Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Grandi fotografi grandi narratori – 29 Sebastião Salgado

Sebastião Salgado, Miniera, BrasileA differenza di tanti suoi colleghi che hanno mostrato un interesse precoce per la fotografia, iniziando a occuparsene fin dalla prima giovinezza, Sebastião Salgado (Aimorés, 8 febbraio 1944) è approdato relativamente tardi al mondo dell’immagine, dopo aver seguito un ottimo percorso universitario in campo economico e statistico e aver lavorato per alcuni anni alle dipendenze dell’Organizzazione Internazionale del Caffè.

I numerosi viaggi compiuti in diverse zone del mondo per conto dell’Organizzazione hanno risvegliato in lui il desiderio di documentare i luoghi visitati e le condizioni di vita, spesso assai degradate, delle popolazioni dedite alla coltivazione del caffè nei Paesi del Terzo Mondo.

Armato di una Leica 35mm, apparecchio che resterà sempre il suo preferito per l’estrema maneggevolezza, unita a una perfezione delle lenti che permette di realizzare stampe anche molto grandi dal piccolo formato di base dei negativi (24x35 mm) senza perdere in nitidezza e precisione, Salgado inizia a realizzare dei reportage per alcune importanti agenzie internazionali, dedicandosi ben presto alla fotografia a tempo pieno, fino ad approdare alla celeberrima Magnum, per la quale lavora dal 1979 al 1994.

Nei primi anni, si afferma come brillante fotocronista, trovandosi anche casualmente a documentare il tentato assassinio del Presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan nel 1981, ma ben presto, spinto anche dalle sue precedenti esperienze in ambito economico, si concentra nella realizzazione di approfonditi servizi tematici, riguardanti i più scottanti problemi socio-economici mondiali: lo sfruttamento dei lavoratori, soprattutto nei Paesi del terzo e del quarto mondo, le ingenti difficoltà dei Paesi in via di sviluppo e il ruolo spesso negativo svolto in essi dalle grandi compagnie multinazionali.

Il risultati dei lunghi periodi consacrati a ogni specifico tema è la successiva pubblicazione d’importanti volumi monografici di ampio respiro: in Serra Pelada (1986) è descritta la durissima vita in una miniera d’oro brasiliana, dove i minatori trascorrono le loro giornate semisommersi nel fango, da cui saranno estratte a fatica minime quantità del prezioso metallo, mentre Other Americas (1986) racconta le attività agricole dei contadini di alcuni Stati sudamericani.

Workers (1993) è, invece, un grandioso progetto, sviluppato mettendo a confronto immagini scattate in ben ventisei Paesi del mondo, volto a documentare la progressiva scomparsa dei lavoratori dall’industria pesante, sostituiti dall’impiego di macchinari sempre più elaborati.

Sebastião Salgado, EthiopiaNel 1994, Salgado lascia la Magnum per fondare una propria agenzia, la Amazonas Images, con la quale continua la sua ricerca sui temi che gli stanno a cuore, nel suo Paese e altrove: Terra: Struggle of the Landless (1997) è un accurato studio sulla miseria dei braccianti agricoli senza terra che si spostano continuamente in vaste zone del Brasile, a cui seguono nel 2000 Migrations e The Children, che sono ancora delle indagini sui movimenti delle popolazioni mondiali e sui loro effetti socioeconomici. In anni più recenti, il fotografo ha collaborato anche con l’Unicef, realizzando un servizio sul programma dell’organizzazione che mira a debellare definitivamente la poliomielite.

La fotografia di Salgado, sempre in bianco e nero, si caratterizza per una grande cura della composizione e per un uso superbo della gradazione tonale dei grigi. Pur rappresentando culture e luoghi spesso profondamente diversi tra loro, i suoi scatti presentano come elemento comune e costante l’accento posto sulla dignità degli esseri umani e sui loro diritti fondamentali, soprattutto quando essi appaiono palesemente ignorati e calpestati.

I singoli soggetti raffigurati sono interpretati come simboli d’intere categorie sociali ed esistenziali, mentre nella composizione delle immagini sono spesso evidenti i richiami alla pittura classica.

Esposte abitualmente in spazi pubblici di largo richiamo, anziché essere confinate nelle gallerie d’arte, le opere di Salgado riscuotono da decenni uno straordinario successo presso il pubblico di tutto il mondo.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.