Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Fabbriche e campagna elettorale

DisoccupazioneSento parlare molto, in questa campagna elettorale per le europee, di Lavoro e di Industria. Ma quanti sono i candidati che vanno davanti alle fabbriche? Quanti sono quelli che si fermano a parlare con gli operai e gli impiegati? Quanti riescono a stoppare la protesta grillina che penetra nel mondo del lavoro pesante?

Ci sono giovani capaci e meno, giovani operai insidiati dalla riforma Fornero, tutti nella medesima situazione d’instabilità, di timore: tutti incolpevoli, poiché singoli e soli di fronte al macigno della crisi. Come parlare a questi lavoratori di idee e di progetti, dopo l’abbandono e la crisi? Con quale coraggio proporre un ripensamento del sistema produttivo nazionale?

Il terzo settore, in questo, può essere determinante, come anche strutture di formazione a supporto della ricollocazione dei fuoriusciti. Ammortizzatori sociali, investimenti e servizi ai lavoratori e alle lavoratrici, insomma, con un occhio particolare a chi si usura anche in giovane età.

Questo Paese deve essere più nostro, e noi più loro, a disposizione di quei bisogni che, se insoddisfatti, recano un danno permanente e procurano una frattura tra persone e persone, cuori e cuori: in un reciproco allontanamento che rischia di sfociare nella rabbia e di dar ragione ai protestatari di professione.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

In questo quadro, dove il rischio positivo è stato confuso con l’azzardo, l’Italia non si riprende e soffoca stretta nella morsa dell’individualismo più nero. Non abbiamo tempo da perdere, certo, ma forse non abbiamo più tempo. La storia ci sta consegnando all’oblio, poiché monchi di un progetto che storpi l’attualità e raddrizzi il futuro. Intere generazioni hanno la responsabilità di quanto sta accadendo, e glielo rinfacciano la fatica degli operai e la desolazione dei disoccupati: un misto di rancore e sudore che trova oggi, in Grillo, un attizzatore di carboni, un interlocutore privilegiato. Per questo, per tutto questo, io ho paura che l’uscita dalla crisi possa essere politica ed autoritaria.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (4 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.