Corso online di editing

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Corso online di scrittura creativa

“Fondata sulla bellezza” di Emilio Casalini

Emilio Casalini, Fondata sulla bellezzaSe dovessi riassumere in poche righe il libro di Emilio Casalini, Fondata sulla bellezza, edito da Sperling&Kupfer, direi il turismo come mezzo, l’Italia come brand (il marchio per chi ama l’italiano puro) e la bellezza come carta d’identità della nostra nazione. È risaputo che il turismo culturale è il giusto stimolante per movimentare l’economia, ma da noi sono pochissimi coloro che sembrano averlo capito.

È proprio il mancato rapporto tra enti privati e istituzioni che impedisce a questa nostra grande risorsa di diventare un vero e proprio strumento per intrattenere in modo degno i tanti turisti che ogni anno arrivano nella nostra penisola. Casalini, parlando di internet, si concentra sui quei siti che dovrebbero fornire le giuste informazioni alle tante persone che desiderano conoscere e vivere l’Italia. Oggetto di analisi è il sito Enit, dell’Agenzia Nazionale del Turismo, ricco di informazioni, ma non proprio in grado di stuzzicare al meglio l’interesse di chi lo visita. Accanto ad esso troviamo un altro interessante portale – italia.it –, che dalla sua nascita è sotto l’attenta osservazione di chi viaggia e di chi si occupa del settore turistico, perché questo spazio virtuale dedicato alla promozione del territorio ha spesso rivelato delle inesattezze (errori storici, geografici, mancanza di lingue adatte a tutte le tipologie di turisti) che hanno fuorviato non solo i visitatori stranieri ma anche noi autoctoni quando cerchiamo informazioni sulla storia del nostro Paese.

L’Italia, come evidenzia l’autore che da qualche anno collabora con la RAI, non è solo pittura, scultura e architettura; la nostra terra è colma di ricchezze anche dal punto di vista enogastronomico. I prodotti tipici (formaggi, salumi, dolci, vini olio e quant’altro vi venga in mente) sono un altro importante bene da salvaguardare e allo stesso tempo da promuovere comemarchio di qualità rivolto a coloro che vengono da un mondo diverso dal nostro e che amano deliziare il loro palato con le nostre prelibatezze. Quello che il giornalista mette in evidenza è che ancora una volta l’Italia possiede delle risorse culinarie validissime che, purtroppo, non sempre riescono a trovare il giusto canale per essere tutelate nelle loro qualità e valorizzate in modo adeguato per i turisti che le apprezzano, talvolta forse più di noi stessi.

Casalini fa esempi concreti che evidenziano come in Italia ci sia, in un certo senso, un eccesso di risorse, ma nonostante questo le cose non vanno come dovrebbero. Leggendo il libro si scopre che le coste della Sicilia sono più o meno lunghe come quelle delle Canarie, però c’è una piccola differenza: la Sicilia, questa nostra isola ricca di storia, arte, cultura e sapori, ha solo 6 milioni di pernottamenti, mentre le isole spagnole di prenotazioni ne hanno ben 75 milioni. E i musei? Un esempio ha per protagonista il Louvre di Parigi che nel 2012 ha avuto un numero di visitatori (10.052.277) pari alle presenze totali di tutti i musei italiani messi assieme. Avete presente l’affascinante scultura del Cristo velato di Giuseppe Sanmartino, realizzata nel 1753? Questo capolavoro si trova nel Museo Cappella San Severo a Napoli, ma per chi volesse vederlo sarà un’impresa trovare le giuste indicazioni per raggiungere il luogo. La scommessa del visitatore del week-end sarà riuscire a vedere l’opera entro l’orario stabilito dal museo, perché la domenica e i giorni festivi la cappella chiude alle 14. Questi sono solo alcuni degli ingranaggi arrugginiti della macchina del turismo italiano e sono il segno evidente che c’è qualcosa che non funziona.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Emilio CasaliniLa nostra terra, come emerge dal volume edito dalla Sperling, è davvero una miniera di risorse artistiche e culturali, ma l’organizzazione che dovrebbe promuovere i siti e occuparsi dei turisti sembra essere bloccata, tanto da fare cilecca nella maggior parte dei casi. Giusto per farvi un esempio riguardo all’accoglienza dei turisti stranieri, l’autore nel capitolo dedicato a Roma mette in evidenza le difficoltà che un viaggiatore trova appena sceso dall’aereo: i due euro per il carrello necessario a trasportare i bagagli (servizio gratuito all’estero); attraversamenti pedonali messi in punti dove passare è pericoloso; cartelli con indicazioni non comprensibili a tutti e spesso limitati a sole quattro lingue. Secondo Casalini, e non gli si può dare torto, è anche la poca conoscenza degli usi e costumi dei tanti turisti che arrivano da noi a rendere limitato il servizio per chi è in vacanza. I cinesi sono molto presenti e interessati alla nostra nazione, ma le strutture ricettive che dovrebbero rendere piacevole il loro soggiorno sono del tutto inadeguate a questo compito. In molte mancano indicazioni in lingua asiatica. Altro particolare da non trascurare è che a differenza della maggior parte delle persone che attingono le bevande da frigobar nelle camere d’albergo, il popolo cinese beve litri su litri d’acqua calda e the. La pecca, come emerge dall’indagine dello scrittore, è che la stragrande maggioranza delle strutture per turisti sono sprovviste di bollitori per l’acqua nelle camere da letto. Sembrano sciocchezze, ma come a noi piace trovare qualcosa di casa nostra quando siamo all’estero, non credete che farebbe piacere anche agli asiatici potersi scaldare un po’ d’acqua in camera senza doverla richieder al bar?

