In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Fantasy e vin brulé – “God Breaker” e il dio del tuono

Fantasy e vin bruléSignore e signori, benvenuti alla prima puntata di Fantasy e vin brulé. Non ci siamo ancora presentati: io sono Vlad e collaborerò con Andrea Atzori per questa nuova rubrica di Sul Romanzo. Come ha già anticipato Andrea nel commiato di Nella Pancia del Drago, parleremo di libri di generi fantastici che ci hanno colpito e lo faremo sul divano davanti a un buon bicchiere. In questa prima uscita, ci occuperemo di un libro edito qualche mese fa da Salani, God Breaker di Luca Tarenzi. La butto lì: il libro è accusato di avere le carte in regola per presentarsi come un nuovo classico del genere urban fantasy. Vediamo la trama.

Uno sconosciuto si presenta alla festa di capodanno nel lussuoso open space di Liàthan, a Londra. Indossa un giubbotto di cuoio nero e lancia una sfida al padrone di casa: Liàthan è invitato a decapitarlo, e fra un anno esatto lui ricambierà il gesto. Liàthan è una divinità dell'aria e delle tempeste. È alto, biondo, ha investito nella Compagnia delle Indie Orientali verso la fine del Settecento e ha circa quattromila anni.

Non ci vogliono molte pagine per fare mente locale su un dio del tuono alto, biondo, impulsivo e facile preda delle provocazioni e dei riflessi condizionati di un guerriero. Difficile non averlo ancora visto al cinema o in un fumetto, in armatura scintillante. Al cinema, in genere, brandiva un martello secondo la tradizione scandinava, mentre Liàthan – abaco alla mano – è molto più vecchio dei Vichinghi e anche della forgiatura dei martelli. Ancora meno pagine ci vogliono per riconoscere la trama del poema medievale inglese Galvano e il Cavaliere Verde, perché è lo stesso dio a riconoscerla ridendo di gusto.

Con una divinità millenaria in un quartiere in di Londra, io, da lettore, ho automaticamente delle aspettative. Non lo faccio apposta. Ho letto Sandman nei primi anni Novanta, ho adorato American Gods di cui fra l'altro si fa menzione nella fascetta gialla con cui mi è arrivato God Breaker. È una sparata da fascetta gialla, o il paragone con Neil Gaiman – colpevole con Pratchett e altri dell'esplosione dell'urban fantasy negli anni Novanta – è adeguato? Altroché. Scopriamo come.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Luca Tarenzi, God BreakerPrima di tutto, la fascetta descrive God Breaker come “incalzante”. Nelle prime pagine, una divinità dell'aria, in preda all'alcol e a stupefacenti metafisici, accetta una sfida mortale, proprio come il cavaliere Galvano. Non c'è difesa contro l'arma scelta, che proviene dalle origini dell'universo. Da questo momento all'anno successivo non c'è un attimo di tregua: Liàthan e i pochi (due) esseri che sopportano la sua presenza corrono contro il tempo per risolvere il mistero. Chi è questo parvenu mai visto, cosa può spingerlo a un tale rancore da fare terra bruciata intorno a un dio plurimillenario spingendolo a rompere uno a uno i patti e le alleanze più importanti? La tensione incalzante è il primo punto: uno a zero per la fascetta.

Il secondo aggettivo è “visionario”, paragonato a Gaiman. Mi sento di ricordare il rispetto di quest’ultimo per le tradizioni dei propri personaggi: il Loki di Sandman ha le labbra strappate, il martello Mjollnir ha un manico da stuzzicadenti, proprio come nel mito. In God Breaker, si scavano ipotesi più antiche di come può essere stato travisato il fatto divenendo tradizione, come per il gigante Bran il Benedetto; assistiamo all'enthousiasmòs del pensiero greco, che nel libro non è chiamato così, ma le reminescenze di studi umanistici non tardano a cogliere l'ispirazione divina dell'attore e del poeta, che mette in relazione l'idea con la carne e la creatività con la manifestazione; gli allucinogeni sono un efficace strumento per contattare il Dio Fungo; le Tre, che sono Tre dalle Parche fino alle Norne, in ogni era e nell'intera Europa, reggono e gestiscono i fili del Fato che legano tutti gli esseri lungo lo spaziotempo. Ciascuno di questi elementi non è uno spiegone gratuito, ma costituisce un tassello della trama: perfino la modalità in cui tutti gli dei della Terra sono passati per l'enthousiasmòs è cruciale per costruire un ingranaggio della minaccia a Liàthan e, quindi, l'impalcatura del libro.

Dopo aver collezionato il secondo punto, la fascetta non parla di paroloni tecnici come l'interpretazione dei personaggi – un'argomentazione che non vende altrettanto bene se non trovi un singolo aggettivo –, ma interessa a noi che siamo lettori esigenti e puntigliosi. Basta con queste fascette noiose. I personaggi sono dipinti attraverso attitudini e gesti e, per divinità e creature ultraterrene, mi pare corretto che le attitudini e i gesti siano ben sopra le righe. Così è normale che al mezz'orco Siaghal ogni parola debba essere estorta malvolentieri, e che lo si trovi chinato col naso sul marciapiede per seguire una pista; è logico trovare la corte di Bran in esasperazioni dell'etichetta come si conviene a una corte, pur con un uso di elettricità e alcolici di cui mi sentirei in colpa a rovinare la sorpresa; infine, è lineare che lo stesso Liàthan sia un fumettone intrattenitore. Ho già detto dell'impulsività e delle reazioni istintive? Liàthan è incapace di formalismi e trasforma una visita ufficiale e la sentenza di una corte rispettivamente in una battaglia e, beh, un'altra battaglia. Come si fa a resistere a un dio biondo e casinista?

