Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

"Fai bei sogni", Marco Bellocchio porta sullo schermo il bestseller di Massimo Gramellini

"Fai bei sogni", Marco Bellocchio porta sullo schermo il bestseller di Massimo GramelliniSarà nelle sale italiane a partire dal 10 novembre Fai bei sogni, che il regista Marco Bellocchio ha tratto dall'omonimo romanzo di Massimo Gramellini (Longanesi, 2012), un libro che con un milione e trecentocinquantamila copie vendute è stato uno dei maggiori bestseller italiani di questi anni.

La storia, autobiografica, racconta la dolorosa crescita del protagonista, rimasto orfano di madre a soli nove anni: rifiutandosi di accettarne la morte, Massimo cresce in una specie di catatonia affettiva, che lo porta a evitare le emozioni e persino a inventarsi, a beneficio degli amici, una madre trasferitasi a vivere lontano per motivi di lavoro pur di non ammetterne la scomparsa.Solo molti anni dopo, lasciatisi alle spalle un primo matrimonio fallito e una traumatica esperienza come inviato speciale a Sarajevo negli anni Novanta, il protagonista, grazie anche all'amore di Elisa che diventa la sua seconda moglie, riuscirà finalmente a fare la pace con sé stesso, archiviando in modo definitivo i fantasmi del passato.

Il passaggio da un romanzo a un film è sempre un momento delicato: il rischio è spesso quello che sceneggiatore e regista cedano alla tentazione di modificare in modo più o meno deciso la trama, magari con l'intenzione di renderla più "cinematografica", rischiando però di snaturarla e, in definitiva, di scontentare i lettori che avevano decretato il successo del libro.

"Fai bei sogni", Marco Bellocchio porta sullo schermo il bestseller di Massimo Gramellini

In questo caso, Marco Bellocchio ha scelto di essere molto fedele alla storia narrata da Gramellini, che all'anteprima romana del film si è dichiarato più che soddisfatto del risultato, precisando che «ogni libro ha due autori, lo scrittore e il lettore, e quando lo legge un regista deve dare la sua interpretazione. Il film è suo, con i suoi attori. Io volevo stare dietro, ho chiesto solo a Marco di non cambiare lo spirito, l'umore del libro, che è il racconto di come si può affrontare un dolore, tentando di rimuoverlo tutta la vita, per poi riuscire ad affrontarlo solo quando lo si accetta. E lui lo ha fatto».

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Non a caso, Gramellini non firma nemmeno la sceneggiatura del film, che risulta così "liberamente tratto" dal suo romanzo.

L'operazione si può comunque considerare ben riuscita, grazie soprattutto all'ottima scelta degli attori chiamati a interpretare i protagonisti, a cominciare da Nicolò Cabras, che interpreta il protagonista bambino. Valerio Mastrandrea è un Massimo adulto molto intenso, più cupo e sofferto del protagonista del romanzo, che in realtà, raccontando la sua crescita dal punto di vista adulto, non mancava di sottolineare spesso le proprie fobie infantili con un pizzico d'ironia.

"Fai bei sogni", Marco Bellocchio porta sullo schermo il bestseller di Massimo Gramellini

Barbara Ronchi e Guido Caprino interpretano i ruoli dei genitori di Massimo, mentre Bérénice Bejo è Elisa, e il grande Roberto Herlitzka, che già era stato Aldo Moro in un precedente film di Bellocchio (Buongiorno, notte del 2003) impersona uno degli insegnanti del collegio religioso in cui viene mandato a studiare il protagonista.

 

LEGGI ANCHE – Massimo Gramellini e Chiara Gamberale: “Avrò cura di te” durante un brunch domenicale

"Fai bei sogni", Marco Bellocchio porta sullo schermo il bestseller di Massimo Gramellini

In conclusione, l'unica critica che possiamo muovere al film è che gli stacchi temporali tra un momento e l'altro della vita del protagonista, che nel libro erano comunque chiariti dalla narrazione in prima persona, qui appaiono a volte un po' troppo bruschi, e non di immediata comprensione per lo spettatore, che può restarne leggermente spiazzato: questo comunque non pregiudica un giudizio ampiamente positivo sulla versione cinematografica di Fai bei sogni.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.