In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Corso online di editing

Corso online di scrittura creativa

Fuori registro #16: Book in Progress e l'innovazione tecnologica a scuola

Book in progressDal Sud Italia è partito il progetto Book in Progress, motore dell'innovazione tecnologica nella scuola, voluto dal creativo preside dell'ITIS Majorana di Brindisi, Salvatore Giuliano. Il progetto del Dirigente Scolastico, descritto questo mese nella rubrica Fuori Registro, è iniziato cinque anni fa: è cresciuto in una realtà italiana scolastica ambivalente, in cui da un lato si sta tentando di introdurre la tecnologia nelle scuole tramite fondi ad hoc, dall'altro si evidenziano resistenze e perplessità sull'utilità del digitale nella didattica da parte di alcuni docenti e famiglie. Le critiche più comuni insistono sull'inadeguata formazione dei docenti, privi dei corsi di aggiornamento, sulla mancanza di buone linee di connessione e di validi strumenti hardware a scuola, sul gettare fumo negli occhi presentando alle famiglie un’apparente digitalizzazione, magari con tanto di tablet, che di fatto non si realizza nella didattica.

Spesso le critiche nascondono la scarsa volontà di alcuni docenti e dirigenti di mettersi in gioco prima di tutto rivedendo i propri metodi didattici: le modalità di apprendimento sono decisamente differenti rispetto ad alcuni anni fa, poiché diversi sono gli strumenti, gli stimoli, la forma mentis dei ragazzi contemporanei. La didattica digitale è la necessaria conseguenza di questi cambiamenti epocali, che forse i docenti e i pedagoghi non hanno ancora ben definito.

La portata innovativa del progetto Book in Progress nelle scuole sta nel riuscire a conciliare l’attuale necessità di innovare i testi di studio, i criteri di approccio alla disciplina, l'organizzazione temporale della lezione e l'ambiente scolastico, con un costante aggiornamento tra docenti di tutta Italia uniti da una rete, creata appositamente, che ha come capofila l'ITIS di Brindisi. Il progetto ha unito ottocento insegnanti e un centinaio di scuole che, attraverso i coordinatori di disciplina, si interfacciano continuamente sia online che offline.

I testi di studio sono prodotti dai docenti e dai ragazzi e vengono condivisi nella rete, per cui non solo si ottiene un notevole risparmio economico per le famiglie, ma vengono altresì personalizzati gli strumenti di apprendimento: i ragazzi costruiscono il loro studio insieme al docente e la qualità dell'apprendimento migliora notevolmente, stando ai risultati registrati all'interno degli Istituti aderenti.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Lo strumento didattico, il libro, diventa dunque “in progress” perché in continua evoluzione: si adatta ai diversi stili e alle diverse velocità di apprendimento dei ragazzi. La classe viene resa un laboratorio in cui gli studenti lavorano per competenze; si insegna con dinamiche basate sulla ricerca e sulla discussione, sull'interattività tra docenti, alunni e banche dati multimediali. Attualmente sono disponibili materiali nelle discipline di Italiano, Storia, Matematica, Fisica Scienze, Biologia, Latino, Filosofia, Diritto al prezzo del solo costo di stampa. La cifra risparmiata dall'acquisto dei libri in alcune scuole è stata reinvestita, previo accordo con le famiglie, per dotare tutti i ragazzi di un tablet, su cui sono stati caricati i testi digitali.

La risonanza che il progetto ha ottenuto in tutta la nazione ha portato il preside Giuliano a far parte dei “saggi” del Ministero dell'Istruzione per la riforma della didattica, a ricevere dal Governo la nomina di “digital champion”, insieme ad altri cento esperti nel settore dell'innovazione tecnologica, e a ospitare nell'Istituto Majorana una delegazione di innovatori provenienti da dodici Paesi dell'Unione Europea nell'ambito di un progetto di scambio di esperienze imprenditoriali.

Cambiare il modo di fare scuola è un processo complesso, necessita di continui aggiornamenti ma soprattutto ha bisogno di volontà, di voglia di cambiare e di percepire la necessità del cambiamento: il progetto Book in Progress dimostra che l'innovazione tecnologica a scuola è già una realtà. 

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.