Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

George Orwell e la sua recensione del “Mein Kampf” di Hitler

George Orwell e la sua recensione del “Mein Kampf” di HitlerNon sorprende che George Orwell abbia pubblicato una recensione del Mein Kampf di Adolf Hitler. Anzi ci saremmo meravigliati se Orwell non avesse prestato attenzione al fenomeno del Nazismo e alla figura del cancelliere tedesco.

Siamo nel marzo del 1940 quando Orwell pubblica la sua recensione all’autobiografia di Hitler offrendo un interessante punto di vista sul libro e sulla figura del suo autore. Nella recensione lo scrittore inglese arriva alle radici del carisma di Hitler e, procedendo nel discorso, anticipa temi che appariranno nei suoi futuri capolavori, La fattoria degli animali e 1984.

Così scrive Orwell:

Il fatto è che in lui c’è qualcosa che affascina profondamente. […] Hitler… sa che gli esseri umani non vogliono solo confort, sicurezza, orari di lavoro comodi, igiene, controllo delle nascite e, in generale, senso comune; vogliono anche, almeno in maniera intermittente, la lotta e il sacrificio di se stessi, per non parlare dei tamburi, delle bandiere e delle sfilate. Fascismo e Nazismo sono psicologicamente molto più profondi di qualsiasi concezione edonistica della vita.

 

LEGGI ANCHE – Quando T.S. Eliot rifiutò di pubblicare “La fattoria degli animali” di George Orwell

 

Orwell non era un fan di Hitler. E a un certo punto della recensione immagina come sarebbe stato il mondo se il Terzo Reich avesse avuto successo:

Ciò che Hitler prevede, da qui a cento anni, è uno stato continuum di 250 milioni di tedeschi con un grande spazio vitale (che si può estendere per esempio più o meno fino all’Afghanistan), un orribile impero senza cervello in cui, essenzialmente, non accade nulla a parte una continua formazione di giovani uomini per la guerra e l’infinito allevamento di carne fresca da macello.

George Orwell e la sua recensione del “Mein Kampf” di Hitler

L’articolo fu scritto quando, come Orwell stesso nota, l’alta borghesia iniziava a fare marcia indietro rispetto al precedente supporto offerto al Terzo Reich. Infatti una precedente edizione del Mein Kampf, pubblicata in Inghilterra nel 1939, aveva offerto un’immagine molto positiva del Führer.

 

LEGGI ANCHE – Ecco perché George Orwell scrisse “1984”

 

L’ovvia intenzione del traduttore, così come espressa nella prefazione e nelle note, era di abbassare i toni della ferocia del libro e presentare Hitler in una luce quanto più gentile possibile. In quel momento Hitler era ancora rispettabile. Aveva schiacciato il movimento operaio tedesco, e per questo le classi possidenti erano disposte a perdonargli quasi qualsiasi cosa. Poi all’improvviso si è scoperto che Hitler non era per niente rispettabile.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Nel marzo del 1940 tutto era cambiato, e in Inghilterra fu pubblicata una nuova edizione del Mein Kampf, che riflette il mutamento di questo punto di vista su Hitler.

La Gran Bretagna e la Francia avevano dichiarato guerra alla Germania dopo l’invasione della Polonia ma la battaglia vera e propria doveva ancora iniziare. Entro pochi mesi, la Francia sarebbe caduta e la Gran Bretagna avrebbe iniziato a barcollare. All’inizio della primavera di quell’anno, tutto però era abbastanza tranquillo. Il mondo stava trattenendo il respiro. E in questo momento di terrificante suspense, Orwell prevede gran parte della futura guerra.

 

LEGGI ANCHE – Le 14 caratteristiche del fascismo secondo Umberto Eco

George Orwell e la sua recensione del “Mein Kampf” di Hitler

Quando si confrontano le sue esternazioni di un anno fa con quelle fatte quindici anni prima, una cosa che colpisce è la rigidità della mente, il modo in cui la sua visione del mondo non si sviluppa. È la visione fissa di un monomaniaco non suscettibile di essere influenzato dalle temporanee manovre del potere politico. Probabilmente nella mente di Hitler il patto russo-tedesco rappresenta non più di un’alterazione del calendario. Il piano stabilito nel Mein Kampf era di distruggere la Russia prima, con l'intenzione implicita di fracassare l’Inghilterra dopo. Ora si è dovuta affrontare prima l’Inghilterra, perché la Russia è stata quella più facile da comprare. Ma la svolta della Russia verrà quando l'Inghilterra è fuori dal quadro. In qualunque modo andrà a finire questa è ovviamente una questione diversa.

 

LEGGI ANCHE – Come preparare una buona tazza di tè. La ricetta di George Orwell

 

Nel giugno del 1941 Hitler invase la Russia, commettendo uno dei più grandi errori strategici nella storia della guerra moderna. Stalin fu completamente preso alla sprovvista dall’invasione e le notizie del tradimento di Hitler gli causarono un crollo nervoso. Chiaramente non aveva letto il Mein Kamp così attentamente come Orwell né la sua recensione.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.