Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Giornata della memoria, i libri da leggere

Giornata della memoria, i libri da leggereCome ogni anno, la Giornata della Memoria che ricorre il 27 gennaio si propone come un momento di riflessione su una delle pagine più buie della storia recente dell’umanità.

La bibliografia a disposizione su questo tema è già sterminata, ma non mancano nuovi titoli, sia di saggistica, sia di narrativa, per il lettore che conosca già i testi classici, dal Diario di Anna Frank a Se questo è un uomo di Primo Levi, ma voglia saperne di più.

Vi segnaliamo dunque una serie di titoli usciti di recente, o addirittura in questa settimana, che affrontano i vari aspetti della Shoah.

 

Aharon Appelfeld, Il partigiano Edmond (Guanda, 2017), traduzione di Elena Loewenthal

Giornata della memoria, i libri da leggere

Appelfeld è uno dei maggiori scrittori israeliani, nato in Romania ed emigrato in Palestina nel 1946, dopo aver perso nella Shoah gran parte della propria famiglia. Tutti i suoi numerosi romanzi parlano, direttamente o indirettamente, della Shoah e dei cambiamenti subiti dall’Europa prima e dopo la Seconda guerra mondiale. In questo libro racconta le avventure di un giovane ebreo ucraino che si unisce a una brigata partigiana ebraica, impegnata a cercare di sabotare i convogli che conducono i deportati ai campi di sterminio.

 

LEGGI ANCHE – Giornata della memoria: Anna Frank

***

Piotr Cywinski, Non c’è una fine: trasmettere la memoria di Auschwitz (Bollati Boringhieri, 2017), traduzione di Carlo Greppi

Giornata della memoria, i libri da leggere

L’autore è il direttore del Memoriale e Museo di Auschwitz-Birkenau: in questo saggio ci parla dei numerosi significati che il principale luogo simbolo dello sterminio ha assunto agli occhi del mondo, e in particolare di quelli delle migliaia di visitatori che ogni giorno varcano i suoi cancelli. Cosa cerca e che domande si pone chi si reca ad Auschwitz?

Il libro contiene anche una postfazione del traduttore Carlo Greppi, dedicata alla sua personale esperienza come organizzatore di Viaggi della Memoria in partenza dall’Italia.

 

LEGGI ANCHE – Campi di concentramento nazisti, ecco cosa vi accadeva

***

Tania Crasnianski, I figli dei nazisti (Bompiani, 2017), traduzione di Francesco Peri

Giornata della memoria, i libri da leggere

In questo saggio l’autrice ci racconta il destino di otto figli di importanti gerarchi nazisti e di come hanno affrontato la loro condizione dopo il crollo del regime hitleriano, sotto cui avevano vissuto un’infanzia dorata, all’oscuro di ciò che accadeva a poca distanza dalle loro eleganti dimore: c’è chi ha cambiato nome per rifarsi del tutto una vita, chi ha cercato di riabilitare la figura paterna, chi è diventato addirittura negazionista o ha scelto di farsi missionario, ma per nessuno di loro è stato facile convivere con il peso di un’eredità così tragicamente impegnativa.

***

Tilar J. Mazzeo, La ragazza dei fiori di vetro (Piemme, 2016) traduzione di Elena Cantoni

Giornata della memoria, i libri da leggere

L’autrice ricostruisce la vita di Irena Sendler, poco conosciuta eroina polacca considerata l’equivalente femminile dell’imprenditore Oskar Schindler, che salvò migliaia di ebrei facendoli passare per dipendenti indispensabili alla sua azienda. Nella stessa città di Cracovia, Irena riuscì a salvare più di duemila bambini ebrei facendoli nascondere da famiglie e istituzioni cattoliche, ma la sua grande impresa venne riconosciuta solo dopo la fine del regime comunista in Polonia.

 

LEGGI ANCHE – La differenza tra i campi di concentramento e i campi di sterminio nazisti

***

Maurizio Molinari – Amedeo Osti Guerrazzi, Duello nel ghetto (Rizzoli, 2017)

Giornata della memoria, i libri da leggere

Questa è la storia di un ebreo italiano che ha cercato di combattere i suoi persecutori, nella Roma occupata dai nazisti. Pacifico di Consiglio detto “Moretto” era un pugile dilettante che, dopo l’uscita delle leggi razziali fasciste nel 1938, ha ingaggiato una guerra personale contro Luigi Roselli, uno dei più feroci collaborazionisti romani, grazie alle informazioni carpite alla nipote di lui, per sopravvivere e aiutare in qualche modo gli ebrei del Ghetto, impegnati in una difficilissima battaglia per la sopravvivenza.

