Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Fantasy e vin brulé – “Warrior” di Antonio Lanzetta

Fantasy e vin brulé – “Warrior” di Antonio LanzettaBenvenuti alla quarta puntata di Fantasy e vin brulé, la rubrica di Sul Romanzo dedicata alle cinquanta al cubo sfumature del fantastico. Nello scorso appuntamento, il buon Vlad Sandrini ci ha portato in viaggio nelle cerchie del dantesco Inferno di Francesco Gungui, pubblicato da Fabbri Editori. Rimaniamo in Italia anche  questa volta e parliamo di Warrior, ultimo romanzo di Antonio Lanzetta, pubblicato da La Corte Editore (collana Labyrinth, 2013).

Sono due giorni che mi interrogo sul cosa scrivere a proposito di questo libro. Non ho una risposta, verrà fuori man mano che scrivo. Il principio è che, se ne stiamo parlando tra un bicchiere di vin brulé e l’altro, il romanzo infine ci ha convinti. Non è stato però un processo indolore. Trovare qualcosa indolore, in Warrior, sarebbe stato un paradosso.

Il romanzo ha per protagonista Darius, un lanciere di Andurian. Quando la terra che protegge viene schiacciata sotto il maglio dell’imperatore Caio Settimo, la sua famiglia sterminata, il valoroso soldato è piegato, fatto schiavo, deportato e costretto a combattere come gladiatore in una terra straniera. So far so good. È una storia che ci è stata raccontata tante volte, da Il gladiatore a Spartacus serie Tv, e ci piace proprio per questo.

Lanzetta ci catapulta in un futuro distopico popolato da esseri umani e mutanti uomini rettile, stagliati sulle ombre di un’antica civiltà con il volto della nostra, tramontata a favore di un impero che ricorda le vestigia della Roma cesarea ma con armature potenziate, esoscheletri e lanciafiamme. Un setting spietato ai limiti della fantascienza post-apocalittica. Nella prima parte del libro si è là, con Darius, la lancia di Andurian, come uno Spartacus nell’arena di Capua, che a testa alta e monosillabi non si piega alla violenza della sua nuova condizione. Polvere, sangue, sudore e gloria, tanto che se ne vorrebbe di più; più particolari, più immedesimazione, più attesa.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

“Warrior” di Antonio LanzettaWarrior però non è Spartacus, e il romanzo va per la sua strada, quella legittima del suo protagonista: la riconquista della libertà e la vendetta. Il “primo atto” finisce, Darius e i compagni che l’hanno aiutato a fuggire cercano di riorganizzarsi, ed è quando il romanzo si immerge nel plot principale che la tensione si allenta: un artefatto leggendario è custodito al di là del mare, un reperto del mondo che fu, un’arma che potrebbe spezzare il dominio di Caio Settimo. In questo nuovo palcoscenico – dove si intravede un’affascinante rovina simbolo della “nostra era” – l’azione non smette di essere martellante.

Forse questo è l’appunto, il principale, che ci si sente di fare a Warrior: l’azione incessante. Un “mostrare” continuo, scritto al limite della lima, molto bene, ma senza respiro, senza aperture. Un’ambientazione affascinante, che trapela al lettore tramite rarissime brecce, quando se ne vorrebbero di più; personaggi potenzialmente dirompenti, la cui profondità si limita a quella di comparse nella mischia, con pochissimi riferimenti al proprio passato,al proprio essere. Più ruoli che persone. Un high-concept serratissimo che, punto di forza del libro, a volte lo strozza, tanto che si vorrebbe saltare pagina, andare oltre, al plot.

Il plot però c’è, questo è da dire. E ci si torna. Battaglia dopo battaglia, morte dopo morte, Darius arriva alla resa dei conti, pagando però un prezzo molto salato. Il finale di Warrior non è scontato. È crudo, è difficile. Per me, lettore, è stato inaspettato, ed è ciò che alla fine fa riflettere di un libro che in fin dei conti èonesto, perché fa il suo dovere narrativo dall’inizio alla fine.

Warrior è un romanzo scritto bene, forse anche troppo (passatemela). Chi ama echi di distopia, azione al cardiopalma, combattimenti violenti, personaggi granitici ed epica, ha davanti a sé una lettura che merita.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.