Corso online di Scrittura Creativa

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Editing

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Forconi e populismo

ForconiSono tornati a bloccare le strade statali e le città, sono tornati a fermare il traffico, il flusso di city users, studenti, lavoratori italiani. Sono i forconi, un movimento di camionisti e padroncini, che non ci sta al carovita.

Questo il senso dei blocchi, ma è anche vero che il contenuto della rivendicazione e le modalità della battaglia assomigliano a delle marce un po’ fasciste, dal sapore populista, tanto care a monsieur Beppe Grillo. Proprio quest’ultimo tenta di cavalcare l’onda delle protesta rivendicando un ruolo che stavolta il web non può assegnargli. Si tratta di una protesta reale, non di un movimento virtuale, in uno spazio reale che è quello delle strade da e verso le città, non delle autostrade gratuite del web.

Grillo, dunque, ci prova a fare il salto, mentre i forconi urlano quanto e più di lui esigendo una riduzione delle accise. Il punto è che in un Paese dove i lavoratori hanno rappresentanze sindacali impegnate sui tavoli, i padroncini non trovano più spazio nelle rispettive rappresentanze e si auto-mobilitano, dando sfogo come possono all’incazzatura, talvolta vittime di un certo populismo di categoria e di un certo qualunquismo italiota da ultras.

Come dissi due anni fa, anche questa volta i forconi rappresentano se stessi dentro una rivendicazione tutta partigiana, senza prospettive generali, appiattita sul presente, sull’urgenza benzina, mentre il resto d’Italia, quando protesta, esce dal corporativismo e si spende su un pensiero più ampio, su un’idea complessa di Paese.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Questi limiti si vedono tutti: sono limiti culturali e politici, che nella pratica mostrano tutta la loro arrogante debolezza e un leghismo di categoria che cerca non solidarietà, ma favore. Perciò disapprovo questa lotta, pur nella consapevolezza dei problemi che vive la categoria, sentendo a tal proposito la necessità di un cambio di passo del governo, o di un ritorno alle urne entro il 2014.

Nell’incertezza politica, che vomita i suoi malesseri sulla vita di ciascuno di noi, la direzione più utile è quella della ricerca di un’espressione democratica nella rivendicazione, e francamente questi blocchi deturpano una democrazia già violata da un ventennio paranoide e fascistoide. Sarebbe meglio tracciare un’idea di trasporto pubblico e privato delle merci coinvolgendo i sindacati dei trasporti, per definire un quadro di trattativa ampio e concertato. Ma così non sarà e i forconi, dopo quest’ennesima fiammata, accenderanno i motori per tornare a lavorare.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.4 (9 voti)

Commenti

Strano paese l'Italia:
quando il popolo protesta allora è populista, se muore di fame in silenzio, allora sì che è popolare.
I miei complimenti.
http://www.ilcittadinox.com/blog/popolare-e-ordinario-per-chi-non-e-stra...
Gustavo Gesualdo

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.