***

Danny Orbach, Uccidere Hitler (Bollati Boringhieri, 2016), traduzione di Gadi Luzzatto Voghera

Giornata della memoria, i libri da leggere

Chi provò a fermare Hitler durante gli anni del Terzo Reich? In questo saggio vengono analizzati tutti i tentativi di eliminare il dittatore progettati da un gruppo molto eterogeneo di oppositori tedeschi, che più di una volta furono effettivamente a un passo dal raggiungere il loro obiettivo.

***

Tadeus Panckiewicz, Il farmacista del Ghetto di Cracovia (UTET, 2016), traduzione di Irene Picchianti

Giornata della memoria, i libri da leggere

Nel 1941 l’autore è il titolare dell’unica farmacia di un quartiere di Cracovia, che i nazisti trasformano nel Ghetto per gli ebrei della città. Lui, che non è ebreo, sceglie di restare a lavorare nel quartiere, malgrado tutte le difficoltà del caso, compresi i tentativi di allontanamento da parte del comando nazista, e cerca di aiutare il più possibile gli abitanti, di cui si preoccuperà di preservare almeno il ricordo, dopo che i rastrellamenti li hanno strappati alle loro case per avviarli in gran parte ai campi di sterminio. Si tratta quindi della testimonianza preziosa e partecipe di chi ha assistito, impotente, al dramma della Shoah.

***

Liam Pieper Il fabbricante di giocattoli (Bookme, 2017) traduzione di Sara Reggiani

Giornata della memoria, i libri da leggere

Ai giorni nostri Adam Kulakov, industriale australiano proprietario di una grande azienda di giocattoli, ama raccontare le vicende eroiche del nonno Arkady, che ha fondato la società di famiglia dopo essere sopravvissuto ad Auschwitz, dove si ingegnava a fabbricare piccoli giocattoli per i bambini prigionieri. Tuttavia, la realtà contemporanea in cui si muove Adam è molto lontana dai nobili ideali del nonno, come ci viene svelato a poco a poco in un avvincente romanzo ricco di colpi di scena, in un gioco continuo di rimandi tra passato e presente.

***

Emmanuelle Pirotte, Oggi siamo vivi (Nord, 2017) traduzione di Roberto Boi

Giornata della memoria, i libri da leggere

Ardenne, dicembre 1944. Nel corso dell’ultima, feroce controffensiva tedesca, il parroco di un paesino affida Renée, una bambina ebrea che negli anni della guerra è passata da un nascondiglio all’altro e non ha nessuna memoria della sua famiglia d’origine, a due militari americani di passaggio. In realtà si tratta di due spie tedesche travestite, infiltrate dietro le linee alleate, ma il loro incontro con la piccola ebrea avrà risvolti del tutto imprevedibili: in un mondo in cui le certezze di sempre stanno crollando, tutti i personaggi sono alla convulsa ricerca di un modo per sopravvivere alle fasi finali della Seconda guerra mondiale.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

***

Alex Rosenberg, La ragazza di Cracovia (Sperling&Kupfer, 2017) traduzione di F. e S. Merani

Giornata della memoria, i libri da leggere

Attraverso l’avventurosa vicenda di Rita Feuersthal, giovane donna ebrea in fuga nell’Europa devastata dalla guerra e dall’occupazione nazista, l’autore, che è un professore di filosofia americano, intende rendere omaggio alle migliaia di persone senza nome e senza volto che in quegli anni furono protagoniste di tante vicende simili a questa.

***

Moriz Scheyer, Un sopravvissuto (Guanda, 2016) traduzione di Claudia Acher Marinelli

Giornata della memoria, i libri da leggere

L’autore, giornalista e scrittore austriaco, dopo l’annessione dell’Austria al Reich aveva sperimentato un trasferimento in Francia, contatti con la Resistenza, un periodo di detenzione e un tentativo di fuga in Svizzera, per poi trovare riparo in un convento di suore francesi dove, nel 1943, aveva scritto questo libro denso e combattivo. Alla sua morte, nel 1949, il figlio aveva distrutto il manoscritto, giudicandolo troppo aspro e antitedesco per la pubblicazione, ma un nipote, settant’anni dopo, ne ha ritrovato una copia carbone in una vecchia valigia ed è finalmente riuscito a pubblicarlo.

***

 

Segnaliamo anche una mostra particolare, a Firenze dal 24 gennaio al 26 febbraio nella Sala del Camino della Galleria delle Statue e delle Pitture degli Uffizi, dedicata a Giorgio Castelfranco (1896-1978) che, da direttore delle collezioni d’arte di Palazzo Pitti, negli anni dell’occupazione tedesca di Firenze si batté da clandestino per la salvaguardia del patrimonio artistico fiorentino, dopo essere stato esautorato a causa delle leggi razziali.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.