Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

“Fine Impero” di Giuseppe Genna

Giuseppe Genna, Fine imperoUno, due, tre: così è tripartito l’ultimo libro di Giuseppe Genna, Fine Impero, Minimum fax 2013. Uno, due, tre e poi il nulla, la dissolvenza, la fine, appunto, di un impero. Nemmeno un titolo ad indicare questa tripartizione, bensì una semplice quanto elementare sequenza numerica. Il romanzo inizia con una fine: la morte di un’infante di dieci mesi che i genitori sotterrano dentro una bara bianca presso il cimitero di Chiaravalle di Milano. Durante il funerale, l’io narrante parla per conto del padre e della madre della bimba morta, si fa carico del loro dolore, ma sarà solo nella seconda parte del libro che parlerà in prima persona. Nelle prime quarantacinque pagine, si oscilla tra la terza persona plurale e la terza persona singolare per rappresentare la perdita della figlia. I genitori non hanno nome, sono identificati genericamente come il padre e la madre. I loro lineamenti si decompongono, come avviene nei quadri di Francis Bacon, e gli altri partecipanti alla cerimonia funebre temono di essere contagiati da questa perdita di fisionomia.

«Deprivazione di una figlia, di un figlio. Perché nella antica lingua italiana, letteraria fino dai primordi, non esiste un termine che indichi il contrario della condizione di “orfano”? Che cosa sono un padre e una madre che perdono un figlio, una figlia? Quale parola li denota? E affinché il termine eventualmente indicasse l’intensità della situazione – poiché non è nulla più intenso che perdere una figlia a dieci mesi – come sarebbe necessario agire in modo che le parole acquisissero intensità diverse? Scrivere poesie, un libro? Isolarle? Segnalarle? Accentarle come un insulto?».

L’io narrante, il padre che soffre, scrive per mestiere. Non è uno scrittore brillante; alcuni amici gli rimediano una collaborazione su Vanity Fair. Si occupa, quindi, di moda, di vanità, di vacuità. Nella seconda parte del libro, assistiamo a una vera e propria catabasi del protagonista nel mondo dello spettacolo e dello show business. A fare da psicopompo sarà lo Zio Bubba, che «è di più dei politici, in Italia, è quasi tutto»: un personaggio misterioso che ha aderenze con esponenti della politica e impone format e reality. In lui non è difficile ravvisare Lele Mora, una sorta di demiurgo della televisione, che scova giovani talenti, facendoli divenire celebrità del tubo catodico. In una notte senza fine vengono elencati con precisa locazione toponomastica tutti i luoghi della moda e della TV, che hanno l’epicentro nella Brianza, che «è un limbo tossico, è il primo segmento del convoglio ad alta velocità occidentale i cui binari conducono alla voragine e alla grande scossa, è la polena dal volto orrendamente deturpato e installata sulla prora della nave occidentale, ormai votata allo schianto oceanico».

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Giuseppe Genna, Fine imperoLa Milano da bere degli anni Ottanta, la capitale morale di Italia, raccoglie ed emana tutta la sozzura morale e culturale del Paese, che viene raccontata da un uomo che ha perso tutto, il quale viene traghettato in feste che non terminano mai, tra giovanissimi e giovanissime discinti che si insediano nella casa dello Zio Bubba e nella villa del Proprietario. Vi sono schermi sempre accesi, che riproducono immagini azzurrognole, che restituiscono la voce premierale tra barbagli di luce e borborigmi acustici. I riferimenti al ventennio berlusconiano sono troppo espliciti per non essere colti: la TV spazzatura, le telepromozioni, i programmi di wrestling, la statuetta del Duomo gettata sul volto di Berlusconi, i festini, le orge, la prostituzione minorile, la morte di Stefano Cucchi.

La trama del romanzo è pressoché nulla, vi è un arco temporale indistinto: il ciclo diventa unico e continuo. Nella terza ed ultima parte, si ritorna al cimitero di Chiaravalle e alla perdita della figlia. Il libro inizia e finisce con una condizione postuma; la circolarità è chiusa e non trova sbocco. Il linguaggio aderisce in maniera pregnante alla fine di un impero, facendosi installazione linguistica del dolore di un padre orfano della propria figlia, che è capro espiatorio, ma non profeta, giacché non può esistere un’epoca della profezia, in quanto non esistono più ere ora e nell’immediato. Frasi involute e contorte si mescolano a costruzioni monche e a espedienti eufonici che raggiungono vette liriche; formule e sintagmi vengono ripetuti, a volte, come una litania di dolore e di perdita. «Scrivere significa andare avanti, vergando le proprie sentenze di cenere». Giuseppe Genna è riuscito, qui più che in altri libri, a restituirci il senso di testimonianza che la scrittura può assumere, senza tuttavia assurgere all’albagia dei toni profetici.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (5 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.