Riassumendo, non si può che essere entusiasti di questa lettura. Non è solo un romanzo divertente di fantasia, ma un romanzo che mi ha dato l'occasione di approfondire vecchi miti. In più, non si può ignorare l'incastro di meccanismi cosmici e metafisici, logici e funzionanti come gli ingranaggi di un orologio. Meccanismi che illustrano pressoché l'intero orologio. Poco sopra, God Breaker è stato accusato di fare bella figura sullo stesso scaffale dei classici che hanno lanciato il genere: viste le prove che sono state presentate, l’imputato è dichiarato colpevole.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.9 (11 voti)

Commenti

Insomma, questo libro sembra davvero interessante e avvincente. Io per la verità amo molto il fantasy, ma preferisco quello classico, dal sapore medioevale. E devo aggiungere che leggendo la trama proprio non riesco a figurarmi un libro che possa rientrare nelle mie corde. Però leggendo questa recensione devo ammettere che un certo appetito viene... bravo!

Trovo eccitante l'idea che tanti autori moderni sentano la necessità di rievocare la potenza degli antichi dei. In questo senso credo abbia un significato profondo che molta letteratura cerchi sempre un confronto con la potenza del passato. Forse dipende dal fatto che gli eroi moderni possono essere scientifici ma hanno perso molto di quel potenziale magico che avevano le divinità omeriche....

Secondo me l'autore della recensione tifa troppo spassionatamente per l'autore del libro. Non è che vi conoscete? Insomma, a sentire le sue parole sembra di essere davanti al nuovo Tolkien. Comunque, qualcuno sa se è disponibile in versione digitale per e-book reader? Io oramai leggo solo con quello. (alla faccia di quelli che dicono sempre che però la carta ha un odore..)

Paragoni altisonanti... Gaiman. Chi lo sa. Comunque sentir parlare ancore di mezz'orchi, come al tempo di Dungeon & Dragons Advanced è quasi ridicolo. Divinità, thor, dio fungo... non so, ma mi sa di pasticcione fantasmagorico e poco sensato. A sentire il recensore viene da dire che mancano vampiri.... e perché non un paio di gnomi e un ameba o un rugginofago?

Lo vogliamo dire una volta per tutte? Leggendo i commenti dei miei colleghi blogger (o chi che siano) sembra sempre che ogni autore debba dar conto a loro. Un autore scrive per sé stesso, prima di tutto. Se poi quello che scrive piace, allora tanto va che la cosa funziona. Ma non sopporto i commenti di quelli che stanno lì a giudicare senza aver letto. Il recensore l'ha letto e gli è piaciuto. Gli altri andassero a leggere e poi ci dicono dopo aver letto. Per me mi riservo l'idea che se sto libro lo trovo da qualche parte magari inizio e vediamo se l'intro è così avvincente come dice il recensore.

Sono solo a metà per il momento ma sento di convidere quanto scritto in questa recensione.

Tarenzi ha studiato storia delle religioni e si vede, ogni elemento presentato nel libro è come fosse la punta di un iceberg dietro al quale si può intuire la massa del mito o, meglio, dei miti dai quali è stato estratto e la scrittura è eccellente, il paragone col Gaiman romanziere non è affatto azzardato. Entrambi hanno una scrittura asciutta ma evocativa che senza dover ricorrere a parole complesse o frasi circonvolute riescono a far scorrere la storia davanti agli occhi del lettore e a fargli percepire cosa stanno provando i pesonaggi grazie a un uso molto ben azzeccato delle similitudini.

La trama al momento scorre velocemente e senza troppe incertezze. Non è, finora, la trama più bella del mondo ma fa perfettamente il suo dovere avvincendo e incastrando un pezzo dietro l'altro, procurandosi, man mano che scopre le carte, di lasciare sempre qualcosa in sospeso per dopo.
Vedrò come finirà. Ho letto in giro che il finale è un po' in calando, tornerò a dirvi ;)

Finito e confermo il giudizio positivo. La trama regge dall'inizio alla fine. Il finale, a mio avviso, è convincente se nonché chi è abituato a leggere certe storie arriva con un attimo di anticipo sulle tre svolte finali (ma nella letteratura iente si crea, niente si distrugge e tutto si rielabora), ma trattasi di tre svolte ben integrate e sensate.

Alla fine me lo sono ampiamente goduto e seguirò l'autore che spesso possa regalarci altri libri belli come questo :)

Libro spettacolare, assieme a "Quando il diavolo ti accarezza" e "Le due lune", entra nella mia trilogia di libri preferiti di Luca Tarenzi. Ottimo stile, trama e sottotrame interessanti, personaggi ben delineati ma soprattutto una bella atmosfera fantastica che viene voglia di attraversare la Città, di entrare nella torre delle nebbie del Castello Sforzesco o di levarsi in volo con Liathan. Luca Tarenzi è davvero bravo nel recuperare tradizioni e leggende (anche locali), adattandole ai nostri tempi, dando l'idea che tutto sia così dannatamente vero. Ogni suoi libro è un viaggio verso nuovi mondi e spero che il viaggio continui a lungo.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.