In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Gli errori degli industriali italiani. “La classe avversa” di Alberto Albertini

Gli errori degli industriali italiani. “La classe avversa” di Alberto AlbertiniUscito il 27 febbraio 2020, La classe avversa, romanzo d'esordio di Alberto Albertini conta due segnalazioni al Premio Italo Calvino.

Il libro si apre al lettore con una citazione di Ottiero Ottieri, tratta da La linea gotica:

 

«Il mondo delle fabbriche è un mondo chiuso. Non si entra – e non si esce – facilmente. Chi può descriverlo? Quelli che ci stanno dentro possono darci dei documenti, ma non la loro elaborazione: a meno che non nascano degli operai o impiegati artisti, il che sembra piuttosto raro. Gli artisti che vivono fuori, come possono penetrare in una industria? I pochi che ci lavorano diventano muti, per ragioni di tempo, di opportunità, ecc. Gli altri non ne capiscono niente: possono farvi brevi ricognizioni, inchieste, ma l’arte non nasce dall’inchiesta bensì dalla assimilazione. Anche per questo l’industria è inespressiva; è la sua caratteristica.»

 

Ottieri aveva una visione ben delineata dell'industria, dalla “fabbrica” intesa proprio come mondo a sé. Pensieri tutti condensati all'interno del libro Tempi stretti, romanzo di fabbrica per eccellenza che ambiva a raccontare la grande industria italiana dall'interno e farlo in un periodo storico particolare. Una fase di grandi cambiamenti, di evoluzioni ma anche di dure lotte sociali. Pubblicato la prima volta nel 1957 il libro ha trovato poi un'ulteriore edizione, nel 2011, con Hacca, la medesima casa editrice che si è interessata al lavoro di Albertini.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Leggendo La classe avversa traspare chiaramente l'ammirazione professionale che l'autore prova nei riguardi di Ottieri di cui però non si limita a seguirne le orme, reinterpretando il romanzo di fabbrica per adattarlo perfettamente alla contemporaneità.

Gli errori degli industriali italiani. “La classe avversa” di Alberto Albertini

Un viaggio all'interno di un mondo solo in apparenza ben noto. Questo sembra compiere il lettore scorrendo le pagine del libro di Albertini. Un mondo variegato, in costante contrasto e, al contempo, armonia tra passato e futuro. Dove il presente non rappresenta che la fucina dalla quale nascono i cambiamenti. Dove tutto sembra rimanere uguale quando invece è in continua metamorfosi. E ciò vale per l'intero sistema ma ancor di più per le persone che lo animano e lo vanno a comporre.

Il romanzo di Albertini è la narrazione, lucida e spietata, del fallimento di un sistema che sembra aver tenuto sulle proprie spalle l'intero comparto industriale italiano. Il modello a conduzione famigliare che si è ritenuto essere il vero segreto di quel tanto decantato miracolo italiano, talmente distante ormai dall'Italia di oggi da non afferrarne quasi più neanche il significato. L'analisi del disfacimento di un intero paradigma passa, nel libro di Albertini, attraverso il racconto di una sola esistenza, quella del protagonista. Incarnazione simbolica del popolo operaio italiano. Ambivalenza molto particolare essendo egli, o meglio avendo dovuto essere il rappresentante invece del padrone, figlio ed erede di uno dei proprietari dell'azienda.

Molto più simile invece “il Poeta” a Zeno Cosini, protagonista de La coscienza di Zeno di Italo Svevo. Nel risalire alle radici del proprio io, Zeno smaschera la finta natura della cosiddetta normalità e svela le falsità e le ipocrisie dell'ordine borghese. Nel protagonista del libro di Albertini si intravede la medesima corrosione personale e collettiva.

Gli errori degli industriali italiani. “La classe avversa” di Alberto Albertini

La classe avversa degli industriali italiani sembrano essere loro stessi, laddove hanno lasciato che il tempo scorresse senza mobilitarsi per rincorrerlo o, meglio ancora, permettere fossero i “nuovi arrivati” a farlo. Un ricambio generazionale troppo lento che sembra essere la causa se non principale di sicuro preponderante del decadimento, morale prima ancora che economico, di intere generazioni.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Accanto alle avversioni di carattere generale, vi sono poi quelle personali, intime. Come la grande passione che il protagonista prova per le conoscenze umanistiche. Costretto a mostrarsi come un leader di ferro sogna invece una laurea in Lettere e prova ammirazione non per fatturato e carriera ma per il compagno Franco che ha saputo mostrarsi più forte e ribelle e si è licenziato. Una decisione che, ai suoi occhi, appare una sorta di liberazione.

Non stupisce che il libro di Alberto Albertini abbia ricevuto due segnalazioni per il Premio Italo Calvino, rappresenta infatti una perfetta e contemporanea versione di un grande romanzo del Novecento.


Per la prima foto, copyright: Lenny Kuhne su Unsplash.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.