14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Giornalismo culturale – Intervista ad Alessandro Gnocchi

Giornalismo culturale – Intervista ad Alessandro GnocchiGiunge alla sesta tappa il nostro viaggio nel mondo del giornalismo culturale, e dopo Francesco Musolino, Luigi Mascheroni, Giorgio Biferali, Luca Ricci e Annarita Briganti abbiamo posto qualche domanda ad Alessandro Gnocchi.

Giornalista culturale presso «Il Giornale», con Alessandro Gnocchi abbiamo provato a evidenziare i pregi e i difetti del giornalismo culturale italiano, sottolineando le ragioni della perdita di fiducia da parte dei lettori.

 

Cominciamo da una domanda a bruciapelo: cos’è oggi il giornalismo culturale e com’è cambiato negli ultimi anni?

Rispondo con… una domanda a bruciapelo: cos’è il giornalismo (senza aggettivi) oggi? Partiamo dal vecchio mondo della carta stampata, doppiamente in crisi. La Rete infatti non solo “brucia” le notizie ma anche i commenti. Cosa resta? Forse un ritorno al passato: grandi reportage, grandi inchieste, grandi firme. Ma quanti lettori potrebbe avere un giornale con queste caratteristiche? Poche, temo. Veniamo al nuovo mondo della Rete. Per ora nessuno ha trovato la quadratura tra costi e qualità. Si naviga, è il caso di dirlo, a vista. Il futuro è qui. Difficile dire quali contenuti prevarranno e su quali canali.

 

LEGGI ANCHE – Giornalismo culturale – Intervista a Francesco Musolino

 

Ormai è diventato quasi un mantra: il giornalismo culturale è in crisi. Quanto c’è di vero in quest’affermazione, secondo lei? E quali sono le ragioni di un’eventuale crisi o del continuo riproporsi di tale argomentazione?

Che sia in crisi è un dato di fatto. I lettori non si fidano. Uno dei motivi, non so se sia il principale, è la fretta. La corsa alle anticipazioni ha fatto una vittima: la profondità. I pochi lettori che si addentrano nelle sezioni culturali sono competenti e motivati. Se ti beccano in castagna mentre parli di cose che non conosci o esalti i libri degli amici, non ti perdonano. E hanno ragione. Dopo la fretta, viene l’autoreferenzialità: si scrive sempre delle stesse quaranta persone che si incontrano ai festival e si vedono in tv. Dopo la fretta e l’autoreferenzialità, viene il conformismo: si scrive sempre delle stesse persone e nello stesso modo.

 

LEGGI ANCHE – Giornalismo culturale – Intervista a Luca Ricci

 

Per molto tempo si è affermato che il futuro del giornalismo culturale sarebbe stato sul web. Allo stato attuale, come giudica il panorama dei portali culturali italiani? Sarà possibile una loro più forte affermazione nel tempo?

Difficile dire. Credo di sì. Senz’altro i blog letterari un tempo molto frequentati sono in coma. Sono stati importanti ma hanno acquisito gli stessi difetti dei giornali. Ora si vede qualcosa di nuovo, con una maggiore fiducia nel video rispetto al passato. È ancora un settore pionieristico, però.

 

LEGGI ANCHE – Giornalismo culturale – Intervista a Luigi Mascheroni

 

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

 

Giornalismo culturale – Intervista ad Alessandro GnocchiSecondo alcuni, il giornalismo culturale è responsabile di aver creato una distanza tra chi scrive di libri, arte, musica, cinema e il mondo dei lettori dei giornali a cui poi sono dirette le iniziative culturali di cui i giornalisti parlano. Sussiste anche secondo lei una tale responsabilità? Ed esistono davvero delle “colpe” del giornalismo culturale rispetto alla disaffezione del grande pubblico alla cultura?

Il compito del giornalista è informare. Più ampio è il raggio delle informazioni, più ricco dovrebbe risultare il dibattito. Il dibattito interessa e coinvolge. Se non c’è dibattito perché tutti la pensano allo stesso modo… Quindi i giornalisti dovrebbero essere capaci di fornire un’informazione completa e non scontata.

 

LEGGI ANCHE – Giornalismo culturale – Intervista ad Annarita Briganti

 

Spostiamo un po’ l’attenzione sul giornalismo che si occupa di editoria, quale dovrebbe essere la sua funzione?

Se parliamo in generale del mondo dei libri, industria e prodotti, la funzione resta quella di fornire l’informazione più ampia possibile. Esiste infatti un mondo tutto da esplorare. Prendiamo, ad esempio, i cosiddetti piccoli editori: spesso (non sempre) sono piccoli solo nel fatturato. Al loro lavoro dobbiamo la reperibilità di testi altrimenti dimenticati, filoni culturalmente anti-conformisti, giovani talenti.

 

LEGGI ANCHE – Giornalismo culturale – Intervista a Giorgio Biferali

 

In Italia si legge poco, nonostante i dati rivelino una leggera crescita negli ultimi tempi. Data per scontata la necessità di interventi che dovrebbero essere messi sinergicamente in campo da politica e filiera produttiva del sistema editoriale, c’è qualche margine di intervento per il giornalismo culturale?

Il margine è la capacità di creare interesse. Contrapporre idee, scoprire nuovi personaggi, cercare di non essere banali nelle scelte e noiosi nella scrittura. Se riuscissimo a fare queste tre o quattro cose, chiunque ne trarrebbe giovamento, noi giornalisti per primi.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.