Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

“Game of Thrones” pornografico? Freccero risponde per le rime

Games Of ThronesNei giorni scorsi abbiamo letto dell’ennesima crociata pseudo-religiosa contro una trasmissione televisiva. Stavolta sono stati quelli dell’Aiart, l’Associazione Italiana Ascoltatori Radio e Televisione nata nel 1954 da una costola dell’Azione Cattolica, che, invece di prendere il telecomando e cambiare canale, hanno pensato bene di chiedere alla Rai l’eliminazione del serial Trono di Spade (Game of Thrones in origine) perché «il programma è volgare, pornografico con insistite scene di violenza e di sesso, quasi gli autori fossero impegnati ad ottenere l’oscar della depravazione. È tollerabile che la Rai, servizio pubblico, alle 21 entri con un programma a luci rosse nelle case degli italiani?».

Probabilmente se la stessa richiesta fosse venuta da un’associazione musulmana staremmo qui a parlare di censura medievale. Invece il presidente dell’Aiart, Luca Borgomeo, anni 72, si erge a paladino di una sorta di morale universale chiedendosi «perché in un Paese civile si deve sopportare l’incultura del servizio pubblico radiotelevisivo?»

La risposta, a tono, a Borgomeo, giunge dal direttore di Rai4 (canale che mette in onda la serie tv americana dal 2 maggio scorso) Carlo Freccero, anni 66. «Su questa serie ci sono decine di pubblicazioni e corsi di filosofia nelle università americane, come si fa a definirla pornografica? […] Senza le situazioni criticate da Aiart, il senso di pericolo e la descrizione delle pulsioni dei protagonisti verrebbero a mancare, falsando completamente il ritratto, fantastico ma verosimile, di uno spietato gioco di corte pseudo-medievale. Sarebbe come chiedere di rimuovere dalla mitologia le azioni più crudeli degli Dei o di espungere dalle tragedie greche i passaggi più violenti, come la morte di Clitennestra nelle Coefore di Eschilo».

Al di là dell’astio personale che indubbiamente esiste tra Borgomeo e Freccero, ciò che resta è la polemica dal sapore antico, e non certo per la citazione del direttore di Rai4. Ai tempi di internet e della televisione digitale, ma soprattutto dopo 30 anni di televisione generalista che ha mostrato di tutto e di più, non è forse il palinsesto di Aiart a necessitare di una decisa revisione?

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.