere fotografati contro la loro volontà, e questo scatena reazioni spesso brutali: anche il marito di Anita Ekberg, la celebre protagonista del film di Fellini, viene immortalato nell’atto di aggredire i fotografi troppo importuni, ma i paparazzi diventano una categoria a cui è sempre più difficile sottrarsi, come si vedrà, tanti anni dopo, in occasione dell’incidente mortale della principessa Diana d’Inghilterra.

Nel 1960, Fellini chiama Secchiaroli sul set del suo capolavoro, prima come consulente per il personaggio di Paparazzo e poi come autore di servizi speciali sul backstage della produzione, determinando la svolta decisiva della sua carriera. Abbandonata la fotografia d’assalto, Secchiaroli passa a lavorare in modo stabile per il cinema: oltre a realizzare reportage su ciò che avviene sui set cinematografici, diventa fotografo ufficiale di molti di quei divi che solo pochi anni prima inseguiva in via Veneto durante le movimentate notti romane, lasciandoci molte delle più belle immagini che documentano la storia del cinema italiano.

Per circa vent’anni è il ritrattista prediletto di Sophia Loren, che arriva al punto di chiedere la sua assistenza anche quando deve posare per altri fotografi, incurante di gelosie e malumori. Da uno di questi incontri nasce una delle immagini più famose di Secchiaroli, che di soppiatto ritrae l’attrice con Richard Avedon, sdoppiandone il bellissimo volto che appare anche attraverso gli occhiali del famoso fotografo.
Ritiratosi dall’attività nel 1985, Secchiaroli muore a Roma nel 1998, quando già la sua attività ha ricevuto l’omaggio di numerose pubblicazioni e mostre celebrative.

[Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.