In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Facebook e la vetrina del salumiere

[Terzo Girone della Rubrica All’Inferno, scrittore esordiente!]

Demorciso, scrittori esordientiFacebook nasce per tenere i contatti con gli amici lontani, farsene di nuovi e tampinare probabili acquirenti d’opere librarie, spesso autoprodotte o edite a pagamento.
Sì, è così, ché, se pubblichi con Mondadori, poi non passi il tempo libero a spammare sulle bacheche altrui. In questo caso, anzi, sono i lettori a venire da te, alla spicciolata o in fila indiana, portando oro, incenso e mirra... E, ovviamente, tanti complimenti. Che devono essere salivari, al punto da risaltare per la loro pregnanza. Di questo, però, parleremo nel prossimo girone, dedicato al sistema piramidale degli amici degli amici degli amici.

Oggi, invece, parleremo dell’uso, o meglio dell’abuso di Facebook: sarà questa la vetrina che vi farà conoscere al grande pubblico? Beh, magari sì, l’importante è non farlo scappare prima.
Procediamo con ordine, in questo modo potrete saltare le vetrine che non vi espongono. Ma non barate, eh?

Vetrina n. 1: Salumieri a casa propria

Lo scrittore esordiente pubblica un libro autoprodotto e lo comunica al mondo inserendo sulla propria bacheca il link all’acquisto. Continuamente!
Manda alcune copie a blog generalisti che recensiscono un po’ di tutto — vedremo nel prossimo  girone il caso delle recensioni di scambio e a pagamento —, ottiene quanto sperato e linka tali risultati sulla sua bacheca. Continuamente!
Questo, spesso e volentieri, vi farà odiare da molte persone. Contemporaneamente!

E il vostro profilo diventerebbe monotematico. Ve ne rendete conto, vero? Diventereste un po’ come Bette Midler: «Ora basta parlare di me, parliamo un po' di voi. Cosa ne pensate di me?». Spero che la citazione vi tolga ogni dubbio in merito: una bacheca che parla solo e unicamente del vostro libro equivale a un canale televisivo che passa sempre e solo lo stesso spot.

Inotre, l’edizione fa la differenza e incide in maniera netta sulla vostra cerchia d’amici: se la pubblicazione è a pagamento, la gente scapperà alla svelta; i libri autoprodotti saranno tollerati, ma nessuno avrà il coraggio di interagire coi vostri spazi pubblicitari. Cliccare mi piace equivale a levarsi in fretta il pensiero, niente di più.
Fatevene una ragione: davanti alla tv si cambia canale, su Facebook eviteranno la vostra bacheca.

Vetrina n. 2: Il menù del salumiere

Se pubblicare link sulla vostra bacheca non ha portato il romanzo tra i dieci bestseller dell’anno, la mossa successiva, di solito, è scrivere una nota su Facebook. Lì lo scrittore esordiente inserirà un’anteprima, la quarta e tutte le informazioni per l’acquisto. Incerti su quali amici taggare, li taggherete tutti, in questo modo la nota andrà su molte bacheche e saranno in tanti a farsi vivi. Già, solitamente per levare quel tag.
Fortunatamente Facebook ha inserito un piccolo marchingegno legato alla privacy di ogni iscritto: si chiama controllo dei tag. In molti abbiamo subito messo la spunta a questa diavoleria, sappiatelo. La nota non sarà fastidiosa quanto l’inserimento forzoso di uno spot all’acquisto sulle bacheche altrui, ma non potete davvero credere che il vostro libro possa interessare a persone con cui non avete mai scambiato nemmeno un buongiorno. Proprio non potete, dai, su.

Vetrina n. 3: Salumieri a casa d’altri

Ecco, questo è il caso peggiore. Accade quando uno scrittore s’infila nella bacheca di un altro e la usa come rampa di lancio per i propri lavori. Solitamente si prediligono le bacheche che parlano di libri, o quelle con un sacco di contatti e un gran movimento di commenti.
Che fa l’autore in cerca di gloria? Affigge lì, nella bacheca altrui, il link al proprio libro o commenta sornione, citando la propria opera – ché un po’ di vergogna, a volte, riesce persino a frenare l’entusiasmo.

