In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Giornata della memoria: Anna Frank

 

Anna FrankAnna Maria Ortese: il diario di Anna Frank rimane un libro aperto

 

Correva l’anno 1954, e in marzo la casa editrice Einaudi pubblica nella collana Saggi (il valore documentale quindi è immediatamente riconosciuto superiore a quello narrativo) la traduzione italiana di un libro che resterà fondamentale per generazioni e generazioni, soprattutto di studenti: Il diario di Anna Frank.

Lo presenta, però, solamente, nel suo Notiziario mensile di settembre come “La lettura del mese”, avvalendosi di una recensione di tutto riguardo: quella di Anna Maria Ortese, dal titolo Un libro che rimane aperto (ora leggibile in A.M. Ortese, Da Moby Dick all’Orsa Bianca, Adelphi,Milano 2011).

Allora giornalista per necessità, nomade in varie terre italiane e straniere, lontana dalla sua cara città d’adozione, Napoli, ma sempre più addentro ai misteri della sua dolente visionarietà che le fanno scorgere in alcune creature “angelisui generis, la Ortese si accosta alla figura della tredicenne Anna con lo stupore riservato a quegli esseri speciali.

 

Anna possiamo figurarcela guardando le sue fotografie e soprattutto pensando alle ragazzine di tutti i tempi e i Paesi, su quell’età: non più bambine né ancora donne, esseri di mezzo, franchi, spiritosi, dispettosi, gentili, sensibili, pieni di energia e di disperazione, di curiosità e di smanie, avidi di apprendere, di essere, di capire, perennemente disgustati e divertiti, disorientati e incantati, attratti e respinti da mille cose: il cielo, la gente, i libri, papà e mamma, quei piccoli uomini che sono i compagni, quei grandi ragazzi che sono gli adulti. Insieme alla natura, alla gente, alle cose, stupore per la propria persona: il corpo che cresce come un albero, gli occhi, le mani, i pensieri.

 

Ma la ragazza ebrea non è soltanto questo per la Ortese: “È l’adolescenza, e anche il genio dell’adolescenza. Dietro la piccola faccia arguta, tenera, amabile, misteriosa come l’innocenza stessa, brilla, alimentata da un vento più forte della sciagura che imperversa sul mondo, la luce della coscienza, e questa coscienza si fa continuamente e perfettamente espressione, si traduce in un diario esemplare... La sua dignità e la sua bellezza sono in questo: che non vi è nulla che essa non voglia e non possa esprimere. Neppure la nausea.

Nausea di trovarsi in promiscuità, e di essere costretta “come un passero nello stretto spazio di una gabbia sempre meno pulita, priva di spazio e di luce.

Nelle pagine del diario di Anna c’è un mondo che dura due anni, nondimeno è eterno: un mondo minore, deforme, che a ognuno di noi parrebbe insopportabile, ma che invece ha “una misura, un sorriso, un nome.

Sorprende a una prima lettura – osserva Anna Maria Ortese – come in quelle pagine i nazisti sembrino quasi non esistere: non hanno nome né volto né sguardo, sono il male anonimo, “la condizione dell’oscurità mentale: un assurdo.

Il diario è, a loro riguardo, privo di un vero odio: “Non si possono odiare gli anormali, si possono aborrire. E Anna non odia.

Ma il meraviglioso di questo libro, che non si svela subito – continua Ortese – è che “attraverso un andare e venire di sentimenti, di affanni, di angosce, di improvvise allegrie; un ribollire di desideri, d’immaginazioni, di slanci, di rivelazioni, di smarrimenti e di felicità giovanili si delinea sempre più chiara un’esigenza di verità, di resistenza al male, dovunque esso sia, fuori e dentro l’alloggiosegreto, fra i tedeschi o nel giovane cuore di Anna.

Ciò consente di dire che la ragazza olandese, attraverso questa esperienza, supera l’età adolescenziale e diventa donna ma, prima ancora, creatura umana, matura e responsabile, in lotta senza tregua contro il male in tutte le sue forme, che minaccia l’equilibrio del mondo.

