Corso online di Scrittura Creativa

Corso online di Editing

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Gli uomini e le donne sono diversi anche nella lettura?

Gli uomini e le donne sono diversi anche nella lettura?Che gli uomini e le donne siano diversi sembra essere un dato di fatto, laddove per diversità non s’intende un valore positivo per un genere e negativo per l’altro. Ma quanto questa diversità incide sulle abitudini di lettura?

Non parliamo della probabilità di completare la lettura del libro, perché questa non ha molto (o nulla) a che vedere con il genere sessuale del lettore, ma della capacità di finire un libro anche quando non è di nostro gradimento. In questo caso, chi ha più pazienza, chi ha più voglia di andare fino alla fine nonostante tutto? Gli uomini o le donne?

 

L’indagine

A questa domanda ha provato a rispondere Jellybooks, che ha testato centinaia di ebook inserendo un software all’interno dei file. I lettori, che hanno deciso di prendere parte al test, hanno ricevuto gratuitamente gli ebook contenenti il software in grado di registrare i dati di lettura sia online sia offline e di memorizzare quando l’utente cliccava un bottone per segnalare la fine del capitolo.

Gli utenti sono stati divisi per genere ed età, così da esaminare i loro comportamenti di lettura anche alla luce di questi altri criteri.

L’incidenza della partecipazione femminile, comunque, è stata molto più alta in tutti i gruppi che hanno preso parte al test, nonostante i titoli scelti fossero in maggioranza pensati per un pubblico maschile. Il dato, però, non sorprende visto che sono le donne i maggiori acquirenti (e lettori) di libri.

 

LEGGI ANCHE – Che tipo di lettore sei? 52 categorie per te: ci sei?

 

Chi ha il tasso di completamento più alto?

Il dato più interessante che la ricerca intendeva analizzare riguardava il tasso di completamento (cioè, quanto un lettore porta a termine il libro che ha iniziato), in particolare riguardo alla differenza tra uomini e donne. In generale, l’indagine ha rivelato che non esiste una differenza specifica tra uomini e donne circa la possibilità di completare la lettura di un libro. A questo proposito, assumono maggiore importanza fattori come lo stile, la forza dei personaggi, l’argomento, ecc.

Questo vale sia per la saggistica sia per la narrativa, inclusa quella di genere come il fantasy, la science fiction e i gialli.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Gli uomini e le donne sono diversi anche nella lettura?Chi decide prima se leggere o abbandonare un libro?

È stata rilevata un’unica differenza specifica per il genere: gli uomini decidono molto più velocemente delle donne se un libro gli piace oppure no.

Questo significa anche che il momento in cui il libro viene abbandonato perché non piace si verifica prima per gli uomini che per le donne, e questo comportamento è stato osservato per la maggioranza dei libri.

Detto in altre parole: gli uomini decidono di abbandonare un libro prima delle donne. Dato un identico tasso di completamento, se ne deduce che o gli uomini hanno una maggiore lungimiranza rispetto alle donne o che queste ultime continuano la lettura anche se sanno già che il libro non sarà di loro gradimento.

 

L’incipit è importante

È risaputa l’importanza che riveste l’incipit per un libro, ma l’indagine di Jellybooks aggiunge qualche tassello in più: quando si tratta di lettori di sesso maschile uno scrittore ha solo tra le 20 e le 50 pagine per catturare le loro attenzione. Le introduzioni troppo lunghe risultano controproducenti, bisogna andare velocemente al punto, alimentare la suspense o trovare altri modi per catturare fin da subito l’attenzione del lettore maschile, altrimenti il rischio è di perderlo prima ancora che il libro abbia inizio.

 

LEGGI ANCHE – 18 prodotti per le persone ossessionate dai libri

 

E i generi letterari?

Se, nel complesso, il tasso di completamento è pressoché identico per gli uomini e le donne, ciò non vuol dire che tale indice si mantenga costante per qualsiasi tipo di libri. In particolare, i libri che parlano di emozioni come il dolore, la perdita e l’amore, ma anche libri che raccontano di relazioni e i romance, in particolare, presentano un certo tasso di discrepanza.

Se per alcuni titoli, infatti, la percentuale di uomini che completa il libro è di 5-6 punti percentuali inferiore a quella delle donne, nella maggior parte dei casi la differenza è di molto superiore: addirittura il tasso di completamento per gli uomini sarebbe la metà (o anche meno) rispetto a quello delle donne. Non solo gli uomini leggono meno delle donne questi libri, ma anche quando iniziano a leggerli sono più propensi ad abbandonarli indipendentemente dalla qualità del contenuto o dal sesso dello scrittore.

 

Così, in molti casi (ad esempio per il genere romance) possiamo dire a priori se i lettori di quel libro saranno uomini o donne. Il che conferma una differenza che non è affatto nuova per chi ha letto un libro come Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere di John Gray (Rizzoli, 2008).

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.