Mettetevi una mano al cuore: conoscete davvero la persona a cui state rifilando il vostro link? Siete certi che sia interessata a leggervi e comprarvi? Immagino che, il più delle volte, questa domanda non sfiori nemmeno per un attimo il salumiere in casa d’altri.
Naturalmente la vetrina altrui viene buona anche per linkare e pubblicizzare la propria pagina personale, il gruppo dedicato al libro che si è scritto e il gruppo di poesia a cui si è dato vita.
Spendiamo allora due parole sui poeti da Facebook. Siate sinceri, quante poesie, quanti haiku, quanti versi perversi vi hanno davvero fatto battere il cuore? Eppure questo social network pullula di poeti incompresi, tanto che a volte viene da chiedersi se l’incomprensione sia tutta colpa dei lettori.

Vetrina n. 4: Salumieri tra altri salumieri

È il caso dei gruppi letterari e poetici: lì siete tra gente del mestiere, artisti che, come voi, attendono di essere letti e sperano in una buona parola. Commentate favorevolmente il lavoro altrui e vedrete che qualcuno ricambierà presto la cortesia. Può anche succedere che riusciate ad appioppare il vostro libro a qualche collega, ma di solito vi chiederà di comprare il suo: a questo punto entrambi avrete un acquirente, ma non è detto abbiate anche un lettore. Non sempre le due cose coincidono.

Vetrina n. 5: Salumieri in azione

Prendiamo il caso di uno scrittore famoso, Sandrone Dazieri: «[…] Esce il mio nuovo libro, avviso che lo presenterò a Milano, la mia pagina Fb ribolle di richieste. Vieni anche qui, anche là, anche su anche giù. Siamo qui, ti aspettiamo, non vediamo l’ora di vederti. E faccio uno sbaglio. Ci credo. Credo veramente che esista una comunità di lettori, che ha voglia di discutere con me
di quello che faccio. […] E arriviamo alla serata di Bologna di ieri. Organizzata, discussa sulle
pagine, avvisata… Ancora una volta, la sala vuota, o quasi. […]»

Di questa cosa parleremo più ampiamente nel girone Dall’inferno on line all’infernale realtà, per il momento vi basti sapere che tutti quei «Ci sarò» sulla pagina dell’evento legato alla presentazione del vostro libro valgono quanto un assegno scoperto.

Vetrina in allestimento, scrittura, facebookPrima di lasciarvi, un altro esempio di salumeria a domicilio: gli inviti al voto
I più classici richiedono un mi piace che faccia salire l’indice di gradimento di un racconto, di una poesia (a volte di una foto), ma c’è chi sa fare di meglio.
Billy il vizio di leggere, rubrica libraria del Tg1, vuole eleggere il miglior libro dell’anno e la scelta sta ai lettori. Adoro questi concorsi popolari, dove non c’è trucco e non c’è inganno. Sembra pensarla così anche Michela Marzano, autrice di Volevo essere una farfalla — titolo che partecipa alla tenzone —, che, infatti, invita amici e conoscenti a darle un voto: «[…] Quello che vi chiedo oggi, è solo di dirlo con un voto! un voto ogni giorno fino al 25 gennaio! un voto per dirlo... e perché anche altre persone possano un giorno leggerlo. Immagino non sia l’unica a chiedere il nostro appoggio, difatti è lei stessa a farlo presente: […] Ogni autore è stato invitato a diffondere l'informazione e a far votare i propri amici. Allora ovviamente lo faccio anche io. […]»
Non mi resta che augurare in bocca al lupo a Michela Marzano, in attesa che gli altri partecipanti chiedano, allo stesso modo, un aiutino.


Il Quarto Girone della Rubrica All’Inferno, scrittore esordiente! sarà on line il 24/03/2012.