Pertanto, afferma Ortese, anche se morì a Bergen Belsen nel marzo del 1945, due mesi prima della liberazione del campo, Anna è “viva definitivamente”: essa è

 

tutte le ragazze e le donne, in quanto hanno di meglio: il desiderio di capire, amare, proteggere la cara realtà del mondo, vestendo di grazia la forza, di dolcezza il coraggio, di pietà l’indignazione; partecipando attivamente, senza farlo pesare, alla lotta per la liberazione dell’uomo dai suoi mali più cupi. Lotta che non può cominciare se non partendo da se stessi.

 

Vi sono libri – conclude la scrittrice – che si chiudono, ed altri che rimangono aperti; libri dai quali, come da una finestra, non si scorge che un muro…; e libri che guardano l’orizzonte.

 

Il Diario di Anna Frank appartiene a questi ultimi: è un libro privato di una ragazzina, ma contiene pagine dal valore universale.

In tempi di ansia come questi, e in qualche modo anche di vergogna, il diario della ragazza olandese, reclusa nel retrobottega, non è soltanto un documento ma si fa lezione di vita: ha in sé la forza della purezza e della consolazione, “non ci lascia un senso di pena, ma di speranza”. Per questo il nostro auspicio è che, oggi come nel futuro, tutti i ragazzi del mondo possano averlo tra le mani e farne tesoro prezioso.

 

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.9 (7 voti)

Commenti

Salve!!:) spero di non disturbare,volevo solo lasciare questo link del mio blog di scrittura,poesia e libri,in cui si parlerà non solo di questo ma anche di attualità e di news! http://scrivereieri.altervista.org/

Vi segnalo questo blog gestito autonomamente , dai ragazzi delle classi di scuola elementari in cui insegno.
una finestra aperta sulle bellezze e tristezze del mondo, viste con i loro occhi
http://bimbisvegli.wordpress.com/2012/01/25/giornata-della-memoria-27-ge...

Grazie per il bell'articolo. Devo confessarvi che da giovane non ho mai avuto occasione di leggere il “Diario di Anne Frank” (ora ho cinquant'anni) e solo qualche anno fa sono riuscito a colmare questa vergognosa lacuna, rimanendone folgorato, stregato. Il risultato: a causa di un incidente sono rimasto a casa tre mesi durante i quali ho scritto: "Le Pagine Bianche di Anne Frank" che è l’ideale prosecuzione, anzi, l’effettiva continuazione del “Diario di Anne Frank”: ho ipotizzato, infatti, che quest’ultima possa aver tenuto un diario anche durante gli ultimi sette mesi della sua vita, passata tra un campo di concentramento e un altro. Ad eccezione di pochissime finzioni narrative, infatti, tutto ciò che vi si racconta è effettivamente accaduto e le ricostruzioni degli avvenimenti sono attinte pazientemente dalle testimonianze oculari, con un’accurata ricomposizione delle date e della cronologia della guerra. Sono reali, infine, i riferimenti storici richiamati volta per volta nelle note, in modo da offrire al lettore un quadro il più completo possibile.

All’inizio del testo ho pensato di precedere le lettere di Anne, che si trova a Westerbork, con un’introduzione di alcune righe del vero Diario di Etty Hillesum, che pure, esattamente un anno prima, aveva scritto le sue memorie proprio in quel campo della Drenthe. Non è un libro triste, anzi, c’è tutta la leggerezza di Anne, il suo spirito critico, il suo amore per la natura, la sua incrollabile fede. Ho cercato in di imitare il suo modo di scrivere, così che, con il procedere della lettura, sembri che sia proprio la vera Anne Frank a renderci ancora una volta partecipi dei suoi mirabili pensieri.
Il libro è stato pubblicato il 12 giugno scorso, in occasione dell'ottantaseiesimo compleanno di Anne e il ricavato sarà devoluto in favore dell'Associazione UnPonte per Anne Frank" di Livorno. Ecco i miei link, casomai voleste darci un'occhiata: http://lepaginebianchediannefrank.blogspot.it/ https://www.facebook.com/lepaginebianchediannefrank (un mi piace è sempre gradito) e http://www.unponteperannefrank.org/le-pagine-bianche-di-anne-frank.html Ciao a tutti!

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.