In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Gli “Spaghetti all’Assassina” di Gabriella Genisi: il piatto forte dell’estate pugliese

Gli “Spaghetti all’Assassina” di Gabriella Genisi: il piatto forte dell’estate puglieseSono gli Spaghetti all’Assassina di Gabriella Genisi il piatto forte di questa estate pugliese targata 2015. Edito da Sonzogno, il quinto capitolo, che vede nuovamente protagonista la commissaria più in gamba e sexy della narrativa italiana, la barese Lolita Lobosco, si intitola come una delle più celebri ricette della gastronomia levantina.

La Genisi conosce bene i meccanismi del giallo e confeziona anche questa volta un romanzo avvincente: uno degli ingredienti più importanti è certamente l’ambientazione – Bari, città capoluogo della regione – dove istinti passionali, malavita e verve tipicamente pugliesi si mescolano alla perfezione, creando la struttura portante di questo nuovo lavoro. Location, innanzitutto, ma anche “pugliesità” che si respira nella questione della lingua, viva e brutale, con quel quid di viscerale che solo i dialetti meridionali sanno esprimere e che la Genisi ha personalizzato con stilemi tutti suoi, inconfondibili, cui i lettori sono molto affezionati.

In effetti, la Puglia è alla ribalta letteraria da un po’ di tempo e questa fortunata serie ne è un’ulteriore riprova. Dopo la stagione della “primavera” pugliese – politica e sociale prima che letteraria, che, purtroppo, stenta a trasformarsi in una calda “estate”, nonostante le temperature roventi – nel tacco dello Stivale si registra un elevato tasso di fertilità narrativa, con ottime performance (vedi Premio Strega 2015 al barese Nicola Lagioia), attestazioni e riconoscimenti: da Mario Desiati a Nicky Persico, dai fratelli Carofiglio a Donato Carrisi, giusto per citarne qualcuno, sperando di non fare torto a tutti gli altri talentuosi rappresentanti.

Spaghetti all’Assassina prende le sue mosse dall’assassinio efferato di Colino Stramaglia, il re che a Bari vecchia ha spopolato per anni con questo piatto apprezzato e prelibato: sulla scena si presentano tanti personaggi nuovi sui quali indagare, un cuoco algerino, un capocameriere e una spogliarellista brasiliana, e alcune solide certezze, come i fidati collaboratori di Lolita Lobosco e il prof. di Medicina Legale Introna che abbiamo imparato a conoscere e ad apprezzare.

 

Gabriella Genisi è una certezza della narrativa pugliese: con questo quinto capitolo della “saga” del Commissario Lobosco, a che punto sente di trovarsi nel percorso di scrittrice?

Credo di essere ancora all’inizio. La scrittura è anche esercizio e ogni libro scritto è un traguardo raggiunto ma anche un passetto in più per una strada lunga non sai mai quanto.

 

Senza svelare nulla ai lettori per non togliere il gusto della suspense, che cosa le piace di più in quest’ultimo romanzo, rispetto ai precedenti?

Credo la lingua. Un giusto equilibrio tra italiano e “parlato”.

Gli “Spaghetti all’Assassina” di Gabriella Genisi: il piatto forte dell’estate pugliese

 

È cambiato qualcosa dall’esordio con La circonferenza delle arance?

Sicuramente più consapevolezza, più studio e molto affetto da parte dei lettori. Il Commissario Lolita è entrata nel cuore di molti di loro e questo per un autore è bellissimo e di grande stimolo.

 

Come ha avuto inizio questo percorso da scrittrice? Un sogno nel cassetto o una nuova sfida?

È iniziato per gioco, ma ci ho messo anche grande impegno da subito. Tra autore e lettore si instaura un patto già dalle prime righe e non bisogna tradirlo mai. Quando il testo arriva in libreria deve essere perfetto. Almeno dal tuo punto di vista.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Lolita Lobosco piace sia alle donne che agli uomini: come mai?

È vero, ed è una specie di miracolo. Nella vita le donne che piacciono agli uomini non incontrano mai le simpatie femminili, invece con Lolita accade. È l'amica che tutte noi vorremmo, ma anche la donna da desiderare, forse anche da sposare chissà.

 

In ogni titolo dei suoi romanzi - tranne che in Gioco pericoloso – c’è un riferimento al cibo o alla gastronomia. Quanto conta oggi la cucina, in particolare nella narrativa contemporanea? Si può parlare di un effetto Masterchef?

Il cielo ci salvi dall’effetto Masterchef! In questo libro mi prendo un po’ gioco proprio di questo aspetto. Nel mio caso non è una moda, ho mescolato cucina e narrativa sin dal primo libro. Lo ritengo il modo migliore per raccontare una storia, o un territorio.

Gli “Spaghetti all’Assassina” di Gabriella Genisi: il piatto forte dell’estate pugliese

Questo è un periodo particolarmente fervido per gialli, noir e polizieschi, sia nel Nord Europa - se pensiamo a quelli scandinavi – che nel Mediterraneo, con numerosi esempi in Spagna, Italia e Grecia: che cosa sta succedendo? Ci stiamo trasformando tutti in provetti commissari o la ripresa di questo genere rivela una mutazione sociale che sta avvenendo sotto i nostri occhi?

Il giallo attualmente rappresenta il romanzo sociale, un modo per raccontare uno spaccato attuale, una provincia italiana o straniera. Il noir mediterraneo ha in parte sostituito il giornalismo d’inchiesta spesso strozzato da querele e lacci burocratici o giudiziari. Entrambi i generi esprimono il bisogno di conoscenza contemporaneo.


Leggi tutte le nostre interviste a scrittori.

Si ringrazia Nicky Persico per le foto.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.3 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.