Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Corso online di scrittura creativa

Corso online di editing

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Gaia Manzini e Raymond Carver – BINARI (15)

HopperChe orrore la normalità! Da “Nudo di famiglia” a “Cattedrale”

 

Una sottile angoscia permea le scritture di Gaia Manzini e di Raymond Carver, celeberrimo padre del minimalismo americano quest’ultimo, esordiente italiana da seguire con attenzione la prima. Continenti ed epoche diverse a dividerli, uno sguardo attento ai piccoli traumi della quotidianità, alle esistenze mediocri della gente comune, alle stolide ipocrisie che reggono l’illusione della serenità, ad accomunarli.

 

Nei quindici racconti di Nudo di famiglia (non tutti, va detto, allo stesso livello) Gaia Manzini, classe 1974, realizza un mosaico dei paradossi che rendono la dimensione domestica il luogo non dell’incontro, ma della costante tensione, e in cui a prevalere sono i silenzi:

Forse io e Lisa non abbiamo mai parlato veramente. La parola non serve solo a descrivere la realtà, ma anche a spezzarla” (La manovra di Heimlich)

Aspetto che parli, che mi rivolga una delle sue domande vaghe che valgono come un abbraccio caldo in cui posso metterci tutto: gioia, dolore, silenzio” (Lividi)

Marina e Lorenzo hanno tutto da dirsi, troppo, così tra loro c’è un silenzio cospiratore, così largo che lo senti premere con violenza per spaccare argini” (Il gioco della torre)

Le parole le stanno dentro congelate, non sono ganci per aggrapparsi al mondo” (Senza pieghe)

(Gaia Manzini, Nudo di famiglia, Galleria Fandango)

 

Per la Manzini c’è una sorta di immobilismo ottuso, di impossibilità a cambiare, a rinnovarsi e dunque a far proprie le istanze altrui, ecco allora che la vicinanza forzata genera attrito; le dinamiche egoistiche che regolano i rapporti sociali vengono replicate e amplificate nell’ambito famigliare. Forse proprio tale insistenza nel generalizzare un disagio rappresenta uno dei limiti della raccolta, insieme alla frammentazione talvolta eccessiva delle sequenze narrative. L’attendiamo con grande aspettativa alla prossima prova letteraria, a quanto pare imminente…

 

Raymond Carver (1938-1998) allarga gli orizzonti alle relazioni sociali nel loro complesso e in Cattedrale del 1983 (l’ultima sua raccolta di racconti) nei brandelli di esistenze lacerate che descrive giunge a instillare una mesta fiducia, un caparbio vitalismo; per cui anche i colpevoli possono redimersi e i vuoti colmarsi, tanto che nel superbo brano che dà il titolo all’opera un uomo insofferente verso l’amico cieco della moglie può giungere a immedesimarsi in lui e a cogliere aspetti imponderati dell’esistere.

Ma anche in Carver sono la nausea e l’amarezza le sensazioni dominanti, che il suo stile scabro e greve riesce a riprodurre nel lettore, oltre che sulla pagina, e ancora una volta è la famiglia il più immediato punto d’osservazione da cui scoprire (o condannare?) l’uomo moderno.

 

Da dove si trovava in cucina, con la borsa ancora in mano, riusciva a vedere di là in soggiorno lo schienale del divano e lo schermo del televisore. C’erano delle figure in movimento. I piedi nudi del marito spuntavano a un’estremità del divano. All’estremità opposta, sul cuscino appoggiato al bracciolo, scorgeva un pezzetto di testa. Non si muoveva per niente. Forse dormiva o forse no e magari non l’aveva neanche sentita rientrare. Ma lei decise che la cosa non faceva la benché minima differenza.” (Conservazione in: Raymond Carver, Cattedrale, minimum fax)

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.4 (5 voti)

Commenti

La famiglia, per quanto se ne è scritto e se ne è detto, rimane mondo inesplorato o, se esplorato, incomprensibile. Questo pseudo o presunto rifugio, dove si dà per scontato un legame di complicità, è spesso mondo estraneo - se non proprio ostile - al quale nascondersi e dal quale difendersi. Non siamo ancora, come qualcuno vorrebbe, al lager-famiglia, ma spessoin una specie di estraneità dolorosa.

Mi sembra un po' drastica come considerazione: non tutte le famiglie sono un involucro vuoto; è invitabile che la vicinanza possa portare anche dissapori e incomprensioni, spetta a ciascuno dei "famigliari" rendere il proprio ambiente domestico un approdo... O no?
Bene fa, però, la letteratura a mettere in guarda sulla retorica della famiglia/isola felice...

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.