In Fondata sulla bellezza, Emilio Casalini prende il lettore per mano e lo porta in un viaggio itinerante attraverso un’Italia composta di stranezze, di paradossi che evidenziano come la mancata collaborazione tra le parti impedisca la rinascita del turismo. In questo caso, dove sembra non esserci una strada precisa da seguire, Casalini evidenzia l’esistenza di piccoli tentativi di rinascita che lottano per imporsi e che danno esiti positivi. Gli Alberghi diffusi (abitazioni adibite ad alberghi, che accolgono il turista facendolo sentire a casa e offrendogli le risorse migliori del territorio, sono stati avviati da Giancarlo Dall’Ara, esperto di marketing e turismo negli anni ’80) sono “una luce nella nebbia” e per tale ragione dovrebbero essere presi come modelli ideali da considerare per risollevare l’intera economia nazionale.

Ognuno di noi dovrebbe tenere sottomano questo libro per capire che forse è possibile uscire da questa crisi nera, prendendo coscienza del valore trascurato del nostro patrimonio artistico, culturale e gastronomico, scoprendo che forse prima ancora che sul lavoro la vera identità degli italiani e dell’Italia è quella di essere una repubblica fondata anche su una grande bellezza, come ci illustra con cognizione di causa Emilio Casalini.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Purtroppo del Turismo ai nostri politici non interessa niente perchè, come mi hanno spiegato una volta in un albergo trentino, non si può rubare: troppi gli operatori e troppo parcellizzati gli investimenti.
Ma... c'è sempre un ma: poichè i recenti finanziamenti della UE puntano sulla formazione continua io credo che un bel giro di soldi stia già alimentando i soliti 4 a tutto scapito della collettività e di un progetto turismo comune; bastava andare A Firenze al BTO fiera per gli addetti al Turismo prezzo del biglietto: 258€ per ?
Un programmino davvero striminzito.
Inoltre le competenze italiane, a cominciare dalle Università, sono davvero carenti.
Ho un agriturismo :https://www.facebook.com/miralaghi/photos_stream?tab=photos_albums, lavoro bene, non vivo del mio lavoro ( in Italia bisogna scegliere o campi del tuo lavoro o investi nel tuo lavoro- ma non entrambe le cose) ma faccio vivere questa grandissima proprietà e una miriade di società e persone più tutto l'indotto; sono oltre 300 ha di pura bellezza ( 10 ha a coltivo per gli animale selvatici) con la più bella vista su Umbria e Toscana e dell'Umbria e Toscana. Il posto è indicato in decine di guide estere e del WEB eppure ignorato dai percorsi dei comuni limitrofi - nonostante diversi solleciti - e nel libro della Comunità Montana che descrive i 10 più bei percorsi dell'Umbria c'è sì ma , inspiegabilmente, si ferma a 500 mt dal punto più panoramico. Che disastro!.
Spianatemi la strada ed io corro o come dice Farinetti : The answer my friend is blowing in the wind" invece per mantenere il fatturato, che tuttavia è aumentato ogni anno, i miei sforzi stanno diventando titanici, in assenza di un " sistema Paese" - altra formuletta abusata.
Torno alla stimolante lettura del Libro di Casalini

Buongiorno
Maria Luisa
Tempo fa parlando con un imprenditore del settore alimentare ci trovammo di comune accordo sul fatto che una maggiore attenzione delle istituzioni nei confronti delle piccole e laboriose realtà turistiche (agriturismi, alberghi diffusi, B&B, borghi antichi)presenti sul nostro territorio potrebbe portare ad una serie di conseguenze utili per l’economia e l’arte italiana. Mi spiego meglio. Se gli enti del settore turistico, oltre ai grandi poli museali, considerassero anche le piccole realtà locali, si accorgerebbero delle bellezze e delle risorse artistiche ed enogastronomiche presenti in tutto il territorio italiano. Cultura e cibo, uniti e adeguatamente valorizzati porterebbero un imput positivo all’economia italiana. Comprendo perfettamente il suo stato d’animo e ammiro l’impegno con il quale svolge il suo lavoro, perché al giorno d’oggi non è facile svolgere il proprio lavoro. Nel nostro Paese le continue tasse, la lentezza dei procedimenti della burocrazia e la poca attenzione degli enti di riferimento complicano la vita di chi, come lei lavora nel settore turistico. Leggendo il post, quando scrive del fatto che il suo agriturismo è conosciuto all’estero, più che in Italia, ho pensato subito ad un altro libro – L’Italia degli altri, di Mario Fortunato (ed. Neri Pozza)-, nel quale l’autore, come ha espresso lei, evidenzia come gli italiani non si rendano conto delle bellezze e potenzialità che il mondo artistico e culturale nostrano riservano. Non so se sia distrazione, disinteresse, assuefazione dettata dall’abitudine di vedere ogni giorno gli stessi monumenti o qualcosa d’altro, ma le risorse qui ci sono, il problema è che sembra difficile poterle valorizzare in modo adeguato. Il libro di Casalini è molto stimolante e utile, perché ci mostra una serie di buchi organizzativi che il sistema turistico italiano presenta e suggerisce anche come si potrebbero colmare questi vuoti. Fondata sulla bellezza di Casalini dovrebbe essere letto da tutti, dai cittadini, dagli addetti ai lavori e dai gestori del settore turistico, per curiosità e per capire come migliorare le cose che non vanno e promuovere al meglio ogni risorsa del territorio.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.