Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Gli influencer dei libri su Instagram – Intervista a Stefania Mangiardi – laragazzacheannusavailibri

Gli influencer dei libri su Instagram – Intervista a Stefania Mangiardi – laragazzacheannusavailibriLa ragazza che annusava i libri, profilo Instagram gestito da Stefania Mangiardi, è l’ospite odierno della nostra rubrica dedicata agli influencer dei libri su Instagram.

Con i suoi quasi 8.500 follower, Stefania riesce a parlare di sé e dei “suoi” libri in modo assai variegato senza mai essere banale.

Con lei abbiamo parlato del presente e del futuro di Instagram e della sua importanza per la promozione della lettura e dei libri oltre che del suo approccio al mezzo.

 

Un tempo c’erano i blog letterari, poi arrivò Facebook, da qualche tempo Instagram sta veicolando molto della comunicazione sui libri. All’interno di questa evoluzione ‒ semplificata ma non così lontana dalla realtà ‒, tu cosa pensi del rapporto fra Instagram e libri?

Credo nella potenza delle immagini, nella capacità di uno scatto di sintetizzare uno stato d'animo, un'idea, un'emozione, per cui non ho faticato a trovare una mia dimensione nell'universo di Instagram. Occupandomi di libri, per me le parole sono fondamentali, per questo apprezzo quando le immagini vengono utilizzate in modo complementare al testo, quando vanno a valorizzare i contenuti e non rimangono qualcosa di puramente estetico. Instagram, come tutte le piattaforme social, è un mezzo, un contenitore. In relazione con l'universo letterario consente di amplificare il raggio d'azione del book blogging, nell'ottica di diffondere e veicolare la passione per la lettura e l'amore per i libri attraverso la fotografia, attraverso l'immediatezza di uno scatto. In questo modo consente ai libri di occupare uno spazio nuovo, “visivo”, e di arrivare a un pubblico più ampio o comunque diverso. Ciò che non mi entusiasma e, in un certo senso, mi spaventa, è l'uso del libro come mero oggetto, parte di una composizione estetica fine a se stessa, che sicuramente ne sminuisce il potenziale.

Gli influencer dei libri su Instagram – Intervista a Stefania Mangiardi – laragazzacheannusavailibri

Le tue foto sembrano minimaliste e allo stesso tempo curate nell’eleganza ma senza un filo logico severo, ti fai ispirare dalla giornata o hai invece un calendario preciso per le pubblicazioni? Esiste un filo logico e mi sbaglio?

Grazie, innanzitutto. Non esiste un filo logico, in effetti. Su Instagram, come sul mio blog, sono semplicemente io. Io che non amo la logica, non amo i programmi e non sono per niente brava a pianificare. Come si legge nella biografia del mio profilo IG, si tratta di istantanee spettinate di una vita da lettrice. Instagram è una finestra in cui condivido le mie letture, le opinioni sui libri che leggo, qualche frame della mia vita e dei miei personali – e poco ordinati – pensieri. Tendo a pubblicare foto che ritraggono la lettura del momento, ma anche a utilizzare uno scatto per parlare del mio mondo, dell’amore per la letteratura e della passione per le piccole cose, per i dettagli, per l'idea che la bellezza e la poesia si nascondano ovunque. Non programmo quasi mai le pubblicazioni, non seguo un calendario preciso, davvero nulla di rigoroso e organizzato. Ho un appuntamento fisso con chi mi segue che riguarda la foto del buongiorno, quella in cui ai libri si accompagna una frase e un biscotto o un caffè. Un rituale che fa parte della mia vita quotidiana e a cui i lettori nel tempo si sono affezionati.

Gli influencer dei libri su Instagram – Intervista a Stefania Mangiardi – laragazzacheannusavailibri

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Instagram è un hobby che ti diverte oppure ti piacerebbe farlo diventare un’attività lavorativa?

La fotografia mi affascina e Instagram è un modo per esprimere il mio lato creativo e per parlare di libri in maniera diversificata. Ovviamente piacerebbe a tutti trasformare un hobby in un'attività lavorativa, ma non è un obiettivo che mi sono mai posta. Curo il canale esattamente come mi dedico al blog e come tendo ad approcciare ogni altra attività della mia vita: divertendomi ed esprimendo me stessa.

Gli influencer dei libri su Instagram – Intervista a Stefania Mangiardi – laragazzacheannusavailibri

Hai collaborazioni attive in questo momento con editori e aziende grazie al tuo profilo?

Mi occupo del blog da quasi cinque anni e nel tempo sono nate tante belle collaborazioni con case editrici, riviste del settore ed enti culturali. Si tratta di collaborazioni precedenti al fenomeno Instagram anche se riconosco che ad oggi avere un profilo IG seguito consente l'accesso a dei canali preferenziali.

Gli influencer dei libri su Instagram – Intervista a Stefania Mangiardi – laragazzacheannusavailibri

Leggi tutte le interviste dello speciale Gli influencer dei libri su Instagram – #InstaBooks

 

Quale rapporto hai con i tuoi lettori? Sei una persona che vive il mezzo in maniera biunivoca vagando su altri profili e commentando o tendi a concentrarti su quanto pubblichi?

Seguo con costanza alcuni profili, prevalentemente inerenti al mondo letterario (ma non solo), anche se ammetto di non essere molto attiva nei commenti. Con i lettori ho un rapporto di confronto e scambio continuo, cerco di rispondere in tempi brevi ai messaggi direct e spesso nascono delle conversazioni che mi arricchiscono tantissimo, dove sono io a ricevere consigli e ad annotare titoli. È un rapporto assolutamente alla pari tra persone che condividono la stessa passione oltre che manie e idiosincrasie che solo lettori seriali come te possono comprendere.

Gli influencer dei libri su Instagram – Intervista a Stefania Mangiardi – laragazzacheannusavailibri

Si sta molto parlando dei profili noti che pubblicizzano prodotti in cambio di denaro senza però palesare l’accordo commerciale. Che cosa pensi di questo argomento?

Sono per la trasparenza, sempre e comunque. Ritengo sia corretto, nei confronti di chi segue il profilo, rendere noti eventuali accordi commerciali e precisare se il prodotto consigliato rientra in una sponsorizzazione, cosa che in sé non comporta alcun giudizio negativo. Credo poi che nel settore editoriale la questione sia ancora più delicata e complessa. Personalmente tengo molto all'autenticità e ho sempre avuto un rapporto onesto con i miei lettori. Chi mi segue sa che consiglio e pubblicizzo un libro solo perché mi è realmente piaciuto. Tendo quindi ad escludere a priori proposte di collaborazione che limitano la mia libertà di giudizio.

Gli influencer dei libri su Instagram – Intervista a Stefania Mangiardi – laragazzacheannusavailibri

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Immagina di precipitare nel 2023, fra cinque anni, come ti immagini il futuro di Instagram sulla comunicazione dei libri?

In un mondo che corre così veloce, cinque anni non sono affatto pochi. La tendenza a prediligere forme di comunicazione sempre più immediate, rapide e istantanee mi fa credere che il mezzo visivo sarà sempre più centrale per chi desidera parlare di libri. Credo quindi che Instagram continuerà a definirsi come lo strumento principale della promozione editoriale. O magari sarà già stato rimpiazzato da un nuovo canale e noi saremo qui a chiederci come e perché.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.