14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Giorgio Ieranò e “Gli eroi della guerra di Troia”

Giorgio Ieranò e “Gli eroi della guerra di Troia”Nel suo Gli eroi della guerra di Troia (Sonzogno) Giorgio Ieranò non si limita a citare i nomi dei più famosi protagonisti dell'epopea omerica: di essi narra la storia e le origini (e la fine) del mito, coniugando un'indiscutibile conoscenza dell'argomento a uno stile volto al puro intrattenimento del lettore. Non è facile chiamare in causa opere come l'Iliade e l’Odissea senza assumere toni accademici, così come non è facile raccontare con leggerezza e fluidità una storia fondamentale per la cultura occidentale, senza farle perdere di intensità e lirismo.

Ieranò insegna Letteratura greca all'Università di Trento, ed è quindi un vero esperto di quanto trattato. Ma anche senza scomodare la professione dell'autore, la sua competenza è più che evidente già nella lettura del volume. Più o meno tutti sanno chi siano “Elena, Ulisse, Achille e gli altri” (questo il sottotitolo del saggio), se non per averlo studiato a scuola, almeno per le trasposizioni cinematografiche tratte dai libri di Omero (pensiamo solo a Troy, con Brad Pitt nei panni di Achille): Ieranòripercorre con precisione i dieci lunghi e articolati anni della guerra troiana e il difficile ritorno a casa di Ulisse, citando i protagonisti principali delle due saghe.

Anche chi con i miti greci ha già una certa dimestichezza potrebbe trovare nel testo alcuni passaggi piuttosto interessanti che analizzano alcune figure a trecentosessanta gradi, mostrando particolari non molto conosciuti. In altri casi l'autore cita passi ed episodi noti ai più ma sempre con la capacità di arricchirli di spunti curiosi e variazioni inedite, di citazioni tratte da testi della tradizione classica, aggiungendo, appunto, un fascino alla narrazione che è tipico di chi sa esattamente di cosa sta parlando. Il prologo analizza le origini della guerra di Troia (pura invenzione o impresa con un fondo di verità storica?), per concentrarsi poi su – in ordine di apparizione – Agamennone e Menelao, Paride, Elena, Achille ed Ettore, Ulisse, Aiace, Ecuba, Clitennestra, Enea.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Agammenone e Menelao sono due fratelli, il primo re di Micene, il secondo di Sparta; Menelao è sposato con Elena, poi sedotta dal principe troiano Paride e condotta nella città luogo della sanguinosa guerra. Particolare attenzione è rivolta alla coppia composta da Achille ed Ettore, proprio per il valore che unisce i due eroi, seppure su fronti opposti, e per il fatto che Achille sarà il diretto responsabile della tragica fine di Ettore. Per quanto riguarda Ulisse (o Odisseo), la sua storia, centrale nell'Odissea, narra del ritorno a casa dell'eroe dopo il conflitto troiano, viaggio reso ostico dall'ira di Poseidone nei confronti del protagonista. Ricordiamo che Ulisse, noto per il suo acume, fu uno dei principali artefici della vittoria greca su Troia, grazie allo stratagemma dell'enorme cavallo di legno dentro cui si nascosero i soldati greci. Il cavallo venne trasportato dentro la città dai troiani, ormai convinti che il nemico si fosse ritirato: quella stessa notte, i soldati greci compirono un vero e proprio massacro, ponendo di fatto fine al conflitto.

Giorgio Ieranò e “Gli eroi della guerra di Troia”

Il capitolo su Aiace rappresenta l’appiglio per ricordare tutti quegli eroi minori che hanno però apportato un contributo fondamentale alle imprese troiane, sia tra le fila dello schieramento greco che in quello troiano: tra gli altri, Diomede, Nestore, Filottete, Neottolemo, Idomeneo, Memnone, Troilo e i due Aiace, il figlio di Telamone (gli appassionati di calcio dovrebbero sapere che c'è proprio lui sullo stemma dell'Amsterdamsche Football Club Ajax) e Aiace figlio di Oileo.

Con Elena, tra le donne il saggio menzionaEcuba, la sfortunata regina di Troia, e Clitennestra, la crudele moglie di Agamennone. Infine, uno spazio è riservato a un importante eroe troiano, Enea, il quale, come ben sappiamo, è il protagonista dell'Eneide di Virgilio.

Giorgio Ieranò e “Gli eroi della guerra di Troia”

Insomma, c'è posto per (quasi) tutti in questo volumetto incentrato su storie che non smettono mai di appassionare. Un consiglio potrebbe essere quello di concedersi un capitolo del libro ogni sera: dopo una giornata di studio o di lavoro, mettersi comodi e immergersi in un mondo fatto di amore e odio, lealtà e tradimenti, pace e guerra, divinità e uomini, ingredienti che fanno de Gli eroi della guerra di Troia di Giorgio Ieranò una lettura assolutamente piacevole.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (11 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.