In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Frattaglie di borghesia. “Tutto male finché dura” di Paolo Zardi

Frattaglie di borghesia. “Tutto male finché dura” di Paolo ZardiCi troviamo nei meandri di una metropoli decadente, periferica. La crema della peggior cittadinanza si inserisce in ogni riga e capitolo. Un protagonista altrettanto meschino, malvagio, ipocrita ed egoista: una figura che si muove solamente per il proprio tornaconto e, in particolare, per non farsi separare dal suo membro, richiesto da due usurai per saldare il debito di decine di migliaia di euro. Un maschio di mezza età che come un cane randagio raccatta quel che può, facendo il grosso con i più deboli, leccando i fondoschiena di chi ha qualche spicciolo in più di lui (anche la voce grossa basta per rendere il buono a nulla un servo perfetto), arrivando perfino ad utilizzare “Destiny”, un programma in cui un algoritmo propone sollazzi usa e getta, costantemente sotto controllo per non sfuggire alle ultime offerte di giovani in cerca di soldi o donne disperate. Quest’applicazione ritorna spesso nell’opera, simbolo di quanto oggi relazioni e sentimenti si siano ridotti a un semplice e freddo clic.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Tra crimini, strozzini e bugie, infatti, il protagonista di Tutto male finché dura (Feltrinelli) scalcia per rimanere a galla in un inferno di catrame e di cemento. Ed è a tutti gli effetti un personaggio cattivo, tanto da finire a odiarlo quando tenta di reinserirsi nella famiglia abbandonata in precedenza – Marta, una donna come tante che sacrifica ogni cosa per i propri figli, Elisa, sedicenne sognatrice, e Lucia, un genio di bambina – senza un minimo di pena, pietà, o amore. Non ha meriti, non ha pregi. Una figura chiusa in se stessa a tentare di riempirsi la pancia con ciò che trova: nei primi capitoli fa il dentista abusivo e così sbarca il lunario, facendo del male a ogni povero paziente, in gran parte extracomunitari.

«Ma anche se ora il molare rotto gli martellava la mandibola, lui era grato ai denti, e alla loro caducità, alla loro intrinseca vulnerabilità. Ci viveva, su quelle disgrazie.»

 

Questa persona, se così può esser definita, ha tutte le caratteristiche, elevate alla potenza, dell’uomo moderno, che sembra insidiarsi man mano nel nostro mondo terreno di questi anni. Eppure un minimo di bontà, di umanità, dovrà pur esserci da qualche parte, ma è così futile, passeggera come un cantare d’uccellino, che nemmeno la si nota tra le gravi note di padre fallito. Fallito a causa del proprio sé e di nessun altro. Così come, forse, il nostro mondo cade per mano nostra, poiché non si vuole vedere nient’altro che il male che aleggia su questa terra, finendo per farne parte.

Frattaglie di borghesia. “Tutto male finché dura” di Paolo Zardi

Se come padre è stato un fiasco, come sarà stato dunque come figlio?

«Nel cinquanta per cento dei casi il risultato è migliore dei cromosomi di partenza. È così che va avanti la selezione della specie… Tu stai nell’altro cinquanta per cento, nella parte bassa della curva, proprio ai margini. Da un secolo a questa parte, la selezione non vale più per gli esseri umani: vanno avanti tutti e tutti fanno figli. Spero che le tue bambine abbiano preso da Marta.»

 

Queste e altre frasi vengono lanciate dal padre morente, quando va a trovarlo per intimargli un’ultima, buona azione nei confronti del figlio. Esplicita la voglia che quel vecchio schiatti al più presto per mettere le mani sull’eredità.

Insomma questo protagonista si ritroverà a picchiare brave persone per soldi, a mentire di continuo alle figlie, toccando quasi il fondo quando parteciperà a un attacco terroristico. Riuscirà, entro l’ultima pagina, a riscattarsi?

Frattaglie di borghesia. “Tutto male finché dura” di Paolo Zardi

Figura di altro livello è invece quella di Marta: il modello di madre italiana media, vittima del destino ma guerriera della realtà, né magra né carina, ma con tanto amore nel cuore, il quale è totalmente dedicato alle proprie figlie, a tentare di renderle persone migliori di quanto lo sia stata lei (seppur di gran lunga migliore dell’ex marito). La bontà di questo grande cuore verrà continuamente spezzata e raggirata. Ma non verrà mai sconfitta.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Paolo Zardi, in questo scritto edito da Feltrinelli, non rinuncia alla sua linea di stile e tematica precedentemente battuta (XXI secolo e Il vangelo secondo Matteo). La prosa è veloce e chiara, striscia attorno ai piedi del meschino protagonista, scandagliando i bassifondi e gli emarginati. L’autore ci guida a conoscere ciò che chiama, meglio non si potrebbe definire, frattaglie di borghesia: pungente, ironico e deciso. Un libro che si fa divorare.


Per la prima foto, copyright: Ali Yahya.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.