Chiariremo cosa s'intende per scrittore, riveleremo le manovre più usate per diventare amici di uno scrittore, daremo qualche consiglio per scalare il meccanismo piramidale e faremo qualche esempio di recensioni di scambio e a pagamento. Incontreremo Gian Paolo Serino, Tommaso Debenedetti e Raul Montanari.

La foto in alto a destra è di di F. Rinaldi ed è tratta da Demorciso, opera dei fratelli Scuotto

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (13 voti)

Commenti

Io e un amico di cui mai vi farò il nome - Mario B. - abbiamo deciso da tempo di fondare la Cialtroni Editori. Non escludo però di annetterci un ristorantino. Prezzi modici, la cena per gli autori viene via a poco, previo saldo di 600 copie da tenere in cantina per i regali di Natale e Pasqua ad amici, parenti e conoscenti. Un affare!

Venghino siori, venghino... :)

Guarda che l'idea non è male, perché l'attribuzione del termine "cialtrone" nasconde la traccia della genialità tanto osteggiata dai mediocri. Cialtroni sono coloro i quali, avendo guardata la verità nelle pupille, sono così stupidi da raccontarlo in giro, fingendo di ignorare che la Verità, nella sua essenza, è incomunicabile. Anche se la si conosce perfettamente appena la si traduce in parole diviene altra cosa, ed è una cosa che fa meritare l'attributo di cialtroneria. Poi ci sono gli altri di cialtroni, corrispondenti al lato oscuro del termine, e sono la maggioranza all'ennesima potenza che l'umanità onora con la definizione di "uomini di cultura".

Per carità! Mi si dia del cialtrone ma si tenga lontana da me la parola "cultura"! :D

ecco... questo sì che mi sembra un atteggiamento intelligente e "colto"...
;)

La cultura non vorrebbe mai avermi vicina, come quando, ventenne, il chiodo e i capelli blu consigliavano alle vecchie signore di non occupare il posto accanto mio. :)

Era "accanto al mio", ma nella fretta ho rotto la zip del chiodo.
Eh? No, niente. :)

In effetti oggigiorno la cultura viene sottoposta a procedure tali che la sviliscono a tal punto da annichilirla.
Gli scrittori non sanno più come fare per far volare nell'aere le loro preziose opere, in questo mondo così veloce, così poco attento ai contenuti, così attento solo all'apparire.
Gli scrittori a un certo punto si sentono umiliati, dal momento che tutto sembra remar loro contro.
Io, assieme a una cara amica - assieme alla quale fonderemo la CIALTRONI EDITORE, per dare finalmente spazio a tutti i manoscritti - stiamo pensando a un progetto unico nel suo genere, che tapperà una volta per tutte bocche che sono solo invidiose.

Accettiamo ogni tipo di pubblicità su nostre apposite - prestigiosissime - pagine; possiamo procurare per voi lettori di gran nome che possono recensire meravigliosamente ogni opera (siamo specializzati in poesie); possiamo diffondere nella nostra ramificata e qualificatissima rete di contatti le Vostre opere, scrivere note di sperticato elogio anche in ordine a presentazioni che si sono tenute nelle vostre/nostre librerie di fiducia alle quali non c'era nemmeno il libraio; possiamo diffondere dati che invoglino alla vendita, come ad esempio che il Vostro capolavoro ha venduto milioni di copie, anche se non l'ha comprato nemmeno vostra nonna.
POSSIAMO INDIRE CONCORSI AD HOC AI QUALI FARVI VINCERE CON PREMI CONSEGNATI CON TANTO DI BANDA!
Insomma, possiamo fare tutto quello che volete, a modici prezzi.
Abbiamo milioni di amici su facebook, su twitter (anche su ebay e youtube!), su blog e altro, che non vedono l'ora di sapere delle vostre composizioni! Che aspettate? Non siete ancora stufi delle battute lepide di chi credevate amico o di quei falsi e solo rassicuranti "mi piace" o "oh ma che bravo, bello e intenso" che appaiono in calce a ciò che vi è costato ore e ore di fatica?
Il nostro motto è: "Tutto fa curriculum".
E ora una poesia:

Cultura, cultura mia
sei come l'orizzonte, oh linea immaginaria ma visibile
che più l'avvicini più s'allontana,
ah maledetta
vittima della natura, madre o matrigna?
Oh, tu, non guardare i gabbiani, né le onde
guarda l'orizzonte
là c'è il mio cuore
la cultura
oh luna.

