Perché è importante leggere

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Gli Oscar nei libri, o forse no

Oscar 2013Anche quest’anno sono stati consegnati gli Oscar del cinema, giunti alla loro 85a edizione.

 

Senza grandi sorprese, a dire il vero, viste le attese vittorie di Argo nella categoria più ambita, Miglior film, e di Ang Lee con la Miglior regia per Vita di Pi (tratto dal bel romanzo di Yann Martel), oltre ai “preannunciati” attori non protagonisti, Christoph Waltz e Anne Hathaway rispettivamente per Django Unchained e Les Misérables.

 

Ma dietro a quelli che una volta si chiamavano Academy Awards c’è tutto un mondo di libri. Ovviamente, mentre non esiste una grande bibliografia, soprattutto in italiano, sulla manifestazione in sé, i libri ai quali ci riferiamo sono quei testi da cui vengono tratte le pellicole in corsa.

 

Vita di Pi, come si diceva, poi gli “ovvii” I miserabili di Victor Hugo, Anna Karenina di Tolstoj e Lo Hobbit di J. R. R. Tolkien, ma anche qualche titolo meno conosciuto.

 

Ad esempio L’orlo argenteo delle nuvole di Matthew Quick, edito da Salani, da cui è stato tratto Il lato positivo, diretto da David O. Russell, o Team of Rivals: The Political Genius of Abrahan Lincoln di Doris Kearns Goodwin, da cui Spielberg ha tirato fuori il monumentale, non fosse altro che per la durata, Lincoln.

 

Questo potrebbe significare che per fare un film che trionfi agli Oscar è meglio andare sul sicuro e basarsi su un libro già "grande", meglio ancora se un classico?

 

Non crediamo. E l’esempio perfetto è Les Misérables, splendida trasposizione in musical cinematografico del musical teatrale tratto dal romanzo di Hugo, che tuttavia porta a casa solo tre statuette, due delle quali per premi “tecnici”, cioè trucco e acconciature, e sonoro.
 

Meglio la politica.

Nessun voto finora

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.