Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Gli errori della Francia, pensare l’Islam per ripensare l’Occidente

Gli errori della Francia, pensare l’Islam per ripensare l’OccidentePensare l’Islam del filosofo Michel Onfray, uscito recentemente per Ponte alle Grazie nella traduzione di Michele Zaffarano, è un lavoro di grande spessore intellettuale, tutto interno a un dibattito francese che, se l’Europa fosse altro, dovrebbe essere esteso al resto del vecchio continente.

Onfray parte da un articolo sottoposto a «Le Monde» e mai pubblicato, nel quale individua nella minaccia operata dall’Occidente contro l’Oriente musulmano le ragioni dei fondamentalismi nel nuovo millennio. Ragioni intrinseche, se vogliamo, a un’idea fallita di modernità e a un ritorno evidente a forme di neocolonialismo globalizzato.

In concreto Onfray, nella lunga introduzione, punta il dito contro l’interventismo francese in Mali e in altri luoghi del mondo per il gusto di assecondare, in una spirale viziosa e decadente, voglie e brame alquanto insensate.

Il testo si sviluppa con una lunga intervista, quella che l’autore ha rilasciato alla giornalista algerina Asma Kouar. Nelle risposte Onfray dipana un concetto di laicità che non esclude la critica all’Islam e al Corano. Nella sua lettura delle scritture islamiche c’è, però, la ricerca di un gancio con la realtà crescente dell’Islam in Europa e nel mondo: una religione in salute, demograficamente attiva, che si riproduce oltre i confini dei luoghi in cui nasceva e prosperava.

Leggi anche – Perché l'Europa rischia l'islamizzazione? Intervista alla scrittrice Bat Ye'Or

Questa critica si accompagna a un’altra, ancora più severa, alla sinistra liberale francese che ha sdoganato, da Mitterrand in poi, la rincorsa alla ricchezza al posto della tutela dei diritti e delle libertà. I due aspetti sono compresenti nelle risposte, come fossimo in una trattazione ampia, una dissertazione articolata sul rapporto esclusivo tra Francia e Islam politico.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Gli errori della Francia, pensare l’Islam per ripensare l’OccidenteOnfray porta avanti le sue dimostrazioni illustrandoci gli aspetti più rigidi e integralisti del Corano, assieme a quelli più amorevoli, ai discorsi intorno alla salvezza dell’essere umano nella cornice degli affetti tra religioni; nello stesso tempo non sottace una certa disposizione alla militanza armata presente nell’Islam contemporaneo, come reazione, però, a una più vasta bellicosità francese antislamica.

Leggi anche – Sulla sharia esistono fraintendimenti enormi: ecco quali

Il filosofo guarda a un Islam pacifico, che riesca a mescolarsi con la Repubblica: a un Islam che non produca pregiudizi, ma che risponda laicamente ai pregiudizi francesi ed europei. Per farlo, però, l’Islam ha bisogno di secolarizzarsi, di non ridursi a mera contrapposizione ideologica (quasi marxista) al liberalismo socialista e capitalista d’oltralpe.

Secondo Onfray l’Islam e il marxismo hanno in comune una critica severa al mercato, ma gli islamisti e i marxisti non sempre conoscono le “scritture” alle quali si ispirano. Tutto ciò alimenta la diffusione ideologica di un Islam politico rigido, che per l’autore è un disastro. È proprio questa nuova politicizzazione islamica, quella preconizzata da Khomeini, che muove guerra contro gli aguzzini di un tempo. Da qui il rischio di un conflitto generalizzato, che porta Onfray a citare Camus, la peste che genera il risveglio di altre pesti.

Per evitare che questo accada, l’autore vorrebbe rivedere la politica e la politica estera francese, una politica di nani, come la definisce, la cui direzione è inevitabilmente quella dell’inasprimento del conflitto con il mondo islamico francese e globale.

E dunque, nella coraggiosa e meditata dissertazione per risposte, Onfray non lesina critiche a Hollande, ai socialisti che abdicano al loro ruolo morale, alla pericolosa nullità francese d’inizio millennio. Il libro quindi diventa, piano piano, una critica al presente della Francia: a quello che la Francia fa dentro e fuori. È questo il grande pregio di Pensare l’Islam, rivolgersi a un Paese che viene colpito dagli attentati ma che reagisce, sul piano militare e politico, nel peggiore dei modi.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.