Contattateci liberamente ma astenersi perditempo.

Siamo già così avanti coi lavori e non mi dici niente?
Ma sei proprio un cialtrone! :)

Hai scordato di ricordare che i concorsi sono a pagamento "solo per i più meritevoli", gli artisti che finiranno nell'antologia condominiale. Gli altri, quelli che mandano roba impubblicabile - ma sono pochissimi, sia chiaro -, si vedranno restituire la somma sborsata. Ma con calma, con molta calma.

È un'iniziativa evidentemente fallimentare perché vi ritroverete a rispondere di plagio. Decine di case editrici vi accuseranno di esservi impossessati illecitamente del loro prestigio perché nessuno è più cialtrone di loro. E il giudice vi condannerà. Forse, se utilizzaste altri termini, tipo "Editori liberali libertari libertini" vi becchereste soltanto denunce dal mondo della politica... e l'anno seguente all'assoluzione sareste in Parlamento.

Non ci avevo mai pensato! Accidenti, stavamo per ficcarci in un guaio.

Mario, bisogna cambiare nome alla ditta. :D

In premio al vostro aver accettato i miei consigli, e considerando che vi piace criticare le poesie, ve ne farò leggere una delle mie. Ha per titolo:

COME PULCI

Come foglie che disegnano il vento
il mio viver racconta il Mistero
che è nascosto nel greve tormento
di esser ciechi alla vista del vero

Come pulci su piastra che scotta
non si ha tempo per esser sinceri
ci s'illude d'esser pronti alla lotta
contro noi stessi così uguali a ieri

No, niente, mi spiace.
Se sono riuscita io a trovarci un senso, allora ha un senso e quindi non la puoi inserire su Yahoo Answers.
Guarda, mi spiace davvero tanto. :)

Troppo comoda prenderla di striscio... occorre buttarsi addosso a se stessi, ma senza impeto né anestesia. La lotta contro di sé non ha, per evidenti ragioni, colpi segreti, e dunque deve essere affrontata con delicatezza auto convincendosi che si è il peggior individuo del pianeta e, di seguito, infierire con le parolacce. Questo è solo il primo stadio del lavorare attorno alla propria infingardìa. Nel secondo round si devono analizzare, ordinandole in scala gerarchica a discendere d'importanza, tutte le abitudini deleterie da sradicare e qui è facile, soprattutto per voi donne: via il veleno sulla lingua, basta spettegolare, niente più atteggiamenti vendicativi e associazionistici, addio alle quote rosa (questo non c'entra, ma suona bene alle orecchie maschili)... mentre noi maschi dobbiamo soltanto diminuire la birra e i super alcolici... :D
Il terzo e ultimo passo manco te lo spiego perché tanto non ci arriverai mai. :°)))

Caro Massimo, tu frequenti donne prevedibili e io devo diminuire la birra. :)

Non frequento donne. Mia moglie è più vicina a un sergente istruttore, di quelli che quando danno un ordine vogliono sentirsi rispondere, a voce alta nel senso che alza il livello di sottomissione: "Signorsì signore!". Al minimo tentennamento cento piegamenti da eseguire sul corrimano della ringhiera del balcone, quello che dà su una strada dove le macchine sembrano così piccine...

Già mi sta simpatica. :D

Mai darsi per vinti. Sto redigendo un contrattino con caratteri molto piccoli, pieno di lemmi, commi, postille e corollari. Praticamente inattaccabile e che lega a vita il formatario.

* con il firmatario.

Chiamami se ti serve aiuto per insaponare la corda. :D

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.